Heitstrenging

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La pratica dell'Heitstrenging, nota anche come Hietstrenja, Heitstrengingar o Strengdir, era un rituale vichingo tramite il quale si facendo solenni giuramenti.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Si trattava di una pratica molto diffusa in Scandinavia. Si sviluppò in epoca pagana, e potrebbe avere radici nella cultura persiana. La pratica fu ufficialmente abbandonata quando il Cristianesimo invase la regione. I giuramenti venivano tradizionalmente fatti durante un cerimoniale a Bragi, divinità dei menestrelli. Chi doveva parlare stava in piedi e poneva il piede su una pietra o una panchina prima di fare la promessa, aprendo con la locuzione "Salgo sul blocco e giuro solennemente...". Subito dopo bisognava bere un bragafull, uno speciale corno di liquore. È stato fatto notare che, dato il rituale del processo, i giuramenti avvenivano solitamente quando la persona era ubriaca.[1]

Questo era solo il tipico procedimento per un Heitstrenging, ma in pratica esistevano numerose varianti. In alcune poesie islandesi il rituale si svolge con la persona che poggia le mani su animali morti.[2] In ogni caso il giuramento fatto era considerato generalmente una forma di vanteria, ed erano spesso legati a qualche prova di grande abilità. Gli Heitstrenging venivano spesso svolti a Natale, ma anche in occasione di feste sacrificali, matrimoni o semplici banchetti.[3][4] I voti erano solenni, ed erano previste punizioni per chi li infrangeva, ma non sempre erano importanti. Harald il Chiaro, unificatore della Norvegia, promise di non pettinarsi o tagliarsi i capelli prima di avere riunito tutto il regno.[3] Nella Jómsvíkinga saga, i compatrioti di Sven il Danese giurarono di saccheggiare la Norvegia ed uccidere Haakon Sigurdsson, oltre che stuprare la figlia di Thorkill.[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Charles Francis Keary (1892) Norway and the Norwegians p. 174, Percival & Co.
  2. ^ Richard North (1997). Heathen Gods in Old English Literature, p. 74. Cambridge University Press. ISBN 0521551838
  3. ^ a b Mary Wilhelmine Williams (1920). Social Scandinavia in the Viking age, p. 321. New york:The Macmillan Company. ASIN: B000GOXMNM.
  4. ^ Rudolph Keyser (1868). The Private Life of the Old Northmen, p. 145. Chapman & Hall. ASIN: B0006AE0AA.
  5. ^ Vows, Boasts and Taunts, and the Role of Women in Some Medieval Literature