Henghel Gualdi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Henghel Gualdi (Correggio, 4 luglio 1924Bologna, 16 giugno 2005) è stato un musicista e clarinettista italiano, molto conosciuto anche all'estero, è da molti ritenuto il miglior clarinettista jazz italiano di tutti i tempi.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Henghel nasce a Correggio, cittadina nella bassa reggiana ma la sua infanzia e adolescenza appartiene a San Martino in Rio, un centro vicino. La musica è stata subito la sua passione, tanto che a soli 10 anni già suonava nella banda correggese "Luigi Asioli", meritando nel 1935 la miglior pagella del corso con la votazione di 9/10 sia in solfeggio che in strumento. Si iscrive al Conservatorio "Achille Peri" di Reggio Emilia, sotto la guida del maestro Augusto Battaglia, fino al conseguimento del diploma in Clarinetto. Nel frattempo ha suonato anche in altre bande musicali della zona, assieme al padre Roberto (trombonista, morto prematuramente nel 1947). Durante la seconda guerra mondiale, il suo fascino per le big band americane, lo fa avvicinare alla musica jazz e all'improvvisazione, utilizzando come modello le grandi orchestre di Glenn Miller e Tommy Dorsey.

Nel 1944, durante la Leva obbligatoria, suona nella banda militare accanto al grande Paolo Borciani (violinista del Quartetto italiano) e a Giuseppe Guastalla, maestro del coro della Scala di Milano. Appena finita la guerra, dopo la morte del padre, per potere mandare avanti la sua numerosa famiglia (3 sorelle, 1 fratello e la madre), è costretto a reinventarsi suonatore di liscio, girando le più importanti balere della regione.

In questi anni la sua fama si allarga ad un orizzonte nazionale. Al Cristallino di Cortina una sera viene a sentirlo lo scrittore Ernest Hemingway, il quale rimane molto impressionato dalle sue doti musicali e virtuosistiche. La prima volta che è andato a Milano in un locale alla moda dove suonava il trombettista americano Rex Stewart (noto componente dell'orchestra di Duke Ellington), non lo volevano più lasciar andare via.

Ben presto la sua popolarità oltrepassa l'Italia e lo porta a collaborare con musicisti di fama mondiale come Bill Coleman, Chet Baker, Count Basie, Gerry Mulligan, Paquito D'Rivera, Sidney Bechet, Albert Nicholas, e a suonare assieme a degli autentici "mostri sacri" dell jazz americano, quali Louis Armstrong, Lionel Hampton, Teddy Wilson, Joe Venuti, girando con varie formazioni musicali tutta Europa.

E giù proposte, anche per il festival del jazz di Parigi, ove si esibivano Parker, Gillespie e Louis Armstrong, ma Gualdi, forse intimidito da tali presenze, si rifugia nel Quintetto Odeon.

Proposte arrivano anche dagli Stati Uniti, ma Gualdi ha paura dell'aereo (solo Pavarotti nel 1989, riesce a convincerlo a prenderne uno per seguirlo nella sua tournée americana).

Nel 1952 è con Paolo Zavallone, nel cui complesso cantava Luciana Sasdelli, che porterà all'altare l'8 ottobre 1955. Dopo il matrimonio sposta la sua residenza a Bologna.

Henghel Gualdi con il suo complesso al "Settimo cielo" di Bologna nel 1953

Negli anni '50 la sua orchestra è una delle più seguite alla radio e nel 1954 vince il concorso radiofonico "Bacchetta d'oro Pezziol" organizzato dalla RAI, presentato da Nunzio Filogamo, davanti alle orchestre di Peppino Principe ed Happy Boys di Nino Donzelli, la prima orchestra di Mina. Al concorso partecipavano le più importanti orchestre italiane di allora come Fred Buscaglione, Giovanni Fenati, Renato Carosone, Bruno Canfora e numerosi altri.

Nel 1957 vince il prestigioso premio "Benny Goodman italiano", superando in finale Glauco Masetti, Leonardo Principe e Euclide Zoffoli, considerati i talenti più importanti del panorama jazzistico italiano di quei tempi.

Stardust, Estrelita, Saint Louis Blues erano i suoi cavalli di battaglia.

La sua fama è ormai diffusa, tanto che Tito lo chiama ad inaugurare lo stadio di Belgrado.

Nel 1962 esordisce alla direzione dello Zecchino d'Oro al teatro Antoniano di Bologna, e viene confermato anche per l'anno successivo, quando la manifestazione si sposta nel neonato studio televisivo. Pochi anni più tardi, 1968 il grande trombettista e cantante Louis Armstrong vuole essere accompagnato dalla sua band durante la sua esibizione al Festival di Sanremo. È un vero trionfo!Esattamente l'anno prima, nell'estate del 1967 partecipa alla trasmissione televisiva "Lei non si Preoccupi"condotta in prima serata su Rai1 dal Mo Enrico Simonetti e da Isabella Biagini riscuetendo un grande successo e dimostrando ancora una volta il suo valore di straordinario musicista.

La sua attività concertistica prosegue sempre costante negli anni successivi, fino ai giorni nostri. Sono altresì da ricordare il concerto al Memorial clarinet di Riccione nel 1982 con Pupi Avati e Gianni Sanjust.

A Rimini nel 1994 suona alla presenza di George Bush e Michail Gorbačëv.

Nel 1996 è Woody Allen a trattenerlo un'ora chiedendogli consigli utili sullo strumento.

Negli ultimi anni è spesso a Cattolica ad insegnare ai ragazzi l'amore per la musica jazz.

Il suo ultimo brano, scritto con Dante Torricelli, si intitola "Frizzantino" ed è dedicato alla Bourbon Street Dixie Band di Cremona con la quale aveva suonato poco tempo prima. Quasi fosse un presentimento, invia il brano a Beppe Corbari assieme ad una toccante lettera e Beppe lo riarrangia e lo inserisce nel cd "When the Saints ..." come "Henghel for Bourbon" in Suo onore.

Muore il 16 giugno 2005 per un infarto nella sua casa di Bologna, tre settimane dopo la sua ultima apparizione in un concerto. Sara sepolto due giorni più tardi nel cimitero di San Martino in Rio così come aveva desiderato espressamente.

L'amore per la sua terra[modifica | modifica sorgente]

Tutti i suoi più cari conoscenti, dagli amici ai parenti più stretti riconoscono il suo attaccamento ai luoghi della sua infanzia, San Martino su tutti.

Tra un concerto e l'altro non manca mai di fare ritorno tra i suoi cari e anche quando è impossibilitato, fa sentire loro la sua presenza mantenendo una fitta corrispondenza. Questo attaccamento è confermato anche da alcuni avvenimenti e onorificenze legati alla sua terra.

La "sua" San Martino, nel 1984 lo insignisce della cittadinanza onoraria.

Il 4 luglio 1999, giorno del suo 75º compleanno, Gualdi si esibisce in un concerto gratuito in Piazza Martiri.

Il 15 luglio 2004, presso la Sala d'Aragona nella Rocca Estense, festeggia 80 anni.

Il 7 gennaio 2005 riceve la bandiera tricolore, perché annoverato tra i personaggi illustri della città di Reggio.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Ha scritto oltre 1000 brani musicali, inciso 20 album discografici e 5 colonne sonore di film per il regista Pupi Avati.[1]

Sua è la sigla di chiusura, negli anni novanta, della trasmissione televisiva calcistica 90º minuto. Il brano è intitolato "Jazz Band".

33 giri[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Nel gennaio 1996 pubblica con la casa editrice Guaraldi il libro autobiografico "Poteva andare meglio" (ISBN 88-8049-104-0), nel quale raccoglie episodi e aneddoti di tutta una vita.
  • Autori Vari (a cura di Gino Castaldo), Dizionario della canzone italiana, ed. Curcio, 1990; alla voce Gualdi, Henghel, di Enzo Giannelli, pagg. 813-814
  • Maurizio Maiotti (con la collaborazione di Armando Buscema), "1944-1963: i complessi musicali italiani. La loro storia attraverso le immagini.", Maiotti Editore, 2010, alla voce Henghel Gualdi e il suo Complesso, pp. 234-241. ISBN 88-901228-6-2 [1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il Corriere della Sera, 17 giugno 2005

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]