Harlow Shapley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Harlow Shapley

Harlow Shapley (Nashville, 2 novembre 1885Boulder, 17 ottobre 1972) è stato un astronomo australiano.

Studiò all'Università di Princeton sotto il professor Henry Norris Russell, ed utilizzò la relazione periodo luminosità per le Cefeidi scoperta da Henrietta Swan Leavitt per determinare la distanza di alcuni ammassi globulari. Si rese così conto che la Via Lattea era molto più grande di quanto creduto e nel 1918 ne misurò la lunghezza in 100.000 anni luce. Prese parte al Grande Dibattito con Heber D. Curtis sulla natura delle nebulose e delle galassie, e sulle dimensioni dell'universo.

Il dibattito si svolse il 26 aprile 1920. Shapley era contrario all'idea che il Sole si trovasse al centro della Via Lattea, e per dimostrare la sua ipotesi mostrò i risultati che aveva ottenuto studiando gli ammassi globulari. Essi infatti sono più concentrati in direzione della costellazione del Sagittario, perciò Shapley ipotizzò che, se erano distribuiti uniformemente attorno alla Galassia, il nucleo della Via Lattea doveva trovarsi proprio in direzione del Sagittario.

Credeva inoltre che le galassie fossero parte della Via Lattea, anche se il loro spettro era di emissione anziché di assorbimento, com'era per le nebulose comuni. Aveva ragione sulla prima ipotesi, e torto sulla seconda. All'epoca del dibattito, Shapley lavorava all'Osservatorio di Monte Wilson. In seguito egli fu chiamato a rimpiazzare il celebre Edward Charles Pickering, recentemente deceduto, come direttore dell'Osservatorio di Harvard. Occupò quel posto dal 1921 sino al 1952.

Nel 1925 assunse Cecilia Payne Gaposchkin, che divenne la prima persona ad ottenere un dottorato in astronomia all'Università Harvard. Negli anni quaranta, Shapley collaborò a fondare alcune associazioni scientifiche, tra cui la National Science Foundation. È anche colui che contribuì a far inserire la lettera S nella sigla UNESCO (che sta per Scientific, scientifica). Politicamente Shapley era un liberale ma fu una delle vittime del Maccartismo, in quanto il senatore Joseph McCarthy lo accusò, falsamente, di essere una spia dell'Unione Sovietica.

Nel 1950, ebbe un ruolo rilevante nell'organizzazione di una campagna accademica contro il controverso best-seller pseudoscientifico Mondi in collisione, dello psichiatra russo espatriato Immanuel Velikovsky. Shapley coltivò per tutta la vita un interesse per la mirmecologia. Era inoltre il nonno dell'autore di best-seller Tracey Shapley e del vincitore del Premio Pulitzer Christopher Shapley. Si sposò nel 1914 con Martha Betz, anch'essa un'astronoma, che lo aiutò spesso nel suo lavoro. Ebbero quattro figli e una figlia. Gli sono stati dedicati il cratere Shapley sulla Luna e un asteroide, 1123 Shapleya.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 54210087 LCCN: n50022197

astronomia Portale Astronomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronomia e astrofisica