Hans von Seisser

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Colonnello Hans Ritter von Seisser (Seißer in tedesco; 9 dicembre 187414 aprile 1973) è stato un poliziotto tedesco, capo della Polizia di Stato della Baviera nel 1923.

Nel settembre 1923, durante un periodo di turbolenza e violenza politica, il primo Ministro Eugen von Knilling dichiarò la legge marziale e nominò Gustav von Kahr, Staatskomissar (Commissario di stato), con poteri dittatoriali. Allo stesso momento, con Seisser e il Reichswehr General Otto von Lossow, loro formarono un triumvirato di destra in Bavaria. Durante quell'anno, molti gruppi di estrema destra, in Germania, hanno provato ad emulare Mussolini e la sua "marcia su Roma" facendo una "marcia su Berlino".

Tra questi vi era il generale Erich Ludendorff e anche il gruppo nazista (NSDAP), guidato da Adolf Hitler. Hitler tentò di prendere il potere in quello che fu in seguito conosciuto come il "colpo di stato di Hitler" o Putsch di Monaco. Hitler e Ludendorff cercarono il sostegno del "triumvirato". Tuttavia, Kahr, Seisser e Lossow avevano il loro piano per installare una dittatura nazionalista senza Hitler.[1] Hitler era deciso ad intervenire prima che il fascino della sua agitazione diminuisse.[2].

Quindi, l'8 novembre 1923, Hitler e la SA hanno condotto un assalto ad un incontro pubblico di 3.000 persone che era stato organizzato da Kahr nel Bürgerbräukeller, una grande sala da birra a Monaco di Baviera. Hitler interuppe il discorso di Kahr e annunciò che la rivoluzione nazionale era cominciata, dichiarando la formazione di un nuovo governo con Ludendorff.[3] Mentre agitava la pistola in alto, Hitler chiese l'appoggio di Kahr, Seisser e Lossow. Le forze di Hitler, inizialmente, riuscirono ad occupare la sede locale del Reichswehr e della polizia, tuttavia, né l'esercito né la polizia di stato avevano unito le forze con Hitler.

Kahr, Seisser e Lossow furono brevemente detenuti, ma poi furono rilasciati. I tre hanno rapidamente ritirato il loro sostegno al golpe e fuggirono per unirsi all'opposizione a Hitler.[4] Il giorno seguente, Hitler e i suoi seguaci hanno marciato dalla birreria alla Ministero della guerra bavarese per rovesciare il governo bavarese compiendo la loro "marcia su Berlino", ma la polizia li ha dispersi.[5] Sedici membri NSDAP e quattro agenti di polizia sono stati uccisi in seguito al fallito colpo di stato.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine militare di Massimiliano Giuseppe - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine militare di Massimiliano Giuseppe

Note[modifica | modifica sorgente]

(EN)

  1. ^ Ian Kershaw, Hitler: A Biography, New York, W. W. Norton & Company, 2008, p. 126, ISBN 0-393-06757-2.
  2. ^ Kershaw 2008, p. 125
  3. ^ Kershaw 2008, p. 128
  4. ^ William L. Shirer, Rise and fall of Third Reich, Simon & Schuster, 1961, 1990 reprint, p. 109, ISBN 0-671-72868-7.
  5. ^ Kershaw 2008, pp. 130–131

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie