Hans-Gunnar Liljenwall

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hans-Gunnar Liljenwall
Dati biografici
Nazionalità Svezia Svezia
Altezza 188 cm
Peso 74 kg
Pentathlon moderno Modern pentathlon pictogram.svg
Palmarès
Mondiali 0 1 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 12 gennaio 2010

Hans-Gunnar Liljenwall (Jönköping, 9 luglio 1941) è un ex pentatleta svedese.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1968 ottenne la medaglia di bronzo nella prova a squadre di pentathlon moderno ai Giochi olimpici di Città del Messico. La rappresentativa svedese venne però squalificata dopo che, al termine della gara individuale di tiro, proprio a Liljenwall era stato riscontrato un tasso alcolemico di 0,81 g/l, ben al di sopra del consentito. Liljenwall si difese sostenendo di aver bevuto "solo due birre", ma la commissione medica del CIO fu irremovibile e declassò la Svezia.[1]

Si noti che i controlli antidoping venivano usualmente condotti via test delle urine: il prelievo di sangue era stato introdotto solo per il tiro a segno nelle discipline di pentathlon (su richiesta delle Federazione internazionale, che già lo prevedeva nel proprio regolamento, vennero testati tutti i pentathleti) e biathlon, e per la scherma, tre sport in cui gli atleti spesso assumevano forti dosi di bevande alcoliche prima delle gare al fine di "distendere i nervi".[1]

Quello di Liljenwall viene ricordato anche come il primo caso di atleta positivo all'antidoping ai Giochi olimpici.[1]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

In carriera ha conseguito i seguenti risultati:

Jönköping 1967: argento nel pentathlon moderno a squadre.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (FR) Jean-Pierre de Mondenard, Dictionnaire de Dopage, Parigi, Masson, 2004, p. 32, ISBN 978-2-294-00714-9.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]