Hecastocleis shockleyi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Hecastocleis shockleyi
Immagine di Hecastocleis shockleyi mancante
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Asterales
Famiglia Asteraceae
Sottofamiglia Cichorioideae
Tribù Mutisieae
Sottotribù Gochnatiinae
Genere Hecastocleis
A.Gray
Specie H. shockleyi
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Asteridi
(clade) Euasteridi II
Ordine Asterales
Famiglia Asteraceae
Sottofamiglia Hecastocleidoideae
Tribù Hecastocleideae
Nomenclatura binomiale
Hecastocleis shockleyi
A.Gray

Hecastocleis shockleyi A.Gray è una pianta della famiglia delle Asteraceae, nativa degli Stati Uniti sud-occidentali. È l'unica specie del genere Hecastocleis (nonché della tribù Hecastocleideae e della sottofamiglia Hecastocleidoideae).

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È un arbusto con fusti ramificati che possono raggiungere una altezza di 40-80 cm, ricoperti da una rada peluria ghiandolare e con piccole foglie appuntite, con una fila di 3-6 spine vicino alla base. All'apice di ogni ramificazione è presente un capolino solitario biancastro (rosaceo all'inizio della fioritura), avvolto da brattee spinose giallo-verdastre. Il frutto è un achenio cilindrico dotato di pappo.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Cresce in condizioni ambientali estreme nelle montagne aride nei pressi della Death Valley e di Las Vegas (Nevada meridionale e California orientale).[1]

Cresce su terreni aridi, di origine granitica o basaltica, sino a 1700–2000 m di altitudine.[2]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Hecastocleis è un genere monotipico che tradizionalmente è stato inserito nella tribù Mutisieae della sottofamiglia Cichorioideae.
Recenti studi filogenetici riconoscono al genere caratteristiche originali che ne giustificano la inclusione in una tribù (Hecastocleideae) ed in una sottofamiglia (Hecastocleoideae) a sé stanti.[3][4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Hecastocleis shockleyi in USDA Plants Profile. URL consultato il 6 dicembre 2010.
  2. ^ Hecastocleis shockleyi in Flora of North America. URL consultato il 6 dicembre 2010.
  3. ^ Panero J. L. and V. A. Funk, Toward a phylogenetic subfamilial classification for the Compositae (Asteraceae) in Proc. Biol. Soc. Wash. 2002; 115: 909-922.
  4. ^ Panero, J. L., and V. A. Funk, The value of sampling anomalous taxa in phylogenetic studies: major clades of the Asteraceae revealed in Mol. Phylogenet. Evol. 2008; 47: 757-782.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bremer K., Asteraceae: Cladistics and classification, Portland, OR, Timber Press, 1994.
  • Funk V.A., Susanna A., Stuessy T.F. and Robinson H., Classification of Compositae in Systematics, Evolution, and Biogeography of Compositae, Vienna, International Association for Plant Taxonomy (IAPT), 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica