Helianthemum oelandicum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Eliantemo rupino
Helianthemum oelandicum ENBLA01.jpeg
Helianthemum oelandicum
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Dilleniidae
Ordine Violales
Famiglia Cistaceae
Genere Helianthemum
Specie H. oelandicum
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Tricolpate basali
(clade) Rosidi
(clade) Eurosidi II
Ordine Malvales
Famiglia Cistaceae
Nomenclatura binomiale
Helianthemum oelandicum
(L.) DC., 1805

L'Eliantemo rupino (nome scientifico Helianthemum oelandicum (L.) DC. 1805) è una piccola pianta erbacea perenne dai fragili fiori gialli appartenente alla famiglia delle Cistaceae.

Sistematica[modifica | modifica sorgente]

La famiglia delle Cistaceae è mediamente numerosa con 200 specie raggruppate in 9 generi. Al genere Helianthemum appartengono circa metà delle specie della famiglia originate in prevalenza nella zona mediterranea e nell'Asia occidentale, una ventina delle quali sono presenti spontaneamente sul territorio italiano.
Il Sistema Cronquist assegna la famiglia delle Cistaceae all'ordine delle Violales mentre la moderna classificazione APG (avvalendosi dei recenti progressi della sistematica molecolare) la colloca nell'ordine delle Malvales. Sempre in base alla classificazione APG sono cambiati anche i livelli superiori (vedi tabella a destra).

Variabilità[modifica | modifica sorgente]

Nella nostra penisola sono presenti due sottospecie (alpestre e italicum) che anche se a volte sono di difficile separazione frequentano due aree ecologiche nettamente distinte : la prima è relativa alle zone alpine (pascolo alpino su calcare), la seconda è più orientata verso un ambiente steppico e arido (sub-mediterraneo).
Una terza sottospecie interessa l'Italia anche se marginalmente : rupifragum (Kerner) Breist; si avvicina alla sottospecie alpestre ma l'apice delle foglie è più acuto e le infiorescenze sono più ricche di fiori (fino a 15); è diffusa nella vicina Slovenia.
Nell'elenco che segue sono indicate alcune varietà e sottospecie (l'elenco può non essere completo e alcuni nominativi sono considerati da altri autori dei sinonimi della specie principale o anche di altre specie):

  • Helianthemum oelandicum (L.) DC. subsp. alpestre (Jacq.) Breistr. (1947)
  • Helianthemum oelandicum (L.) DC. subsp. canum (L.) Bonnier & Layens (1894) (sinonimo = subsp. incanum)
  • Helianthemum oelandicum (L.) DC. subsp. glabratum Gremli (1878) (sinonimo = subsp. alpestre)
  • Helianthemum oelandicum (L.) DC. subsp. incanum (Willk.) G. Ló
  • Helianthemum oelandicum (L.) DC. subsp. italicum (L.) Font Quer & Rothm.
  • Helianthemum oelandicum (L.) DC. subsp. marifolium (L.) Bonnier & Layens (1894)
  • Helianthemum oelandicum (L.) DC. subsp. nebrodense
  • Helianthemum oelandicum (L.) DC. subsp. oelandicum
  • Helianthemum oelandicum (L.) DC. subsp. orientale (Grosser) M.Proctor (1968)
  • Helianthemum oelandicum (L.) DC. subsp. piloselloides (Lapeyr.) Greuter & Burdet in Greuter & Raus (1981)
  • Helianthemum oelandicum (L.) DC. subsp. pourretii (Timb.-Lagr.) Greuter & Burdet in Greuter & Raus (1981)
  • Helianthemum oelandicum (L.) DC. subsp. rupifragum (A.Kern.) Breistr (1947)
  • Helianthemum oelandicum (L.) DC. subsp. vineale (Willd.) Celak. (1875) (sinonimo = subsp. incanum)
  • Helianthemum oelandicum (L.) DC. var. alpestre (Jacq.) Rouy & Foucaud (1895) (sinonimo = subsp. alpestre)
  • Helianthemum oelandicum (L.) DC. var. canum (L.) Neilr. (1866) (sinonimo = subsp. incanum)
  • Helianthemum oelandicum (L.) DC. var. montserratense (Pau) Guinea & Heywood (1954) (sinonimo = subsp. italicum)

Ibridi[modifica | modifica sorgente]

Nell'elenco che segue sono indicati alcuni ibridi interspecifici :

  • Helianthemum ×monspessulanum Rouy & Foucaud in Rouy (1895) – Ibrido fra : H. apenninum subsp. apenninum e H. oelandicum subsp. incanum
  • Ibrido fra : Helianthemum marifolium subsp. marifolium e oelandicum subsp. italicum

Sinonimi[modifica | modifica sorgente]

La specie di questa scheda ha avuto nel tempo diverse nomenclature. L'elenco che segue indica alcuni tra i sinonimi più frequenti:

  • Cistus alpestris Jacq. (1762) (basionimo per subsp. alpestre)
  • Cistus italicus L. (1762) (basionimo per subsp. italicum)
  • Helianthemum alpestre (Jacq.) DC. in Lam. & DC. (1815) (sinonimo = subsp. alpestre)
  • Helianthemum canum (L.) Hornem. (1815) (sinonimo = subsp. incanum)
  • Helianthemum canum (L.) Hornem. subsp. canescens (Hartman) Á. & D. Löve (sinonimo = subsp. incanum)
  • Helianthemum canum (L.) Hornem. subsp. incanum (Willk.) Rivas-Goday & Borsa (sinonimo = subsp. incanum)
  • Helianthemum canum (L.) Hornem. subsp. pourretii (Timb.-Lagr.) M.C.F. Proctor (1968) (sinonimo = subsp. pourretii)
  • Helianthemum canum (L.) Hornem. var. canescens (Hartman) Font-Quer & Rothm. (1934) (sinonimo = subsp. incanum)
  • Helianthemum canum (L.) Hornem. var. dolomiticum Coste (1893) (sinonimo = subsp. pourretii)
  • Helianthemum canum (L.) Hornem. var. piloselloides (Lapeyr.) O. Bolós & Vigo (1974) (sinonimo = subsp. piloselloides)
  • Helianthemum cretaceum (Rupr.) Juz
  • Helianthemum italicum (L.) Pers. (1806) (sinonimo = subsp. italicum)
  • Helianthemum italicum (L.) Pers. subsp. alpestre (Jacq.) Beger (sinonimo = subsp. alpestre)
  • Helianthemum italicum (L.) Pers. subsp. italicum (sinonimo = subsp. italicum)
  • Helianthemum italicum (L.) Pers. subsp. rupifragum (A.Kern.) Beger
  • Helianthemum italicum (L.) Pers. var. alpestre (Jacq.) Gren. in Gren. & Godron (1848) (sinonimo = subsp. alpestre)
  • Helianthemum italicum (L.) Pers. var. micranthum Gren. in Gren. & Godron (1848) (sinonimo = subsp. italicum)
  • Helianthemum italicum (L.) Pers. var. latifolium Pau (1896) (sinonimo = subsp. italicum)
  • Helianthemum marifolium Miller (1768) var. canum (L.) Pers. (1806) (sinonimo = subsp. incanum)
  • Helianthemum marifolium Miller (1768) var. italicum (L.) Grosser in Engler (1903) (sinonimo = subsp. incanum)
  • Helianthemum montanum sensu Willk. (sinonimo = subsp. alpestre)
  • Helianthemum montanum Visiani (1850) (sinonimo = subsp. oelandicum)
  • Helianthemum montanum Visiani subsp. incanum Willk. [1862, Icon. Descr. Pl., 2 : 152] (b.) º H. oelandicum subsp. incanum
  • Helianthemum montanum Visiani subsp. italicum (L.) Rouy & Foucaud in Rouy (1895) (sinonimo = subsp. italicum)
  • Helianthemum montanum Visiani subsp. vineale (Willd.) Rouy & Foucaud in Rouy (1895) (sinonimo = subsp. incanum)
  • Helianthemum montanum Visiani subsp. viride Willk. (1862) (sinonimo = subsp. italicum)
  • Helianthemum montanum Visiani var. alpestre (Jacq.) Rouy & Foucaud (1895) (sinonimo = subsp. alpestre)
  • Helianthemum montanum Visiani var. alpinum (Willk.) Foucaud & Rouy in Rouy (1895) (sinonimo = subsp. piloselloides)
  • Helianthemum montanum Visiani var. canum (L.) Rouy & Foucaud (1895) (sinonimo = subsp. incanum)
  • Helianthemum montanum Visiani var. macrocarpum Foucaud & Rouy in Rouy (1895)
  • Helianthemum montanum Visiani var. obovatum (Dunal) Foucaud & Rouy in Rouy (1895) (sinonimo = subsp. italicum)
  • Helianthemum montanum Visiani var. pourretii (Timb.-Lagr.) Foucaud & Rouy in Rouy (1895) (subsp. pourretii)
  • Helianthemum myrtifolium Dum.-Cours (1802) (sinonimo = subsp. incanum)
  • Helianthemum orientale (Grosser) Juz. & Pozdeeva
  • Helianthemum obovatum Dunal in DC. (1824) (sinonimo = subsp. italicum)
  • Helianthemum olympicum (Janchen) Halácsy (1908) (sinonimo = subsp. incanum)
  • Helianthemum penicillatum Dunal in DC. (1824) (sinonimo = subsp. italicum)
  • Helianthemum piloselloides (Lapeyr.) Timb.-Lagr. (1892) (sinonimo = subsp. piloselloides)
  • Helianthemum pourretii Timb.-Lagr. (1875) (sinonimo = subsp. pourretii)
  • Helianthemum rupifragum A.Kern.
  • Helianthemum thessalum (Boiss. & Orph.) Halácsy (1900) (sinonimo = subsp. alpestre)
  • Helianthemum vineale (Willd.) Sprengel (1806) (sinonimo = subsp. incanum)

Specie simili[modifica | modifica sorgente]

  • Helianthemum nummularium (L.) Mill. - Eliantemo maggiore : ha una taglia più grande e alla base delle foglie sono presenti delle stipole.

Nomi comuni[modifica | modifica sorgente]

  • Eliantemo alpestre (subsp. alpestre)
  • Eliantemo italiano (subsp. italicum)

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

La prima volta che si trova il termine Helianthemum è in una stampa ad opera del fisico e botanico germanico Valerius Cordus (18 febbraio 1515 – 25 settembre 1544); ma è stato il botanico francese Joseph Pitton de Tournefort (5 giugno 1656—28 dicembre 1708) ad usarlo per primo come valore di genere. L'etimologia del nome del genere è abbastanza intuitiva ed è formata da due semplici parole : hèlios (= sole) e ànthos (= fiore) indicando così la breve durata di un solo giorno dei fiori di questo genere, oppure (secondo altre etimologie) indica il fatto che questi fiori vogliono le zone soleggiate[1].
Il binomio scientifico definitivo (Helianthemum oleandicum) della pianta di questa scheda è stato definito da Carl von Linné (Rashult, 23 maggio 1707 – Uppsala, 10 gennaio 1778) biologo e scrittore svedese, considerato il padre della moderna classificazione scientifica degli organismi viventi e dal botanico e micologo svizzero Augustin Pyrame de Candolle (Ginevra, 4 febbraio 1778 – 9 settembre 1841) in una pubblicazione del 1805.
In lingua tedesca questa pianta (la sottospecie alpestre) si chiama Alpen-Sonnenröschen; in francese si chiama Hélianthème alpestre; in inglese si chiama Alpine Sun-rose.

Descrizione generale della specie[modifica | modifica sorgente]

Il portamento
Località : Giardino Botanico Alpino "Giangio Lorenzoni", Pian Cansiglio, Tambre d'Alpago (BL), 1000 m s.l.m. - 8/6/2008

È una pianta sempreverde a carattere cespuglioso-nano di altezza variabile fra i 5 e i 25 cm. La forma biologica è camefita suffruticosa (Ch suffr), ossia sono piante perenni e legnose alla base, con gemme svernanti poste ad un'altezza dal suolo tra i 2 ed i 25 cm. Le porzioni erbacee si seccano annualmente e rimangono in vita soltanto le parti legnose.

Radici[modifica | modifica sorgente]

Le radici sono secondarie da fittone.

Fusto[modifica | modifica sorgente]

I fusti sono ramosi-cespugliosi ma anche striscianti. Alla base sono quasi legnosi, ispidi e rugosi. I rami sono ascendenti, villosi e di colore rossastro.

Foglie[modifica | modifica sorgente]

Le foglie
Località : Giardino Botanico Alpino "Giangio Lorenzoni", Pian Cansiglio, Tambre d'Alpago (BL), 1000 m s.l.m. - 8/6/2008

Le foglie hanno la lamina intera (a forma ellittica o sub-spatolata) e sono senza stipole (eventualmente sole le foglir superiori a volte hanno le stipole). Lungo il fusto sono disposte in modo opposto. Il colore è verde; la pagina inferiore è grigio-verde (più o meno tomentose) ma prive di peli stellati.

Infiorescenza[modifica | modifica sorgente]

Infiorescenza
Località : Passo di Falzarego, Cortina (BL), 2105 m s.l.m. - 25/7/2008

L'infiorescenza si compone in cime multiflore unilaterali. I fiori sono di colore giallo-intenso ed hanno dei peduncoli incurvati prima dell'antesi.

Fiore[modifica | modifica sorgente]

I fiori sono ermafroditi e attinomorfi; sono più o meno pentameri (calice e corolla composta da 5 elementi).

* K 5, C 5, A molti, G (3) (supero)[2]
  • Calice: i sepali sono cinque (di cui due minori) e sono persistenti; non hanno delle setole patenti come in altre specie dello stesso genere (ma sono comunque pelosi) e la loro forma è ovato-acuminata con delle evidenti nervature rossastre. Si dividono in due esterni e tre interni. Quelli esterni sono più lineari e lunghi la metà di quelli interni.
  • Androceo: gli stami sono numerosi (più di 10) tutti fertili (ossia con le antere) e liberi; le antere sono colorate di giallo.
  • Gineceo: lo stilo è a sezione cilindrica (esile, lievemente contorto a “S” e ginocchiato alla base e mediamente lungo, e si allarga a cono verso lo stimma ) e si trova su un l'ovario pluricarpellare (a 3 carpelli) che è supero e libero e uniloculare (parzialmente può essere considerato triloculare). Gli ovuli sono ortotropici (in posizione eretta) e gli embrioni sono ripiegati una o due volte su se stessi.
  • Fioritura : da giugno ad agosto.
  • Impollinazione: l'impollinazione è entomofila anche se mancano i nettari (comunque i fiori sono ricchi di polline).

Frutti[modifica | modifica sorgente]

Il frutto è una capsula loculicida a tre valve con molti semi. Una membrana riveste internamente il frutto. La forma è ricurva. I semi sono provvisti di albume amilaceo.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Descrizione delle sottospecie[modifica | modifica sorgente]

Vengono evidenziate solamente le differenze più marcate rispetto alla descrizione di riferimento.

Sottospecie alpestre[modifica | modifica sorgente]

Helianthemum oelandicum (L.) DC. subsp. alpestre (Jacq.) Breistr.

  • Morfologia
    • Fusto : la lunghezza del fusto è compresa tra 3 – 10 cm (massimo 15 cm).
    • Foglie : la lamina delle foglie è piana e misura 2 – 5 mm in larghezza e 6 – 15 mm in lunghezza; l'apice è arrotondato. Se il fusto è sterile (senza fiori), allora le foglie sono mediamente più grandi.
    • Infiorescenza : l'infiorescenza si compone di brevi cime (da 1 a 5 cm) con pochi fiori (2 – 5).
    • Fiore : il diametro del fiore è di 12 – 18 mm.
    • Calice : i sepali sono poco pelosi e verdi (a volte lievemente arrossati).
    • Corolla : i petali misurano 5 mm in larghezza e 7 mm in lunghezza.
    • Fioritura : da giugno ad agosto.
  • Diffusione e habitat
  • Fitosociologia
Formazione : comunità delle praterie rase dei piani subalpino e alpino con dominanza di emicriptofite
Classe : Elyno-Seslerietea variae
Ordine : Seslerietalia variae
Alleanza : Seslerion variae

Sottospecie italicum[modifica | modifica sorgente]

Helianthemum oelandicum (L.) DC. subsp. italicum (L.) Font-Quer & Rothm.

  • Morfologia
    • Fusto : la lunghezza del fusto è compresa tra 15 – 25 cm (minimo 10 cm).
    • Foglie : la lamina delle foglie è revoluta ai bordi; misurano 1 – 2 mm di larghezza e 10 – 13 mm di lunghezza e l'apice è acuto.
    • Infiorescenza : l'infiorescenza si compone di cime più lunghe (da 5 a 15 cm) con molti fiori (6 – 20); le infiorescenze spesso sono ramificate. I peduncoli sono bianco-lanosi.
    • Fiore : il diametro del fiore è di 8 – 12 mm.
    • Calice : i sepali sono bianco-lanosi
    • Corolla : i petali misurano 2 - 3 mm in larghezza per 3 - 5 mm in lunghezza.
    • Fioritura : da maggio a luglio
  • Diffusione e habitat
    • Geoelemento : il tipo corologico (area di origine) è Orofita - Sud Ovest Europeo.
    • Diffusione : questa sottospecie è diffusa (ma è rara) sulle pendici meridionali della Alpi (Passo di San Boldo nel Bellunese) e nelle altre seguenti province alpine : CO, BG, BS, SO e CN; ma anche verso sud fino nell'Abruzzo. Sui rilievi europei si trova solo nei Pirenei.
    • Habitat : l'habitat tipico sono i pascoli aridi montani e luoghi pietrosi. Il substrato preferito è calcareo con terreno a pH basico, bassi valori nutrizionali e arido.
    • Diffusione altitudinale : queste piante si trovano dai 100 ai 1800 m s.l.m..
  • Fitosociologia
Formazione : comunità a emicriptofite e camefite delle praterie rase magre secche
Classe : Festuco-Brometea
Ordine : Ononidetalia striatae

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Giacomo Nicolini, Enciclopedia Botanica Motta., Milano, Federico Motta Editore, 1960.
  2. ^ Tavole di Botanica sistematica. URL consultato il 06-05-2009.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Giacomo Nicolini, Enciclopedia Botanica Motta. Volume secondo, Milano, Federico Motta Editore, 1960, pag. 410.
  • Sandro Pignatti, Flora d'Italia. Volume secondo, Bologna, Edagricole, 1982, pag. 129, ISBN 88-506-2449-2.
  • AA.VV., Flora Alpina. Volume primo, Bologna, Zanichelli, 2004, pag. 428.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]