Hapax

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

In linguistica e in filologia, un hapax, dal greco ἅπαξ λεγόμενον (hápax legómenon, "detto una volta sola") è una forma linguistica (parola o espressione), che compare una sola volta nell'ambito di un testo, di un autore o dell'intero sistema letterario di una lingua.

Gli hapax sono dunque parole rare, il cui utilizzo in filologia può essere quello di aiutare gli studiosi nell'attribuzione della paternità di un testo: un manoscritto che contiene una parola adoperata altrove soltanto da un autore, è probabilmente di quello stesso autore.

Esempi[modifica | modifica sorgente]

Esempi di hapax in italiano sono il termine ramogna rispetto all'intera letteratura italiana, perché compare una sola volta in un passo della Divina Commedia (Purgatorio XI, 25); oppure la parola mite nell'ambito dantesco, perché compare una sola volta in tutta la Divina Commedia (Purgatorio XV, 102). Altro hapax caratteristico è lo stesso nome di Dante, che compare una sola volta nel trentesimo canto del Purgatorio (Purgatorio XXX, 55).

Un esempio di hapax nella lingua inglese è la parola Honorificabilitudinitatibus presente nell'opera Pene d'amor perdute di William Shakespeare.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica