Hedvig Ulrika De la Gardie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Hedvig Ulrika De la Gardie (Stoccolma, 1761Stoccolma, 1832) fu una dama di compagnia svedese. Sposò Gustaf Mauritz Armfelt. Fu la capo governante dei bambini reali svedesi nel 1799–1803.

Era la figlia del conte Carl Julius De la Gardie e della contessa Magdalena Christina Stenbock e fu una damigella d'onore della regina, Sofia Maddalena di Danimarca. Sposò il 7 agosto 1785 al Castello di Drottningholm Gustaf Mauritz Armfelt. Armfelt si dice l'abbia sposata a causa dello status del suo cognome; la trattò con rispetto ma non l'amò mai ed ebbe una relazione parallela con Magdalena Rudenschöld. Hedvig Ulrika, d'altra parte, era intensamente innamorata di lui e gli rimase fedele; fu descritta come silenziosa, seria ed affidabile.

Nel 1792, seguì Armfelt ta Napoli. Le furono affidati alcuni dei suoi documenti, e li seppellì nel giardino, e li seppellì in giardino, ma il servo che li seppellì vendette i documenti e sostituì con un documento bianco, che contribuì all'esposizione della cospirazione Armfelt. Un ordine di arresto fu emesso su suo marito, e a causa di ciò, fu lei stessa arrestato più volte, a Roma e Venezia, durante il suo viaggio in Italia ai parenti a Riga in Livonia in 1794. Lei fu permesso di mantenere la sua pensione come dama di compagnia e le fu dato una somma di viaggio dal Duca Carlo. Suo marito fu condannato a morte in contumacia per tradimento e fu bandito dalla Svezia e di usare il suo nome. Axel von Fersen il giovane fu il suo agente negli affari economici in Svezia. Rimase convinta della innocenza del marito, almeno ufficialmente.

La coppia visse sotto la protezione di Caterina la Grande a Kaluga. Hedvig Ulrika agì da agente per suo marito in diverse occasioni. Visitò Paolo I di Russia per chiedere condizioni migliori nel 1796, ma fallì. Quando Gustavo IV Adolfo di Svezia fu dichiarato maggiorenne nel 1797, visitò il monarca svedese e ottenne l'autorizzazione per lei di tornare in Svezia, di utilizzare il nome del marito per consentire a Armfelt di vivere ovunque, tranne in Svezia e Russia e di terminare tutte le persecuzioni attive verso di lui. Poi riuscì a ottenere il permesso dallo zar di permettere a Armfelt di lasciare la Russia, e nel 1798, si recò con lui Berlino.

Nel 1799, Hedvig ritornò in Svezia dove fu nominata capo della corte dei bambini reali. Accettò la nomina alla condizione che ad Armfelt fosse permesso di ritornare in Svezia. Fu esaudito il suo desiderio, che si realizzò nel 1800, dopo che aveva minacciato di dimettersi se l'accordo non fosse stato onorato; Armfelt fu informato che il suo esilio era stato abolito in considerazione di sua moglie e madre. Hedvig fu molto ammirata per la sua lealtà verso Armfelt, mentre lui non era considerato degno di esso. Lasciò la sua posizione a corte nel 1803 con il titolo consueto di Eccellenza.

Fu anche per un certo tempo dama di compagnia dell'imperatrice di Russia. le fu concesso (minore) Ordine di Santa Caterina, (1814).