Heavy Metal (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Heavy Metal
HEAVYMETAL.jpg
Taarna la Taarakiana durante lo scontro con il Loc-Nar
Titolo originale Heavy Metal
Paese di produzione Canada
Anno 1981
Durata 87 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere animazione, fantasy, pulp, musica metal
Regia Gerald Potterton
Sceneggiatura Len Blum
Produttore Ivan Reitman
Produttore esecutivo Leonard Mogel
Fotografia Claude Lapierre, Brian Tufano, Ron Haines
Montaggio Janice Brown, Mick Manning
Musiche Elmer Bernstein
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Heavy Metal è un film del 1981, diretto da Gerald Potterton Il film è stato realizzato in Canada e prodotto da Ivan Reitman.

Il film prende il nome da un'omonima rivista statunitense a fumetti molto apprezzata negli anni settanta, i cui disegni sono aggressivi e realistici, e dove il mescolarsi del pulp al fantasy creò un genere che ispirò, negli anni successivi, molte copertine di dischi del panorama hard rock, heavy metal, epic metal.

Il film è composto da vari episodi i cui autori sono diversi per ognuno. Ne venne realizzato un sequel nel 2000: Heavy Metal 2000.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Soft Landing[modifica | modifica sorgente]

Uno space shuttle in orbita intorno alla terra sgancia un astronauta all'interno di una Corvette, questi attraversano l'atmosfera ed atterrano; l'astronauta guida quindi l'auto fino ad una villa.

Durante questo episodio compaiono i titoli di testa.

Grimaldi[modifica | modifica sorgente]

Una volta atterrato l'astronauta, di nome Grimaldi, parcheggia davanti ad una casa ed è ad accoglierlo sua figlia festante. L'uomo convinto di portarle un regalo celato in una valigetta si trova una sfera di luce verde delle dimensioni di una palla da basket che emana un influsso che lo uccide e lo polverizza. La sfera si svela alla bambina come la quintessenza del male e di chiamarsi Loc-Nar per poi costringerla ad ascoltare-visualizzare le sue malefatte, perpetrate in ogni luogo ed ogni tempo.

Questi due primi episodi compongono la cornice narrativa del film.

Harry Canyon[modifica | modifica sorgente]

In una distopica New York del 2031 Harry Canyon dispone di un vecchio taxi anni '60 provvisto di ogni diavoleria per proteggersi da aggressioni e rapine. Durante un suo turno assiste ad una sparatoria di fronte al Metropolitan Museum of Art mettendo in salvo una procace ragazza figlia di un archeologo appena ucciso. Non potendo contare sulla polizia, cinica e corrotta, Canyon la accoglie in casa apprendendo da lei come suo padre avrebbe rinvenuto in un deserto il Loc-Nar, divenendo bersaglio di gang criminali che vogliono impossessarsene per i suoi poteri. Dopo una nottata romantica in compagnia della ragazza Harry si risveglia da solo ricevendo la visita indesiderata prima della polizia, poi dei gangster interessati alla ragazza. Questi ultimi optano per uno scambio dietro compenso che puntualmente avviene davanti al Ponte di Brooklyn.
Naturalmente un boss resta polverizzato dal Loc-Nar mentre la ragazza tenta di rapinare Canyon dalla quale egli si difende uccidendola, con un dispositivo anti-rapina nascosto nella vettura.

Questo episodio è narrato in prima persona dal protagonista con stile crudo, tipico di una certa giallistica, il cosiddetto hard boiled inoltre è stato diretto dal famoso regista Ridley Scott.

Den[modifica | modifica sorgente]

Dan è il tipico diciottenne studioso nerd che rinviene un metorite verde, ovvero il Loc-Nar. Durante un esperimento con i fulmini, l'elettricità attiva il Loc-Nar trasportandolo in un altro mondo abitato da umani e mezzi umani. Dan, ora chiamandosi Den, si ritrova in un nuovo corpo, avvenente e possente. Nelle vicinanze si sta celebrando un rito con il sacrificio di una giovane donna alla divinità Uhluhtc (ovvero Cthulhu al contrario). Den salva la ragazza e fuggono insieme. La giovane di nome Katherine, anch'ella terrestre di Gibilterra, finita misteriosamente in questo nuovo mondo, per ringraziarlo gli si concede ma vengono interrotti dai soldati di Ard, un esile ma immortale sovrano in cerca del Loc-Nar per conquistare il mondo. Den si trova costretto a rubare la sfera alla regina officiante del sacrificio prima interrotto, in cambio della vita della ragazza tenuta prigioniera in animazione sospesa. In un tentativo di irruzione nel palazzo della sovrana viene scoperto, ma viene da lei risparmiato in cambio di favori sessuali. I suoi compagni, intanto, riescono a rubare il Loc-Nar e la regina, sentitasi tradita, tenta di uccidere Den ma questo fugge. Raggiungere Ard, ma questi, impossessatosi del Loc-Nar sta tentando di sacrificare Katherine ad Uhluhtc, così Den la salva. Presto sopraggiunge la regina che si scontra con Ard, ma Den attira un fulmine con un forcone ed i due colpiti scompaiono, probabilmente trasportati sulla Terra. Den rinunciando al potere e ad ogni tentativo di tornare a casa, si sbarazza del Loc-Nar e parte via con Katherine. Il Loc-Nar nonostante sia stato abbandonato parte per lo spazio in cerca di nuove vittime.

Captain Sternn[modifica | modifica sorgente]

Su una colonia spaziale si tiene un processo contro il capitano Sternn, imputato di numerosi gravi crimini e per i quali pende la sentenza capitale. Contro il parere dell'avvocato, Sternn si dichiara non colpevole e chiama a testimoniare Hanover Fist.
Il testimone, che ha precedentemente raccolto in un corridoio il Loc-Nar trasferitovisi dopo le vicende precedenti - il quale appare delle dimensioni di una biglia - elogia il capitano ma durante la deposizione egli comincia a soffrire di sdoppiamento della personalità per trasformarsi in un energumeno rabbioso dalla forza sovrumana, devastando l'aula ed inseguendo Sternn fino a porlo con le spalle al muro. Si scopre che i due si erano accordati per creare lo scompiglio per la fuga.
Sternn, una volta pagato Hanover per i suoi servigi, attraverso una botola, fa precipitare questi nello spazio mentre ancora tiene in mano il Loc-Nar, che si disperde verso altre destinazioni.

B17[modifica | modifica sorgente]

Durante la seconda guerra mondiale un bombardiere B-17 nei cieli del Pacifico viene seriamente colpito dalla contraerea. Il copilota esce dalla cabina di comando constatando che il resto dell'equipaggio è rimasto ucciso. Ben presto egli nota la luce verde del Loc-Nar seguire il velivolo per poi insediarsi dentro all'aereo avvolgendo i cadaveri dei piloti uccisi del suo malefico potere venendo infine resuscitati in ferocissimi zombi che non esitano ad ucciderlo. Il pilota insospettito innesta l'autopilota per cercare il compagno per ritrovarsi assediato dai resuscitati. A nulla vale la fuga con il paracadute. Atterrato su un'isola disabitata il comandante vi trova innumerevoli carcasse di aerei da dove si levano numerosi altri zombie che lo attendono.

So Beautiful[modifica | modifica sorgente]

Uno scienziato di nome Dr. Anrack giunge al Pentagono per partecipare ad un summit con autorità militari e civili per delle misteriose mutazioni che affliggono gli Stati Uniti. Durante la riunione egli nota che la stenografa Gloria porta al collo un ciondolo con il Loc-Nar. Anrack come impazzito la assale per violentarla quando nel frattempo sopraggiunge una gigantesca astronave, di dimensioni pari alla costruzione, per prelevare bruscamente i due. Cambio di scena. Un minuscolo robot dalla voce stridula, al comando della nave, accompagnato da due goffi alieni, si ritrovano Anrack, che si rivela un robot oramai scassato, e Gloria. L'astronave riparte e durante il viaggio nel cosmo, l'automa seduce la ragazza mentre i due secondi fanno uso di droga. Il viaggio si conclude con un brusco atterraggio in una mastodontica stazione spaziale da far sembrare minuscola l'astronave. Gloria accetta le proposte matrimoniali del robot purché siano di rito ebraico.

L'episodio è narrato in stile comico riportando citazioni, celie e stereotipi tipicamente americani, dall'apparizione della nave Enterprise di Star Trek ad un negozio McDonalds nella stazione spaziale, fino all'allusione ad uno stile di vita coniugale che comporta libertà assoluta per la sposa.

La scena si sposta temporaneamente nella casa della bambina con il Loc-Nar ormai alla fine delle sue storie. il Loc-Nar spiega infine alla bambina, che lei possiede dei poteri di cui non è a conoscenza e la scelta, perché in futuro la bambina avrebbe potuto avere la forza di distruggerlo, facendogli vedere infine un'ultima storia prima di ucciderla.

Taarna[modifica | modifica sorgente]

Il Loc-Nar, adesso delle dimensioni di una meteora gigante, si schianta su un vulcano che esplodendo erutta lava verde, e trasforma una tribù di umani in mostri barbarici mutanti, i quali a loro volta sferrano un attacco ad una città compiendo massacri. Gli anziani prima di soccombere evocano Taarna, ultima superstite della razza guerriera di Taarak, paladina di quella civiltà. Taarna, donna guerriera silente vi giunge in sella ad un gigantesco uccello compiendo la propria vendetta fino ad uno scontro all'ultimo sangue con il capo dei mutanti. Ferita seriamente seppur vittoriosa, Taarna si scaglia con il volatile dentro il vulcano, sacrificandosi per distruggere il Loc-Nar ed il suo immenso potere.

L'amazzone Taarna sul grande volatile ricalca il personaggio Arzach di Moebius.

[modifica | modifica sorgente]

La scena si sposta di nuovo in casa di Grimaldi, dove il Loc-Nar pare risentire del sacrificio, compiuto da Taarna in una dimensione parallela, ed esplode insieme alla casa. La ragazza postasi in salvo trova il fedele compagno volante di Taarna e si trasforma a sua volta in essa. Una voce fuori campo rivela che la ragazza è la nuova ultima esponente della razza di Taarak e starà a difesa dell'universo per almeno la prossima generazione.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Diverse scene sono state girate in rotoscope, ricalcando su disegno riprese di attori e di modellini, per esempio il bombardiere B-17. Per il personaggio di Taarna si è fatto ricorso alla modella canadese Carole Desbiens, così ad un plastico di un paesaggio per la scena del volo. L'esplosione finale è stata ottenuta, per motivi di tempo, con una ripresa dell'esplosione di un plastico dell'abitazione poi virata con un filtro colorato scuro, risultando quindi l'unica scena non animata del film.[1]

L'episodio con gli zombi B-17 fu scritto negli anni settanta da Dan O'Bannon, sviluppandovi poi il soggetto per il film Alien. Le scene più cruente sono accompagnate da un motivo per archi, citazione del film di Hitchcock Psyco. Nel film fantasy di Joe Dante Gremlins si parla di una leggenda in voga nel periodo bellico su bombardieri infestati da spiritelli maligni chiamati appunto gremlins presenti nella versione originale a fumetti dell' episodio.

Per delle scene di nudità, violenza ed horror la pellicola fu distribuita con il divieto ai minori di anni 14[2]. Negli Stati Uniti è certificata con "R Rated".

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

Scritta e diretta per orchestra da Elmer Bernstein include le seguenti canzoni:

  1. Heavy Metal (Sammy Hagar) (3:50)
  2. Heartbeat (Jerry Riggs) (4:20)
  3. Working in the Coal Mine (Devo) (2:48)
  4. Veteran of the Psychic Wars (Blue Öyster Cult) (4:48)
  5. Reach Out (Cheap Trick) (3:35)
  6. Heavy Metal (Takin' a Ride) (Don Felder) (5:00)
  7. True Companion (Donald Fagen) (5:02)
  8. Crazy (A Suitable Case for Treatment) (Nazareth) (3:24)
  9. Radar Rider (Jerry Riggs) (2:40)
  10. Open Arms (Journey) (3:20)
  11. Queen Bee (Grand Funk Railroad) (3:11)
  12. I Must Be Dreamin' (Cheap Trick) (5:37)
  13. The Mob Rules (Black Sabbath) (2:43)
  14. All of You (Don Felder) (4:18)
  15. Prefabricated (Trust) (2:59)
  16. Blue Lamp (Stevie Nicks) (3:48)
  • Through Being Cool dei Devo e E5150 dei Black Sabbath non sono compresi nel cd ufficiale della colonna sonora del film.

Distribuzione italiana[modifica | modifica sorgente]

Il film fu bistrattato dalla distribuzione italiana. Uscito nell'inverno del 1982[3][4] fu ritirato dopo due sole settimane di proiezione per ritornare poco tempo dopo "a grande richiesta" in una sala cinematografica della città di Roma, ed infine in quelle dedicate al cinema d'essai. L'edizione video VHS apparve più di dieci anni dopo.[senza fonte]

Vi sono tre edizioni italiane: la prima (con audio stereo) uscita al cinema nel 1982, distribuita in videocassetta e trasmessa in TV, la seconda fatta appositamente per il DVD (con audio mono) e la terza uscita in formato Blu-Ray con audio Italiano (DTS-HD High Res Audio).

Nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

Il cartone animato comico South Park si è ispirato a questo film per l'episodio Viaggio a TetteLandia.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Imagining Heavy Metal, 1999.
  2. ^ (EN) Heavy Metal in Internet Movie Database, IMDb.com Inc.
  3. ^ Guerra di mostri fra le stelle
  4. ^ Pugni nello stomaco agli spettatori dal fumetto urlante

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]