Herbert Grönemeyer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Herbert Arthur Wiglev Clamor Grönemeyer (Gottinga, 12 aprile 1956) è un attore, musicista e cantautore tedesco.

In Germania è considerato uno dei più popolari musicisti della nazione. Dal 1984 tutti i suoi album si sono posizionati al primo posto delle classifiche musicali tedesche.

Herbert Grönemeyer
Attività: Attore / Musicista / Cantante / Compositore
Band attuale
Voce/Tastiere: Herbert Grönemeyer
Tastiere: Alfred Kritzer
Basso: Norbert Hamm
Chitarra: Jakob Hansonis
Chitarra: Stephan Zobeley
Jazz-Sassofonista: Frank Kirchner
Batteria: Armin Rühl
Grönland Records
Direttore: Herbert Grönemeyer
Managing Director: René Renner
Coordinatore etichetta: Katja Plasse
Artist & Repertoire: Robert Hoile
Coordinatore europeo: Lenz Hein
Sito web: GROENLAND RECORDS

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Infanzia e adolescenza (1956 - 1973)[modifica | modifica sorgente]

Herbert Grönemeyer è nato a Gottinga ed è il più giovane di una famiglia composta da genitori e due fratelli, Dietrich e Wilhelm. Quando Herbert ha 4 mesi la famiglia si trasferisce a Bochum, città che Herbert considererà sempre suo luogo natio. Grazie alla sua famiglia, da parte di madre, Herbert poté venire a contatto con la musica e iniziò a prendere, come già suo fratello aveva fatto precedentemente, lezioni di pianoforte. A posteriori, racconta la sua educazione nel modo seguente: "Penso di essere cresciuto fra amore, passione per la musica e discreto rigore". A Bochum egli frequentò anche il liceo classico (Gymnasium am Ostring) e si impegnò, fra le altre cose, nel coro della scuola. A scuola conobbe anche quello che diventò il famoso pianista Claude-Oliver Rudolph che rimase il suo migliore amico e consigliere durante la sua infanzia. Insieme a Claude-Oliver Rudolph si procurò presso il teatro di Bochum (Schauspielhaus Bochum) i suoi primi guadagni come pianista - il suo amico lavorava come attore. Importante fu anche un gruppo di Wattenscheid, nelle cui prove lui investì molto del suo tempo. Oltre alla musica, Herbert si interessò molto soprattutto di calcio per cui divenne socio della società calcistica Victoria Bochum. Dopo la maturità, nel 1975, iniziò gli studi universitari in musica e giurisprudenza.

Inizi della carriera (1974 - 1983)[modifica | modifica sorgente]

Grönemeyer racconta i suoi inizi

Grönemeyer venne per la prima volta in contatto con la vita teatrale come interprete del cantante della Bo-Band al Teatro di Bochum. Successivamente lavorò lì come maestro concertista e nel 1974 preparò le sue prime composizioni. La sua rivelazione come attore la si deve a Joachim Preen, che lo portò in scena per la prima volta con il pezzo „John, George, Paul, Ringo e Bert" di William Martin Russel.
"Non sono mai stato un grande attore" e "Nei ruoli di Shakespeare ero sempre lo stupido amante e il più imbranato che se ne va in giro", così giudica se stesso a proposito dei suoi tentativi a teatro. Nel 1976 diventò direttore musicale del teatro di Bochum e interpretò gli altri ruoli teatrali come Till Uhlenspiegel, nella parte del Conte Orlowsky in Die Fledermaus e nella parte di Melchior in Frühlings Erwachen di Frank Wedekinds. Qui lavorò anche con Peter Zadek e la coreografa Pina Bausch.

Anche se Grönemeyer non frequentò mai una scuola di recitazione, prese parte ad alcuni telefilm. La carriera come attore venne accelerata nel 1977 con il ruolo nel film Die Geisel (L'ostaggio). Nel 1978, durante le riprese del telefilm Uns reicht das nicht (A noi non basta) per la Fernsehfilm, Herbert Grönemeyer conobbe l'attrice Anna Henkel, sua futura moglie. Così egli la ricorda: "Lei veniva da Amburgo ed era una persona estremamente orgogliosa. Non si era veramente mai lamentata sul lavoro, ma aveva sempre cercato di vivere in modo preciso e uno per uno i momenti e la fortuna". Nello stesso anno viene pubblicato il suo primo disco con il gruppo jazz-rock Ocean, con Herbert in qualità di cantante della Ocean Orchestra.

Nel 1979 Herbert divenne noto al grande pubblico come interprete televisivo in Daheim unter Fremden (A casa degli stranieri). Nello stesso anno lavorò alcuni mesi sotto la direzione del regista Claus Peymann come direttore musicale al teatro Württembergischen Staatstheater di Stoccarda, recitò la parte di Lorenzo nel Der Kaufmann von Venedig (Il mercante di Venezia) al teatro Schauspielhaus Köln (Colonia) e debuttò come solista nel suo Grönemeyer. L'album ottenne il Goldene Zitrone (Limone d'oro) per la più brutta cover dell'anno. Nel 1981 uscì Zwo il secondo album di Grönemeyer. Entrambi gli album non riscossero alcun successo commerciale.

Nel 1981 Grönemeyer comparve nel film U-Boot 96 di Wolfgang Petersen (dal romanzo di Lothar-Günther Buchheim), al fianco di colleghi come Jürgen Prochnow, Klaus Wennemann, Martin Semmelrogge, Jan Fedder, Heinz Hoenig e Uwe Ochsenknecht, nel ruolo del sottotenente Werner.

Grönemeyer affermò il suo stile: "Io affermo che sono un cantante, non faccio viaggi poetici o cose del genere" e "Sono un cantante e cerco per così dire di modellare e maltrattare la lingua così che essa mi si adatti, essendo un cantante, come uno strumento", replicò. Impulsi decisivi vennero soprattutto dal Neuen Deutschen Welle e Herbert Grönemeyer rimarcò: "Questo mi ha dato il coraggio di rimanere sui miei passi: Eccomi qua, io canto così, questo è il mio disco".

Per la coproduzione tedesca del film di Peter Schamoni „Frühlingssinfonie" in cui egli interpretò il ruolo di Robert Schumann a fianco di Nastassja Kinski (Clara Wieck) e Rolf Hoppe (Friedrich Wieck), visse metà dell'anno 1982 nella DDR (Germania dell'Est).

Si concentrò sempre di più sulla sua musica. Per l'album successivo scrisse "Anna" e "Musik nur, wenn sie laut ist". Il suo classico Currywurst si formava col tempo, con la molla di Diether Krebs, Jürgen Triebel e Horst-Herbert Krause. Andò in tournée, ma numerosi concerti dovettero essere annullati per mancanza di interesse da parte del pubblico.

Gli album nati dalla collaborazione con Otto Draeger e Edo Zanki furono commercialmente così privi di successo che la Intercord Ton GmbH, dopo la pubblicazione nel 1983 dell'album „Gemischte Gefühle", sciolse il contratto.

Successo musicale con "4630 Bochum" (1984 1991)[modifica | modifica sorgente]

Dopo il cambio alla EMI, egli raggiunse il successo musicale nel 1984 con l'album „4630 Bochum". Sulle origini dell'album afferma Grönemeyer: "Io volevo fondare una band, i miei musicisti non volevano fondare una band con me! Loro trovavano il tutto troppo rischioso e non così interessante. Allora io ho fatto "Bochum" tutto da solo." L'album rimase 79 settimane nella Top 100 della Hitparade. Mentre in tutto il mondo Thriller di Michael Jackson era nominato l'album di maggior successo dell'anno, questo titolo in Germania veniva conferito nel 1984 a „Bochum". Soprattutto il singolo "Männer" (Uomini) rese l'artista famoso in tutta la Germania.

Nel 1985 Grönemeyer recitò a fianco di Julie Christie, Burt Lancaster e Bruno Ganz „Väter und Söhne" (Padri e figli) del regista Bernard Sinkel per la Deutz-Film. Nel 1986, con l'album "Sprünge" (Balzi), prese per la prima volta una posizione politica. I titoli „Tanzen" (Ballare) e „Lächeln" (Sorridere) sono commenti alla posizione della nazione e attaccano la coalizione di governo CDU-FDP e l'allora cancelliere Helmut Kohl.

All'Anti-WAAhnsinns-Festival a Wackersdorf, Grönemeyer suonò davanti a oltre 100.000 spettatori. Al grosso successo dell'album „Ö" (1988) contribuirono soprattutto i titoli „Halt mich" (Tienimi stretto), „Vollmond" (Luna piena) e „Was soll das" (Cosa significa). Contemporaneamente furono pubblicati in lingua inglese i maggiori successi di Grönemeyer in „What's All This". La canzone titolo dell'album arrivò in Canada nelle classifiche dei singoli. A questo fece seguito una tournée in Canada.

Per la colonna sonora del telefilm „Sommer in Lesmona" (Estate a Lesmona) Grönemeyer venne premiato con il premio Adolf-Grimme. Dopo la caduta del muro di Berlino egli pubblicò „Luxus", un disco con cui esternò lo stato d'animo suo e della società nella Germania dell'Est e dell'Ovest. Egli stesso ritiene questo disco il più noioso dal punto di vista musicale. La versione in lingua inglese dell'album „Luxus" uscì nel 1991 in Canada; essa contiene anche una versione in francese della canzone „Marie".

Nuovi percorsi (1993 - 2007)[modifica | modifica sorgente]

Il 20 gennaio 1993 Grönemeyer sposa la sua compagna di vita Anna Henkel, con la quale ha già avuto due figli, Felix (4 maggio 1987) e Marie (31 luglio 1989). Nello stesso anno esce l'album „Chaos", che dovrebbe dare l'impressione di essere più ruvido e duro del precedente album „Luxus". In effetti egli lascia dietro di sé il „vecchio" Grönemeyer e si guadagna con quest'album il primo posto della Hit Parade tedesca. Il relativo tour vede nei mesi successivi oltre 600.000 persone.

Nel 1994 l'emittente musicale MTV invita Grönemeyer come primo artista non di lingua inglese nella trasmissione MTV Unplugged. Il concerto si svolge il 15 maggio dello stesso anno negli studi Babelsberger.

All'inizio del 1998 si trasferisce con la sua famiglia a Londra dove egli da allora trascorre la maggior parte dell'anno. Lì ha il proprio studio nei Mayfair Studios, dove continua a produrre in lingua tedesca.

Il 21 aprile 1998 Grönemeyer pubblica l' album „Bleibt alles anders". In meno di quattro settimane raggiunge il disco di platino in Germania. Alla prima parte della tournée partecipano circa 350.000 fans. Con la morte di suo fratello Wilhelm il 3 novembre 1998 e di sua moglie Anna il 5 novembre 1998 Grönemeyer riceve due duri colpi. Necessita di oltre un anno per rimettersi in attività dal punto di vista artistico.

Nel 2000 Grönemeyer suona due concerti all'Expo di Hannover con 80 membri dell'orchestra. Da qui farà uscire successivamente il doppio DVD „Stand der Dinge" (Lo stato delle cose).

Nell'agosto 2002 pubblica l'album „Mensch", la terza parte della Trilogia „Chaos" - „Bleibt alles anders" - „Mensch". L'album fu premiato col disco di platino ancora prima della pubblicazione per via delle prenotazioni, guadagnò in tutto dieci dischi di platino, raggiunse la posizione numero 1 nelle classifiche tedesche sia per il singolo che per l'album. Il singolo Mensch fu la canzone più di successo di Grönemeyer, con la quale egli - per la prima volta nella sua lunga carriera - ebbe la posizione più alta delle classifiche tedesche dei singoli.

Dal 2002 Herbert Grönemeyer girò tutta la Germania con la sua tournée „Alles Gute von gestern bis Mensch". L'8 luglio 2003 la sua tournée dovette concludersi a Montreux (Svizzera). Fino ad allora 1,5 milioni di spettatori aveva partecipato ai concerti. A causa del grande successo il tour venne allungato nel giugno 2004 e si concluse, dopo due anni, l'8 gennaio, con un concerto di tre ore e mezzo, in occasione della cerimonia di apertura dello stadio LTU arena di Düsseldorf. Nel 2003 pubblicò il Live-DVD e, come primo DVD, si guadagnò il primo posto della Hit Parade tedesca.

Il 7 aprile 2006 il singolo di Grönemeyer „Zeit, dass sich was dreht" venne annunciato e il 19 maggio 2006 arrivò in commercio. Si tratta della canzone inno ufficiale in occasione del Campionato mondiale di calcio, che canta insieme al duo proveniente dal Mali Amadou & Mariam. Il titolo in versione inglese è „Celebrate the Day", la versione francese si chiama „Fetez cette journée". Il 9 giugno 2006, in occasione dell'apertura ufficiale dei campionati mondiali di calcio 2006 allo stadio Allianz Arena Herbert Grönemeyer presenta la canzone. Pochi giorni dopo il singolo raggiunge la cima delle classifiche e porta a Herbert Grönemeyer la seconda Hit n. 1 della sua carriera. Il 14 ottobre 2006 sottoscrive una domanda di ammissione presso la società calcistica VfL Bochum e riceve in ricordo dell'inno di successo "4630 Bochum", il numero di socio 4630.

La canzone „Lied 1 - Stück vom Himmel", pubblicata il 2 febbraio 2007, raggiunge il 13 febbraio il primo posto della classifica dei singoli ed è per Grönemeyers la terza Hit n. 1. Il 2 marzo 2007 esce l'album „12".

Impegni sociali[modifica | modifica sorgente]

Intervista al 1° White Band Day di Berlino

Grönemeyer è socialmente impegnato. Già nel 1985 ha iniziato il progetto "Band für Afrika". Si tratta, similmente alla Band Aid, di un progetto comune fra diversi artisti allo scopo di raccogliere fondi per l'Africa. Il singolo „Nackt im Wind" ha raggiunto nel 1985 il 3º posto della classifica tedesca.

Attualmente Grönemeyer è presidente della associazione Deine Stimme gegen Armut (La tua voce contro la povertà), versione tedesca dell'iniziativa di Bob Geldof „Make Poverty History". Dal 2005 egli sostiene finanziariamente l'iniziativa, tramite il Governo federale. Si deve ricordare che la Germania, come tutti gli altri stati appartenenti alle Nazioni Unite, si è impegnata a fare tutto il possibile per dimezzare entro il 2015 in tutto il mondo le situazioni di estrema povertà. Egli si impegna attivamente per la cancellazione del debito dei paesi più poveri dell'Africa. Il 2 luglio 2005, il cosiddetto White Band Day, Grönemeyer si è esibito a Berlino con artisti tedeschi ed internazionali, allo stesso tempo con star mondiali, in nuovi e diversi concerti intorno al mondo.

Il 10 ottobre 2005 Grönemeyer è stato nominato dalla prestigiosa rivista TIME "Time European Hero 2005" (Eroe europeo del Time 2005), insieme a personaggi tra i quali Bob Geldof e Pedro Almodovar.

Progetti attuali[modifica | modifica sorgente]

L'album „12", porterà Grönemeyer in tour per 21 concerti negli stadi di Germania, Austria, Italia (Merano, unica data) e Svizzera . Il tour avrà inizio il 24 maggio 2007 allo stadio di Lipsia (Zentralstadion Leipzig).

L'etichetta "Grönland Records"[modifica | modifica sorgente]

Grönemeyer ha partecipato attivamente alla serie televisiva Pop 2000, che racconta la storia di 50 anni di musica pop e cultura giovanile in Germania. Nell'ambito di questo lavoro ha fondato l'etichetta discografica Grönland Records che gestisce insieme a Rene Renner. La Grönland Records offre ai propri e ad altri artisti la possibilità di aderire alla casa editrice privata Polar Bear Publishing.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album[modifica | modifica sorgente]

Album in tedesco[modifica | modifica sorgente]

Concerto a Friburgo 2004
Titolo Anno Formato
Ocean Orchestra 1978 LP
Grönemeyer 1979 LP
Zwo 1981 LP, CD
Total egal 1982 LP, CD
Gemischte Gefühle 1983 LP, MC, CD
4630 Bochum 1984 LP, CD
Sprünge 1986 LP, CD
Ö 1988 CD
Luxus 1991 CD
So gut 79-83 1992 CD
Chaos 1993 CD
Cosmic Chaos 1993 CD
Bleibt alles anders 1998 CD
Mensch 2002 CD
12 2007 CD

Album in inglese[modifica | modifica sorgente]

Titolo Anno Formato
What's all this 1988 CD
Luxus 1991 CD
Chaos 1996 CD

Album dal vivo[modifica | modifica sorgente]

Titolo Anno Formato
Grönemeyer Live 1995 CD
Unplugged Herbert 1995 CD
Stand der Dinge (CD, DVD) 2000 CD

Singoli[modifica | modifica sorgente]

Singoli in tedesco[modifica | modifica sorgente]

Titolo Anno Estratto da:
Pompeji 1979 Grönemeyer
Anna 1982 Total Egal
Currywurst 1982 Total Egal
Musik, nur wenn sie laut ist 1983 Gemischte Gefühle
Kaufen 1983 Gemischte Gefühle
Männer 1984 Bochum
Alkohol 1984 Bochum
Flugzeuge im Bauch 1984 Bochum
Kinder an die Macht 1986 Sprünge
Tanzen 1986 Sprünge
Nur noch so 1986 Sprünge
Was soll das? 1988 Ö
Vollmond 1988 Ö
Halt mich 1988 Ö
Komet 1988 Ö
Deine Liebe klebt 1990 Luxus
Luxus 1990 Luxus
Marie 1991 Luxus
Haarscharf 1991 Luxus
Video 1991 Luxus
Onur 1991 Gemischte Gefühle
Chaos 1993 Chaos
Fisch im Netz 1993 Chaos
Land unter 1993 Chaos
Die Härte 1994 Chaos
Morgenrot 1995 Chaos
Halt mich (unplugged) 1995 Unplugged Herbert
Ich hab dich lieb 1996 Grönemeyer Live
Bochum (live) 1996 Grönemeyer Live
Ich will mehr (unplugged) 1996 Unplugged Herbert
Halt mich (live) 1996 Grönemeyer Live
Land unter (unplugged) 1996 Unplugged Herbert
Land unter (Dance Versions) 1996 Chaos
Bleibt alles anders 1998 Bleibt alles anders
Letzte Version 1998 Bleibt alles anders
Nach mir 1998 Bleibt alles anders
Fanatisch 1998 Bleibt alles anders
Stand der Dinge (Promo) 1998 Bleibt alles anders
Ich dreh mich um dich 1999 Bleibt alles anders
Da Da Da 2000 Pop 2000
Lächeln (live) 2000 Grönemeyer Live
Flugzeuge im Bauch (live) 2000 Grönemeyer Live
Mensch 2002 Mensch
Der Weg 2002 Mensch
Demo (Letzter Tag) 2003 Mensch
Zum Meer 2003 Mensch
Zeit, dass sich was dreht 2006 kein Album
Lied 1 – Stück vom Himmel 2007 12
Lied 3 – Du bist die 2007 12

Singoli in inglese[modifica | modifica sorgente]

Titolo Anno Estratto da:
Don't begin 1979 Ocean Orchestra
Full Moon 1988 What's all this
Marie - Canada Release 1992 Luxus - Canada Release
Hard Cash 1992 Luxus

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 118684126 LCCN: no97038469