Heinrich Wölfflin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Heinrich Wölfflin

Heinrich Wölfflin (Winterthur, 21 giugno 1864Zurigo, 19 luglio 1945) è stato uno storico dell'arte svizzero. La caratteristica del lavoro di Wölfflin fu la classificazione dei principi pittorici che influenzarono lo sviluppo dell'analisi formale nella storia dell'arte del XX secolo.

Origini e carriera[modifica | modifica sorgente]

La sua formazione avvenne prima a Basilea con Jacob Burckhardt, poi a Berlino presso Wilhelm Dilthey. A Monaco svolse il suo dottorato con la dissertazione Prolegomena zu einer Psychologie der Architektur, 1886 (tradotta in italiano col titolo Psicologia dell'Architettura, Venezia 1985). Tra il 1886 e il 1887 fu a Roma dove elaborò la tesi per la libera docenza, Rinascimento e Barocco, Monaco 1888, tradotta in italiano nel 1928 e ristampata nel 1988; in questa cerca di ricostruire la trasformazione del linguaggio rinascimentale in quello barocco, sottolineando il residuo classicista che dall'epoca rinascimentale passa a quella barocca.

Nel 1893 succedette a Burckhardt nella cattedra di storia dell'arte di Basilea. Del 1899 è L'arte classica. Dal 1901 al 1912 insegnò a Berlino come successore di Herman Grimm. Del 1905 è Die Kunst Albrecht Dürers, in cui, partendo dall'opera del Dürer, passa all'analisi dei rapporti tra il Nord e Sud Europa, affiancandoli con l'analisi delle costanti stilistiche nazionali. Dal 1912 al 1923 insegna a Monaco. Del 1915 è Principi fondamentali della storia dell'arte, Monaco. Dal 1924 in poi insegna a Zurigo. Del 1931 è Italien und das deutsche Formgefühl. Die Kunst der Renaissance, Monaco.

Del 1914 è Wie man Skulpturen aufnehmen soll (Probleme der italienischen Renaissance), in «Zeitschrift fuer bildende Kunst», XXVI; del 1921 è Das erklären von Kunstwerken, Lipsia; infine del 1943 è Gedanken zur Kunstgeschichte, Basilea.

I Principi della storia dell'arte[modifica | modifica sorgente]

Con il saggio Concetti fondamentali , di impianto prevalentemente metodologico e volto a ricostruire gli schemi dello sviluppo stilistico, tenta di trovare delle leggi di fondo a una «storia dell'arte senza nomi», dividendo lo sviluppo stilistico in cinque coppie polari:

lineare pittorico
rappresentazione in piano rappresentazione in profondità
forma chiusa forma aperta
molteplicità unità
chiarezza assoluta chiarezza relativa

Gli schemi sono un tentativo di descrivere la «vita» e la «forza» delle forme, «fonti del piacere e della rappresentazione», quelle forme che «senza certamente sottrarsi al condizionamento esterno, risultano però dotate di autonomia e di capacità condizionante e compenetrano la vita spirituale».

Alcune opere[modifica | modifica sorgente]

  • 1886 - Prolegomena zu einer Psychologie der Architektur
  • 1888 - Rinascimento e Barocco
  • 1891 - Die Jugendwerke des Michelangelo
  • 1899 - L'Arte classica. Introduzione al Rinascimento italiano.
  • 1914 - Wie man Skulpturen aufnehmen soll (Probleme der italienischen Renaissance)
  • 1915 - Principi fondamentali della storia dell'arte
  • 1921 - Das erklären von Kunstwerken
  • 1931 - Italien und das deutsche Formgefühl. Die Kunst der Renaissance
  • 1943 - Gedanken zur Kunstgeschichte

Controllo di autorità VIAF: 44306790 LCCN: n50013734