Hari Singh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hari Singh
Hari Singh
Maharaja di Jammu e Kashmir
In carica 1925 - 1961
Predecessore Pratap Singh
Successore Karan Singh
Nascita Palazzo di Amar Mahal, Jammu, 30 settembre 1895
Morte Bombay, 26 aprile 1961
Dinastia Dogra
Padre Amar Singh
Madre una nobile della famiglia Chib
Consorte Tara Devi
Figli Karan Singh

Hari Singh (Jammu, 30 settembre 1895Bombay, 26 aprile 1961) fu l'ultimo Maharaja dello stato di Jammu e Kashmir. Si sposò quattro volte e dalla sua ultima moglie, Maharani Tara Devi (1910–1967), egli ebbe un figlio, Yuvraj (principe erediario) Karan Singh.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

I primi anni[modifica | modifica sorgente]

Hari Singh, nacque il 23 settembre 1895 al palazzo di Amar Mahal a Jammu, unico figlio sopravvissuto del generale principe Sir Amar Singh (14 gennaio 1864-26 marzo 1909), figlio minore del generale Maharajadhiraj Sri Sir Ranbir Singh e fratello del tenente generale Maharajadhiraj Sri Sir Pratap Singh, futuro Maharaja di Jammu e Kashmir.

Educazione e preparazione al trono[modifica | modifica sorgente]

Hari Singh, principe ereditario, in una fotografia del 1920

Nel 1903, Hari Singh prestò servizio come Paggio d'Onore di Lord Curzon al grande Delhi Durbar. All'età di 13 anni, Hari Singh venne iscritto al Mayo College di Ajmer. L'anno successivo, il 1909, fu l'anno della morte di suo padre ed il governo inglese prense un particolare interesse nei confronti dell'educazione del giovane principe, nominandovi il maggiore H.K. Brar quale suo tutore. Dopo il Mayo College il principe ereditario entrò nell'Imperial Cadet Corps di Dehra Dun ove ebbe il proprio avviamento militare, rimanendo imbevuto della politica e dell'atmosfera coloniale britannica, e dall'età di 20 anni venne nominato comandanto in capo delle forze di stato di Jammu e Kashmir.

Il regno[modifica | modifica sorgente]

L'ultimo maharaja di Jammu e Kashmir in un discorso alla radio

A seguito della morte di suo zio, Sir Pratap Singh, nel 1925, Sir Hari Singh ascese al trono di Jammu e Kashmir. Egli rese subito obbligatoria l'istruzione nel suo Stato, introdusse leggi che proibirono il matrimonio tra bambini ed aprì nuovi posti di lavoro anche per le classi meno agiate.

Singh era però ostile nei confronti del Congresso Nazionale Indiano, in parte per la sua stretta amicizia col socialista ed attivista politico Sheikh Abdullah e Nehru. Egli era inoltre opposto alla Lega Musulmana ed ai suoi membri con la loro teoria delle due nazioni. Durante la Seconda guerra mondiale, dal 1944 al 1946, Sir Hari Singh fu membro del Gabinetto Imperiale di Guerra.

Nel 1947, dopo che l'India ebbe ottenuto l'indipendenza dal governo britannico, lo stato di Jammu e Kashmir ebbe l'opzione di aderire all'India o al Pakistan o di rimanere indipendente. Malgrado la maggioranza della popolazione del suo stato fosse di religione musulmana e come tale avesse intenzione di entrare nella Lega Musulmana, Hari Singh non era d'accordo ed era anzi intenzionato a mantenere indipendente il proprio stato, il che causò un ammutinamento di alcuni reggimenti nel Gilgit ed altre rivolte nell'ottobre del 1947. Il maharaja si appellò all'India per ottenere aiuti contro i rivoltosi,[1] ma l'India si rifiutò di accettare questa proposta sino a quando il maharaja non avesse accettato di entrare a far parte del Dominion d'India.[2]

Hari Singh siglò dunque l' Instrument of Accession il 26 ottobre 1947, entrando a far parte del Dominion d'India e rinunciando alla propria sovranità sul territorio.[3][4] Questi eventi portarono alla prima guerra indo-pakistana.

Pressioni da parte di Nehru e Sardar Patel costrinsero Hari Singh a nominare suo figlio ed erede, Karan Singh, quale reggente di Jammu e Kashmir nel 1949, anche se egli mantenne formalmente il titolo di maharaja sino al 1952, quando venne ufficialmente abolita la monarchia. Hari Singh si ritirò a questo punto a Bombay, dove morì il 26 aprile 1961 a causa di un attacco cardiaco, all'età di 65 anni. Suo figlio Karan Singh venne nominato 'Sadr-e-Riyasat' ('Presidente della Provincia') nel 1952 e Governatore di Stato nel 1964.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze britanniche[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere Gran Commendatore dell'Ordine della Stella d'India - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Gran Commendatore dell'Ordine della Stella d'India
Cavaliere Gran Commendatore dell'Ordine dell'Impero Indiano - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Gran Commendatore dell'Ordine dell'Impero Indiano
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Vittoriano - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Vittoriano
India Service Medal - nastrino per uniforme ordinaria India Service Medal
1939-1945 Star - nastrino per uniforme ordinaria 1939-1945 Star
Africa Star - nastrino per uniforme ordinaria Africa Star
War Medal 1939-1945 - nastrino per uniforme ordinaria War Medal 1939-1945
Medaglia d'oro del Delhi Durbar di Edoardo VII - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro del Delhi Durbar di Edoardo VII
Medaglia d'oro del Delhi Durbar di Giorgio V - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro del Delhi Durbar di Giorgio V
immagine del nastrino non ancora presente Prince of Wales Visit Medal
Medaglia del giubileo d'argento di Giorgio V - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia del giubileo d'argento di Giorgio V
Medaglia dell'Incoronazione di Giorgio VI - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia dell'Incoronazione di Giorgio VI
Medaglia dell'indipendenza dell'India - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia dell'indipendenza dell'India
— 1947

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia (Regno d'Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia (Regno d'Italia)
— 1930
Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore (Repubblica francese) - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore (Repubblica francese)
— 1938

Note[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Maharaja di Jammu e Kashmir Successore Flag Jammu Kashmir.png
Pratap Singh 1925 - 1952 Moanrchia abolita nel 1952; succeduto da Karan Singh come Sadar-i-Riyasat (Capo di Stato)
Predecessore Maharaja titolare di Jammu e Kashmir Successore Flag Jammu Kashmir.png
Sé stesso come sovrano 1952 - 1961 Karan Singh

Controllo di autorità VIAF: 37725585