Hans l'intelligente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il cavallo Hans durante un'esibizione

Hans l'intelligente (in tedesco der kluge Hans) era un cavallo di razza Orlov che si riteneva fosse in grado di eseguire operazioni aritmetiche e altre attività logico-intellettive.

Dopo un'indagine formale nel 1907, lo psicologo Oskar Pfungst dimostrò che il cavallo non era in realtà capace di operazioni mentali, ma osservava la reazione degli interlocutori. Pfungst scoprì che il cavallo rispondeva direttamente ai segnali involontari del linguaggio del corpo dell'addestratore, riuscendo a risolvere i problemi che gli venivano sottoposti[1].

Tale indagine, condotta in particolare sulle reazioni del cavallo alle modifiche comportamentali inconsce dell'interlocutore, ebbe una notevole importanza nello studio dell'effetto aspettativa e dell'intelligenza animale[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il cavallo Hans ritratto in una foto scattata nel 1910

Hans era un cavallo di proprietà di Wilhelm von Osten, insegnante di matematica e addestratore di cavalli. Secondo Osten, il suo equino era in grado di sommare, sottrarre, moltiplicare, dividere, lavorare con le frazioni, scandire il tempo, seguire il calendario, differenziare i toni musicali e leggere e capire il tedesco. Alle domande Hans rispondeva indicando o battendo con il proprio zoccolo.[3]

Von Osten fece spettacoli in tutta la Germania e la fama dell'abilità del suo cavallo raggiunse anche gli Stati Uniti d'America[4].

Dopo la morte di von Osten nel 1909, Hans cambiò più volte proprietari, ma dopo il 1916 se ne perse ogni traccia. Il suo destino rimane sconosciuto.

Indagine[modifica | modifica wikitesto]

A causa del grande interesse suscitato dalle performance del cavallo, fu nominata una commissione d'indagine sulle presunte doti intellettive dell'animale.

Lo psicologo Carl Stumpf formò, infatti, un gruppo di 13 persone, noto come "Commissione Hans". Questa commissione era composta da un veterinario, un gestore di circo, un ufficiale di cavalleria, un certo numero di insegnanti di scuola e dal direttore del giardino zoologico di Berlino. Nel settembre del 1904 la commissione concluse che l'esperimento condotto da von Hosten con Hans era esente da trucchi.[5]

Nel 1907 Oskar Pfungst sottopose il cavallo a una serie di prove, effettuando vari test con le seguenti varianti:[6]

Hans mentre risponde alle domande
  • isolamento del cavallo e dell'addestratore dagli spettatori, in modo che nessuno spunto potesse derivare dalla presenza del pubblico;
  • domande poste da persona diversa dal padrone del cavallo;
  • utilizzo di paraocchi, che consentivano o meno di vedere la persona che rivolgeva le domande;
  • utilizzo, per porre le domande, di persone che non conoscevano le risposte.

Alla fine delle prove registrò i seguenti fatti:

  • il cavallo rispondeva correttamente, qualunque fosse la persona che poneva le domande;
  • non rispondeva esattamente:
    quando la persona era fuori del suo campo visivo;
    quando la persona ignorava la risposta alla domanda.

Pfungst constatò, pertanto, che il cavallo reagiva agli stimoli visivi del linguaggio corporeo di von Hosten, riuscendo a cogliere le involontarie modifiche posturali ed espressive che intervenivano nel corso degli esperimenti.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Clever Hans phaenomenon
  2. ^ A. S. R. Manstead, Miles Hewstone, The Blackwell encyclopedia of social psychology, Wiley-Blackwell, 1996 ISBN 0631202897
  3. ^ The New York Times, Berlin's wonderful horse, 23 agosto 1904
  4. ^ The New York Times, Berlin's wonderful horse, 23 agosto 1904
  5. ^ Clever Hans, the "Psychic" Horse
  6. ^ Silvano Fuso, Pinocchio e la scienza: come difendersi da false credenze e bufale scientifiche, Dedalo, 2006 ISBN 8822062949
  7. ^ Clever Hans, the math horse

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Vinciane Despret, Hans: Le cheval qui savait compter, Les Empêcheurs de penser en rond, 2004
  • O. Pfungst, Clever Hans (The horse of Mr. Von Osten): A Contribution to Experimental Animal and Human Psychology, Henry Holt, New York, 1911
  • Rémy de Gourmont, Les chevaux qui pensent, in La Dépêche de Toulouse, n. 16 035, 9 giugno 1912
  • Karl Krall, Denkende Tiere, Leipzig, Friedrich Engelmann, 1912, 584 p., Der kluge Hans, p. 1-83
  • Robert H. Wozniak, Classics in Psychology: Oskar Pfungst's "Clever Hans (The Horse of Mr. von Osten)", Thoemmes Press, 1999 ISBN 185506703X

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]