Hans-Joachim Roedelius

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hans-Joachim Roedelius
Nazionalità Germania Germania
Genere Krautrock
Musica elettronica
Ambient
Periodo di attività 1968 – in attività
Etichetta Sky Records
Egg Records
Barclay Records
Multimood
Editions E'G
All Saints
Prudence
Klanggalerie
Rykodisc
Gyroscope
Polygram
Curious Music
Amadeo
Captain Trip Records, Grönland Records
Nepenthe Music
Fabrique Records
Psychonavigation Records
Gruppi e artisti correlati Cluster
Harmonia
Human Being
Qluster
Acquarello
Kluster
Sito web

Hans-Joachim Roedelius (Berlino, 26 ottobre 1934) è un musicista e compositore tedesco considerato tra i più innovativi esponenti della musica elettronica contemporanea[1].

Fu cofondatore, assieme a Dieter Moebius, del gruppo musicale tedesco Cluster e del progetto Harmonia. Ha inoltre collaborato con numerosi musicisti e gruppi musicali quali gli Acquarello e i Qluster.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

I primi anni di carriera[modifica | modifica sorgente]

Dopo essersi dedicato alla recitazione sin da bambino (partecipò ad alcuni film prodotti dalla Universum Film), Roedelius fondò la "Human Being", una comunità musicale associata al Zodiak Free Arts Lab berlinese che cofondò assieme all'artista concettuale Conrad Schnitzler.[2] Dopo aver conosciuto Dieter Moebius allo Zodiak, Roedelius fondò assieme a lui e Schnitzler i Kluster nel 1970.

I Cluster e gli Harmonia[modifica | modifica sorgente]

Quando Schnitzler abbandonò la formazione per iniziare una carriera musicale solista, Roedelius e Moebius la rinominarono Cluster nel 1971. Nel 1974, il duo iniziò una collaborazione con il chitarrista dei Neu! Michael Rother.

Durante gli anni settanta, Rother co-produsse Zuckerzeit dei Cluster nel 1977 ed iniziò assieme a loro il progetto Harmonia, destinato a proseguire nella pubblicazione di album quali Musik von Harmonia (1974) e Deluxe (1975).

Dopo essere stato affascinato dalla musica dei Cluster e degli Harmonia, Brian Eno iniziò una collaborazione con Roedelius, Moebius e Rother che portò il gruppo a registrare musica. Quelle registrazioni verranno pubblicate nell'album Tracks & Traces nel 1997.

Quando Rother abbandonò il progetto Harmonia, Eno proseguì la collaborazione con i Cluster, pubblicando Cluster & Eno (1977) e After the Heat (1978). Successivamente, Brian Eno tornò a Berlino per collaborare con David Bowie.

La carriera solista[modifica | modifica sorgente]

Roedelius iniziò una carriera in proprio nel 1978, quando pubblicò l'album d'esordio Durch die Wüste, seguito da Jardin au Fou che venne pubblicato durante l'anno seguente. Quest'ultima pubblicazione anticipò il futuro stile musicale di Roedelius, che comporrà album solitamente ricchi di melodie pianistiche e suoni di strumenti musicali spesso trattati elettronicamente.

Il primo album della serie Selbsportrait, contenente alcune registrazioni che compose fra il 1973 e il 1977[3][4], venne pubblicato nel 1979, e divenne un punto di riferimento per le sue prime pubblicazioni da solista.

A partire dal 1982, la sua musica si avvicinò allo stile new age. Nel 1984 pubblicò il suo album solista di maggior successo commerciale, Geschenk des Augenblicks - Gift of the Moment.[5][6]

Durante i primi anni novanta pubblicò alcuni album ispirati all'emergente musica techno, fase che venne inaugurata da Der Ohrensiegel (1991).

A partire dal 1994, lo stile musicale di Roedelius miscelava elettronica, ambient e jazz. Uno degli album che caratterizzava questo periodo, Theatre Works (1994), venne riconosciuto "album del mese" dalla rivista di musica alternativa The Wire.[7]

Nello stesso anno l'album Sinfonia Contempora No. 1 Von Zeit zu Zeit, un album caratterizzato da frammenti di registrazioni su nastro multi-traccia, segnò un improvviso cambiamento di stile.

Pur seguendo le "linee guida" di Sinfonia Contempora 1, Sinfonia Contempora No. 2: La Nordica (Salz Des Nordens), pubblicato nel 1996, è caratterizzato da sonorità più cupe e sinistre. Durante lo stesso periodo venne pubblicato l'album Selbstportrait VI: The Diary of the Unforgotten, il primo album della sua nuova serie dei "Selbstportrait".

Il nuovo millennio, le due reunion dei Cluster e i Qluster[modifica | modifica sorgente]

I Cluster si riunirono la prima volta nel 1991, pubblicando Apropos Cluster e partecipando a due tour internazionali, uno in Giappone, ed uno negli Stati Uniti che verranno documentati su Japan Live 1996 e 1997 - First Encounter Tour 1996.

L'anno 2000 vide Roedelius estremamente prolifico (pubblicò otto album nell'arco di un solo anno). Il nuovo millennio vide il musicista collaborare con numerosi musicisti.

Una serie già inaugurata nel 1995, quella dei Lieder vom Steinfeld, è caratterizzata da album dove il compositore stesso recita su un accompagnamento musicale. Nel 2001 collaborò, dopo molti anni, assieme a Conrad Scnnitzler per pubblicare il rarissimo Acon 2000/1.

Divenuto un noto musicista elettronico, Roedelius pubblica da molto tempo numerosi album spesso collaborativi. Una sua collaborazione con Noh 1, Fibre (2009), raggiunse il tredicesimo posto nella classifica dei migliori album del 2009 secondo la rivista Uncut.[8]

Dopo una seconda reunion durata tre anni, i Cluster si sciolsero nel 2010. In seguito a questo fatto, Roedelius inaugurò il progetto Qluster assieme a Onnen Bock.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album nei gruppi musicali[modifica | modifica sorgente]

negli Human Being[modifica | modifica sorgente]

  • 2008 : Live at the Zodiak - Berlin 1968 (live)

nei Kluster[modifica | modifica sorgente]

  • 1970 : Klopfzeichen
  • 1970 : Zwei-Osterei
  • 1971 : Eruption (live)

nei Cluster[modifica | modifica sorgente]

negli Harmonia[modifica | modifica sorgente]

negli Aquarello[modifica | modifica sorgente]

  • 1991 : Friendly Game (attribuito a Roedelius, Capanni, Alesini)
  • 1993 : To Cover The Dark
  • 1998 : Aquarello (live) (attribuito al solo Roedelius)

nel Global Trotters Project[modifica | modifica sorgente]

  • 1999 : Vol. 1: Drive
  • 1999 : Drive - Remix

nei Qluster[modifica | modifica sorgente]

  • 2011 : Fragen
  • 2011 : Rufen (live)
  • 2011 : Antworten
  • 2013 : Lauschen

Album solisti[modifica | modifica sorgente]

  • 1978 : Durch die Wüste
  • 1979 : Jardin Au Fou|Jardin au Fou
  • 1979 : Selbstportrait
  • 1980 : Selbstportrait - Vol. II
  • 1980 : Selbtportrait Vol. III "Reise durch Arcadien"
  • 1981 : Lustwande
  • 1981 : Wenn Der Südwind Weht
  • 1981 : Offene Türen
  • 1982 : Flieg' Vogel fliege
  • 1982 : Wasser im Wind
  • 1984 : Auf leisen Sohlen (antologia)
  • 1984 : Geschenk des Augenblicks - Gift of the Moment
  • 1984 : Begegnungen (antologia)
  • 1985 : Begegnungen II (antologia)
  • 1986 : Wie das Wispern des Windes
  • 1987 : Momenti Felici
  • 1989 : Bastionen der Liebe - Fortress of love
  • 1990 : Variety of Moods
  • 1991 : Der Ohrenspiegel
  • 1991 : Piano Piano
  • 1992 : Cuando... Adonde
  • 1992 : Frühling (ripubblicato con il titolo Romance in the Wilderness)
  • 1993 : Tace!
  • 1994 : Sinfonia Contempora No. 1: Von Zeit zu Zeit
  • 1994 : Theatre Works
  • 1995 : Selbstportrait VI: The Diary of the Unforgotten
  • 1995 : Vom Nutzen der Stunden - Lieder vom Steinfeld Vol. I
  • 1995 : 61sechzigjahr (antologia pubblicata in pochissime copie)
  • 1996 : Sinfonia Contempora No. 2: La Nordica (Salz Des Nordens)
  • 1996 : Pink, Blue And Amber
  • 1999 : Selfportrait VII: dem Wind voran - ahead of the wind
  • 1999 : Amerika Recycled by America Inc
  • 1999 : Vom Nutzen der Stunden - Lieder Vom Steinfeld Vol.II
  • 2000 : Roedeliusweg
  • 2001 : Roedelius 2001 - Orgel Solo
  • 2001 : Das Verwirrte Schaf - Wort-Klang Collage zum Aschermittwoch
  • 2002 : Selbstportrait VIII - Introspection
  • 2003 : American Steamboat
  • 2003 : Counterfeit
  • 2003 : Lieder vom Steinfeld Vol.III
  • 2003 : Roedelius 1969-2002 (antologia)
  • 2006 : Works 1968-2005 (antologia)
  • 2007 : Snapshots/Sidesteps
  • 2008 : Back Soon
  • 2010 : Ex Animo

Collaborazioni[modifica | modifica sorgente]

con Brian Eno, Dieter Moebius e Michael Rother[modifica | modifica sorgente]

  • 1997 : Tracks and Traces (attribuito ad Harmonia '76 o, in altre pubblicazioni, ad Harmonia and Eno '76)
  • 2009 : Harmonia & Eno '76 Remixes

con Brian Eno e Dieter Moebius[modifica | modifica sorgente]

  • 1977 : Cluster & Eno (attribuito a Cluster & Eno)
  • 1978 : After the Heat
  • 1985 : Old Land (antologia) (attribuita a Cluster and Brian Eno)

con Brian Eno e Dieter Moebius negli album solisti di Eno[modifica | modifica sorgente]

con Alexander Czjzek[modifica | modifica sorgente]

  • 1987 : Weites Land

con gli Aqueous[modifica | modifica sorgente]

  • 1994 : Grace Notes
  • 1997 : Meeting The Magus

con Richard Barbieri e Chianura[modifica | modifica sorgente]

  • 1998 : T'ai

con Alquimia[modifica | modifica sorgente]

  • 2000 : Move and Resonate

con Tim Story[modifica | modifica sorgente]

  • 2000 : The Persistence of Memory
  • 2002 : Lunz
  • 2005 : Lunz-Reinterpretations
  • 2008 : Inlandish

con Conrad Schnitzler[modifica | modifica sorgente]

  • 2001 : Acon 2000/1

con Fabio Capanni, Felix Dorner, Hirishi Nagashima e Robin Storey[modifica | modifica sorgente]

  • 2001 : Evermore

con Lynn[modifica | modifica sorgente]

  • 2001 : Act of Love

con Nikos Arvanitis[modifica | modifica sorgente]

  • 2002 : Digital Love

con Noh 1[modifica | modifica sorgente]

  • 2003 : Imagine Imagine (colonna sonora)
  • 2009 : Fibre

con Morgan Fisher[modifica | modifica sorgente]

  • 2005 : Neverless

con David Bickley[modifica | modifica sorgente]

  • 2008 : Bonaventura

con Kava[modifica | modifica sorgente]

  • 2008 : Gugging Album

con Tim Story e Dwight Ashley[modifica | modifica sorgente]

  • 2008 : Errata

con Alessandra Celletti[modifica | modifica sorgente]

  • 2009 : Sustanza di cose sperata

con Christopher Chaplin[modifica | modifica sorgente]

  • 2012 : King Of Hearts

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Hans-Joachim Roedelius | Music Biography, Credits and Discography | AllMusic
  2. ^ http://www.angelfire.com/space/kosmische/copy_of_roedeliusinterview.html
  3. ^ Roedelius - Selbstportrait I, Bureau B, 0 dicembre 2010. URL consultato l'11 dicembre 2010.
  4. ^ Hans-Joachim Roedelius - Selbstportrait (LP), Discogs. URL consultato l'11 dicembre 2010.
  5. ^ Roedelius - Geschenk des Augenblicks - Gift of the Moment / Bureau B, Piccadilly Records, 13 dicembre 2010. URL consultato il 19 dicembre 2010..
  6. ^ Rough Trade Shops, roughtrade.com. URL consultato il 19 dicembre 2010.
  7. ^ Theatreworks / Hans-Joachim Roedelius (1994) - review | Flickr - Photo Sharing!
  8. ^ The Third Uncut Playlist Of 2009 - Uncut.co.uk

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 24797626 LCCN: nr93004056