Hemipristis elongata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Hemipristis elongata
Hemipristis elongata ranong.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Classe Chondrichthyes
Sottoclasse Elasmobranchii
Superordine Selachimorpha
Ordine Carcharhiniformes
Famiglia Hemigaleidae
Genere Hemipristis
Specie H. elungata
Nomenclatura binomiale
Hemipristis elongata
(Klunzinger, 1871)
Sinonimi

Carcharias ellioti
Day, 1878
Chaenogaleus macrostoma
(non Bleeker, 1852)
Dirrhizodon elongatus
Klunzinger, 1871
Hemipristis elongatus
(Klunzinger, 1871)
Hemigaleus microstoma
(non Bleeker, 1852)
Hemipristis pingali
Setna & Sarangdhar, 1946
Heterogaleus ghardaqensis
Gohar & Mazhar, 1964
Negogaleus macrostoma
(non Bleeker, 1852)
Paragaleus acutiventralis
Chu, 1960

Areale

Hemipristis elongatus distmap.png

Hemipristis elongata (Klunzinger, 1871) è un condroitto appartenente alla famiglia Hemigaleidae, diffuso lungo le coste di Africa, Asia e Oceania.[2][3]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è di colore grigio o color bronzo, e possiede denti taglienti e seghettati ma leggermente storti, posti sulla mandibola. Il corpo è affusolato per permettere all'animale una maggiore velocità in acqua.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

La dieta è alquanto variegata, comprendendo pesci ossei, altri squali, cefalopodi e granchi.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

La riproduzione è ovovivipara, come di regola negli squali.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

La specie è presente lungo le coste orientali dell'Africa, dal Sudafrica fino all'Egitto, le coste meridionali e orientali dell'Asia, dal Golfo Persico fino alla Cina, e le coste dell'Australia, ad una profondità non superiore ai 130 m.[2]

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

Questo squalo viene pescato soprattutto in Asia per la qualità della carne e per le sue pinne ed il fegato; la pressione antropica incontrollata ha portato questa specie ad un declino anche nelle zone ove un tempo era considerata comune. Per tale motivo la Lista rossa IUCN ha attribuito a H. elongata lo status "VU" (vulnerabile).[1]

Un discorso a parte va fatto invece per l'Australia, laddove questo squalo rappresenta solo una piccola parte del mercato ittico, tanto che in quest'area viene considerato "LC" (a rischio minimo).[1]

Pesca[modifica | modifica sorgente]

Questi squali vengono spesso pescati per le pinne, con cui si prepara una zuppa molto commercializzata in Cina e nei paesi vicini; anche la carne viene consumata, mentre il fegato viene utilizzato come fonte di vitamine; con il resto della carcassa si ottiene una farina animale.[senza fonte]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) White, W.T. (SSG Australia & Oceania Regional Workshop, Marzo 2003, Hemipristis elongata in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.
  2. ^ a b Hemipristis elongata in FishBase. URL consultato il 4 agosto 2013.
  3. ^ (EN) Bailly, N., 2013, Hemipristis elongata in WoRMS 2013 (World Register of Marine Species).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Compagno, L.J.V., FAO species catalogue. Volume = 4. Sharks of the world. An annotated and illustrated catalogue of shark species known to date in FAO Fish. Synop., vol. 4, n. 125, 1984.
  • Compagno, L.J.V., Hemigaleidae. In: K.E. Carpenter and V.H. Niem (eds) FAO species identification guide for fishery purposes. The living marine resources of the Western Central Pacific, Volume 2. Cephalopods, crustaceans, holothurians and sharks, Roma, FAO, 1998.
  • Last, P.R., Stevens, J.D., Sharks and Rays of Australia, CSIRO, Australia, 1994.
  • Setna, D.B., Sarangdhar, P.N., Selachian fauna of the Bombay waters in Proceedings of the National Institute of Sciences India, vol. 12, n. 5, 1977, pp. 243-59.
  • Stevens, J.D., McLoughlin, K.J., Distribution, size and sex composition, reproductive biology and diet of sharks from northern Australia in Australian Journal of Marine and Freshwater Research, vol. 42, 1991, pp. 151-199.
  • Stobutzki, I.C., Miller, M.J., Heales, D.S. and Brewer, D.T., Sustainability of elasmobranches caught as bycatch in a tropical prawn (shrimp) trawl fishery in Fishery Bulletin, vol. 100, 2002, pp. 800-821.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]