Henryk Szeryng

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Henryk Szeryng (Żelazowa Wola, 22 settembre 1918Kassel, 3 marzo 1988) è stato un violinista polacco naturalizzato messicano.

Henryk Szeryng (1964)

Compì gli studi di violino con Carl Flesch a Berlino e gli studi di composizione a Parigi con Nadia Boulanger. Fu uno dei maggiori violinisti del suo tempo ed è famoso per la sua interpretazione delle sonate e partite di Johann Sebastian Bach delle quali fece una revisione critica attualmente usata da moltissimi studenti e violinisti edita dalla Schott nel 1981.

Per il Teatro La Fenice esegue nel 1960 il Concerto per violino e orchestra (Beethoven) nel Cortile del Palazzo Ducale (Venezia), nel 1973 10 Sonate di Beethoven con il pianista Eugenio Bagnoli in tre concerti, nel 1974 Sonate e Partite di Johann Sebastian Bach con la clavicembalista Huguette Dreyfus in tre concerti e nel 1976 tre Sonate di Johannes Brahms con Bagnoli.

A Salisburgo esegue nel 1965, 1967 e 1968 un concerto con il pianista Marinus Flipse, nel 1967 il Concerto per violino e orchestra (Brahms) con i Wiener Philharmoniker diretto da Claudio Abbado, nel 1970 il Concerto n. 2 per violino e orchestra di Béla Bartók con i Berliner Philharmonisches Orchester diretto da Seiji Ozawa ed esegue Sonate di Mozart in concerto con la pianista Ingrid Haebler nel 1970 e 1973, nel 1973 il Concerto per violino e orchestra n. 7 (Mozart) con la London Symphony Orchestra diretto da Karl Böhm e nel 1979 un recital con il pianista James Tocco.

Nel 1975 vince il Grammy Award for Best Chamber Music Performance per l'album Brahms: Piano Trio No. 3, Op. 101/Schubert: Piano Trio No. 2, d. 929 (Rubinstein Collection, Vol. 73) per la RCA con Artur Rubinstein e Pierre Fournier e nel 1976 il Grammy Award for Best Chamber Music Performance per l'album Schubert, The Piano Trios - Op. 99 In B-Flat • Op. 100 In E-Flat - Rubinstein/Szeryng/Fournier, del 1975 per la RCA Red Seal.

Al Teatro alla Scala nel 1988 tiene un recital.

Discografia parziale[modifica | modifica sorgente]

  • Bach, J.S.: Violin Concertos; Concerto for 2 Violins; Air from Suite No. 3 - Academy of St. Martin In the Fields/Henryk Szeryng/Maurice Hasson/Sir Neville Marriner, 1976 Philips
  • Bach, Sonatas & Partitas - Henryk Szeryng, 1968 Deutsche Grammophon
  • Beethoven, Piano Trios (Complete Beethoven Edition Vol. 9) - Beaux Arts Trio/Eckart Besch/Henryk Szeryng/Pierre Fournier/Thomas Brandis/Wilhelm Kempff/Wolfgang Böttcher, 1997 Deutsche Grammophon
  • Beethoven, Violin Concerto & Violin Romances Nos. 1 & 2 - Bernard Haitink/Henryk Szeryng/Royal Concertgebouw Orchestra, 1986 Philips
  • Beethoven: Sonatas Nos. 5, 8 & 9 for Violin and Piano - Arthur Rubinstein & Henryk Szeryng, 1999 BMG
  • Beethoven, Violin Sonatas "Spring" and "Kreutzer" - Henryk Szeryng & Ingrid Haebler, Philips
  • Brahms: 3 Violin & Piano Sonatas, Opp. 78, 100, & 108 - Arthur Rubinstein & Henryk Szeryng, 1999 BMG
  • Brahms, Violin Concerto & Concerto for Violin and Cello - Bernard Haitink/Henryk Szeryng/János Starker/Royal Concertgebouw Orchestra, Philips
  • Mozart, The Violin Concertos (Vol. 1) - Henryk Szeryng/New Philharmonia Orchestra/Sir Alexander Gibson, 2005 Decca/Philips Complete Mozart Edition
  • Mozart: Sonatas for Piano & Violin, K. 451 & K. 481 - Henryk Szeryng/Ingrid Haebler/New Philharmonia Orchestra/Sir Alexander Gibson, Philips/Decca
  • Mozart: The Great Violin Sonatas, Vol. 2 - Henryk Szeryng & Ingrid Haebler, Philips
  • Paganini, Violin Concertos Nos. 1 & 3 - Henryk Szeryng/London Symphony Orchestra/Sir Alexander Gibson, Philips
  • Saint-Saëns, Violin Concerto No. 3 & Havanaise & Introduction et Rondo Capriccioso - Ravel: Tzigane - Eduard van Remoortel/Henryk Szeryng/Orchestre national de l'Opéra de Monte-Carlo, 1970 Philips
  • Schubert Piano Trio No. 1; Schumann Piano Trio No. 1 - Arthur Rubinstein/Henryk Szeryng/Pierre Fournier, BMG

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze polacche[modifica | modifica sorgente]

Croce di Ufficiale dell'Ordine della Polonia Restituta - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ufficiale dell'Ordine della Polonia Restituta
Croce di Cavaliere dell'Ordine della Polonia Restituta - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Cavaliere dell'Ordine della Polonia Restituta
Croce al merito - nastrino per uniforme ordinaria Croce al merito

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Ufficiale dell'Ordine della Corona (Belgio) - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine della Corona (Belgio)
Cavaliere dell'Ordine del Leone di Finlandia (Finlandia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Leone di Finlandia (Finlandia)
Ufficiale dell'Ordine della Legion d'onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine della Legion d'onore (Francia)
Cavaliere dell'Ordine della Legion d'onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Legion d'onore (Francia)
Commendatore dell'Ordre des Arts et des Lettres (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordre des Arts et des Lettres (Francia)
Ufficiale dell'Ordre des Arts et des Lettres (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordre des Arts et des Lettres (Francia)
Corona d'Oro dell'Ordine della grande stella di Iugoslavia (Iugoslavia) - nastrino per uniforme ordinaria Corona d'Oro dell'Ordine della grande stella di Iugoslavia (Iugoslavia)
Commendatore dell'Ordine di San Carlo (Monaco) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine di San Carlo (Monaco)
Commendatore dell'Ordine dell'Istruzione Pubblica (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dell'Istruzione Pubblica (Portogallo)
Commendatore dell'Ordine Civile di Alfonso X il Saggio (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine Civile di Alfonso X il Saggio (Spagna)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Robert C. Bachmann, Henryk Szeryng, in A l’écoute des grands interprètes, Editions Payot, Lausanne 1977, pp. 175–192.
  • Boris Schwarz, Henryk Szeryng, in Great Masters of the Violin: From Corelli and Vivaldi to Stern, Zukerman and Perlman, London, Robert Hale, 1983, pp. 347–349
  • Henry Roth, Henryk Szeryng, in Violin Virtuosos, From Paganini to the 21st Century, Los Angeles, California Classics Books, 1997, pp. 176–185
  • Jean-Michel Molkhou, Henryk Szeryng, in Les grands violonistes du XXe siècle. Tome 1- De Kreisler à Kremer, 1875-1947, Paris, Buchet Chastel, 2011, pp. 197–202

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 27253341 LCCN: n85072674