Hayate (cacciatorpediniere)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hayate
DD-13
La nave nel 1925 durante le prove in mare
La nave nel 1925 durante le prove in mare
Descrizione generale
Naval Ensign of Japan.svg
Tipo cacciatorpediniere
Classe classe Kamikaze
Proprietà Naval Ensign of Japan.svg Dai-Nippon Teikoku Kaigun
Ordinata ottobre 1921
Costruttori Ishikawajima-Harima
Cantiere Tokyo, Giappone
Impostata 11 novembre 1922
Varata 23 marzo 1925
Entrata in servizio 21 novembre 1925
Destino finale affondata l'11 dicembre 1941 da batterie costiere statunitensi durante la battaglia dell'Isola di Wake
Caratteristiche generali
Dislocamento standard: 1.400 t
a pieno carico: 1.720 t
Lunghezza 102,6 m
Larghezza 9,1 m
Pescaggio 2,9 m
Propulsione 4 caldaie Kanpon per due turbine a vapore; 38.500 shp
Velocità 37,2 nodi
Autonomia 3.600 miglia a 14 nodi
Equipaggio 148
Armamento
Artiglieria alla costruzione:
  • 4 cannoni da 120 mm (impianti singoli)
  • 2 mitragliatrici da 7,7 mm
Siluri 6 tubi lanciasiluri da 530 mm (due impianti doppi)
Altro 20 mine

dati tratti da[1]

voci di cacciatorpediniere presenti su Wikipedia

Lo Hayate fu un cacciatorpediniere della Marina imperiale giapponese, appartenente alla classe Kamikaze; entrato in servizio nel novembre del 1925, partecipò alla seconda guerra mondiale finendo affondato l'11 dicembre 1941 dal fuoco di batterie costiere statunitensi durante la battaglia dell'Isola di Wake: fu la prima nave di superficie giapponese ad essere affondata nel corso del conflitto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Impostata l'11 novembre 1922 nei cantieri della Ishikawajima-Harima di Tokyo, la nave venne varata il 23 marzo 1925 inizialmente con il nome di DD-13, entrando poi in servizio il 21 novembre seguente; il nome fu poi cambiato in Hayate ("Burrasca" in lingua giapponese) il 1º agosto 1928[1]. L'unità fu assegnata alla 29ª Divisione cacciatorpediniere, dispiegata a Truk a protezione del Mandato del Pacifico meridionale e parte della 4ª Flotta giapponese (Dai-yon Kantai)[2].

Nel dicembre del 1941, allo scoppio della guerra nel teatro del Pacifico, il cacciatorpediniere fu assegnato alla squadra navale giapponese incaricata di catturare l'isola di Wake, piccolo possedimento statunitense nel Pacifico centrale. La mattina dell'11 dicembre 1941 le unità giapponesi giunsero in vista dell'isola: mentre tre incrociatori aprivano il fuoco sull'isola, i cacciatorpediniere si disposero intorno ad essa per prepararsi ad appoggiare i reparti da sbarco nipponici. Rimaste in silenzio per far avvicinare maggiormente le unità giapponesi, intorno alle 06:15 le batterie costiere statunitensi aprirono il fuoco sul nemico; ad una distanza dalla costa di 3.600 metri, lo Hayate si ritrovò sotto il tiro di due cannoni da 127 mm dislocati sull'isolotto di Wilkes, e verso le 06:52 fu centrato dalla terza salva della batteria: probabilmente colpito nel suo deposito delle munizioni, il cacciatorpediniere esplose fragorosamente e si inabissò nel giro di due minuti, senza superstiti tra l'equipaggio[2]. L'unità fu poi cancellata dai registri navali giapponesi il 15 gennaio 1942.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Kamikaze class 1st class destroyers in nifty.com. URL consultato il 14 febbraio 2013.
  2. ^ a b (EN) Hayate tabular record of movement in combinedfleet.com. URL consultato il 13 febbraio 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]