Harry Potter (prologo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il prologo di Harry Potter consiste in un racconto breve scritto dall'autrice J. K. Rowling nel 2008 per contribuire ad un'asta di beneficenza.

Nascita del racconto[modifica | modifica sorgente]

L'11 giugno 2008 la catena di librerie Waterstones organizzò un'asta di beneficenza dal titolo "What's Your Story?" ("Qual è la tua storia?") il cui ricavato era destinato all'associazione Dyslexia Action impegnata nel dare supporto a bambini affetti da dislessia e alla divisione inglese dell'organizzazione letteraria internazionale PEN. Oggetto dell'asta furono tredici racconti brevi di circa 800 parole, scritti, su fogli autografi formato A5, da tredici diversi autori, tra i quali J.K. Rowling. Il racconto di quest'ultima fu venduto per £25,000 a Hira Digpal, presidente della compagnia di consulenza finanziaria giapponese Red-33. In totale, l'asta raccolse £47,150.[1]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Due poliziotti Babbani inseguono una motocicletta, cavalcata da Sirius Black e James Potter, riuscendo a bloccarla in un vicolo cieco. Durante l'arresto, tre uomini su delle scope volanti tentano di raggiungere il vicolo, ma finiscono per sbattere contro l'auto dei poliziotti fatta levitare dai due giovani motociclisti grazie alle loro bacchette magiche. Questi si dileguano, poi, in volo a cavallo della motocicletta.

J. K. Rowling chiude il manoscritto così: "Dal prologo sul quale non sto lavorando - ma è stato divertente!"[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Bloomberg.com: Muse Arts
  2. ^ BBC NEWS | Entertainment | Potter 'prequel' sold at auction

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]