Harlem (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Harlem (film 1943))
Harlem
Titolo originale Harlem
Paese di produzione Italia
Anno 1943
Durata 80 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Carmine Gallone
Soggetto Giuseppe Achille
Sceneggiatura Sergio Amidei, Emilio Cecchi
Produttore Cines
Distribuzione (Italia) ENIC
Fotografia Anchise Brizzi
Montaggio Maria Rosada
Musiche Willy Ferrero, Enrico Cagna Gabiati
Scenografia Guido Fiorini
Interpreti e personaggi

Harlem è un film del 1943 diretto da Carmine Gallone

Trama[modifica | modifica sorgente]

Tommaso un giovane pugile italiano parte per l'America del Nord, intenzionato a sfondare nel mondo del pugilato. A New York incontra il fratello Amedeo che si occupa di costruzioni edili.

Ma una banda di malfattori accusa Amedeo di essere un assassino, per cui finisce in tribunale, Tommaso in un grande incontro sul ring riesce a battere il campione afro-americano e con la borsa ricevuta potrà pagare la cauzione per liberare il fratello, che sarà comunque ucciso in un agguato, in punto di morte Amedeo supplica Tommaso a tornare in patria.

La critica[modifica | modifica sorgente]

Antonio Pietrangeli, nelle pagine di Bianco e Nero del 1º giugno 1943 « Imbastito con un preciso scopo dimostrativo e didascalico in un finale alla Griffith e nel serrato montaggio di un incontro di pugilato. Dopo tanta penuria, dopo tanto ozioso paesaggismo, abbiamo visto la gente scattare in piedi, gridare battere le mani. Gli autori hanno voluto dare alla pellicola un surrogato dei film americani. Ci meraviglia che tra gli autori ci sia Cecchi che passa per competente di cose americane..»

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il film, girato a Cinecittà in piena guerra tra la fine del 1942 e l'inizio dell'anno successivo, esce nelle sale nel mese di aprile. Carmine Gallone, per disporre del folto pubblico di afroamericani, riuscì a far giungere nel teatro di posa un gruppo di prigionieri di colore, provenienti da un campo di prigionia nei pressi di Roma.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Francesco Savio, Ma l'amore no, Sonzogno Milano 1975
  • Dizionario Bolaffi del cinema italiano i registi Torino 1979

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema