Hello Goodbye

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hello Goodbye
Artista The Beatles
Tipo album Singolo
Pubblicazione 24 novembre 1967(GB)
27 novembre 1967 (U.S.A.)
Durata 3 min : 27 s
Album di provenienza Magical Mystery Tour
Dischi 1
Tracce 2
Genere Rock
Etichetta Parlophone (GB) Capitol Records (U.S.A.)
Produttore George Martin
Registrazione 2, 19, 20 ottobre, 2 novembre 1967, Abbey Road, Studio 2, Londra
Formati 7"
The Beatles - cronologia
Singolo successivo
(1968)

Hello Goodbye è un brano musicale dei Beatles. Venne pubblicato nel 1967, come Lato A di un singolo 45 giri, insieme ad I Am the Walrus. Fu composta principalmente da Paul, anche se fu attribuita alla coppia Lennon/McCartney.

Il brano[modifica | modifica sorgente]

Origine e storia[modifica | modifica sorgente]

Fu stampato e distribuito in occasione delle festività natalizie del 1967. L'origine della canzone è piuttosto particolare: Alistair Taylor, collaboratore di Brian Epstein, chiese a McCartney di spiegargli quale prassi seguisse nel comporre le sue canzoni; come risposta, Paul lo invitò nella sua camera per fornigli una dimostrazione pratica. A questo punto, Paul, mentre accennò la melodia sulle tastiere di un harmonium chiese a Taylor di enunciare una serie di parole contrarie a quella che avrebbe detto lui. Così nacque l'abbozzo della canzone. Il titolo originario assegnato al brano fu Hello Hello.

Il singolo fu al centro di una disputa tra John Lennon e la coppia McCartney-George Martin, perché Lennon invocava per la sua canzone I Am the Walrus il lato A, ritenendola più innovativa e più gradita ai giovani consumatori di musica, mentre gli altri due sostenevano la tesi che Hello Goodbye fosse un brano più commerciale e più adatto per una grande consenso; i fatti diedero ragione a McCartney e a George Martin.

Classifica[modifica | modifica sorgente]

La canzone fu un enorme successo in Gran Bretagna dove raggiunse il primo posto in classifica il giorno 1 dicembre e lo conservò per ben sette settimane.

L'accoglienza fu ottima anche negli Stati Uniti dove il disco toccò il vertice della classifica il 30 dicembre e lo mantenne per tre settimane, in Olanda per quattro settimane dal 2 dicembre, in Norvegia per cinque settimane ed in Germania e la seconda posizione in Svizzera ed Austria.

In Italia il pubblico, invece, si mostrò tiepido nei confronti della canzone che non andò oltre l'undicesimo posto delle Hit Parade nostrane, con una permanenza di sei settimane. [1]

Testo e significato[modifica | modifica sorgente]

Il testo è entrato nell'immaginario collettivo come parte della Leggenda della morte di Paul McCartney. Nel testo si è voluto leggere una sorta di sberleffo di Campbell, l'ex poliziotto rassomigliante a McCartney che avrebbe preso il posto del "Beatle" defunto, a Paul nelle parole "you say goodbye, I say hello" ("tu dici addio, io dico ciao", come a dire: "esci tu, entro io").

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "I favolosi Beatles" di Mario Pezzolla, ed. VideoRai-Eri (alla voce "I Beatles in Hit-Parade" pag.14)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

(EN) Alan W. Pollack, Notes on "Hello Goodbye" in Notes on ... Series, Rijksuniversiteit Groningen.

rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock