Hannibal (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hannibal
Titolo originale Hannibal
Autore Thomas Harris
1ª ed. originale 1999
Genere romanzo
Sottogenere Thriller, Giallo
Lingua originale inglese
Preceduto da Il silenzio degli innocenti
Seguito da Hannibal Lecter - Le origini del male

Hannibal è il terzo romanzo di Thomas Harris dedicato alla saga di Hannibal Lecter. Da un punto di vista strettamente cronologico, coincide con l'ultima apparizione del personaggio. Infatti nel postumo Hannibal Lecter - Le origini del male l'autore racconta l'infanzia e l'adolescenza del protagonista.

Trama[modifica | modifica sorgente]

L'agente Clarice Starling (già coprotagonista de Il silenzio degli innocenti) è impegnata in un blitz dell’FBI per arrestare una pericolosa spacciatrice di droga: il blitz finisce in una carneficina e l'agente Starling finisce in prima pagina marchiata come “l'agente dal grilletto facile”. Intanto a Firenze, alla biblioteca Capponi, il dottor Fell, sotto le cui mentite spoglie si cela il super latitante Hannibal Lecter, fuggito da Memphis anni prima, ottiene l’incarico di curatore della stessa.

All’agente Starling viene proposto di riprendere in mano il caso Lecter, proposta manovrata dietro le quinte dal miliardario Mason Verger, la quarta vittima di Hannibal, erede di una "dinastia" di magnati della carne conservata, Verger era un pedofilo e uno stupratore che rimase miracolosamente vivo anche se sfigurato orribilmente in seguito ad un incontro con Hannibal, suo ex psichiatra, che dopo averlo drogato lo spinse ad auto-mutilarsi con una scheggia di vetro proveniente da uno specchio infranto da Verger sotto gli effetti di una fiala di Nitrato Amile ("Popper"). Verger sogna di vendicarsi del suo carnefice e per questo ha messo una taglia di 3 milioni di dollari a favore di chiunque gli fornisca indizi utili. Per raggiungere il suo scopo corrompe un funzionario del Dipartimento di Giustizia, Paul Krendler. L’agente Starling inconsapevolmente farà da esca.

Da Firenze Hannibal segue con affetto le vicende di Clarice, a cui è rimasto legato, e si fa vivo con lei attraverso una lettera. Nella splendida quiete di Firenze il Commissario Pazzi, già salito agli onori della cronaca per aver investigato nell'indagine sul Mostro di Firenze, scopre la vera identità dell’integerrimo Dottor Fell e si mette in contatto con Verger per riscuotere la taglia, senza comunicarlo alle autorità. Ma l'improvviso interesse di Pazzi fa insospettire Fell che non tarda a scoprire la verità: attirato il Commissario alla biblioteca, dopo averlo fatto confessare, lo uccide facendogli fare la stessa fine di un lontano avo dello stesso, impiccato e lasciato penzolare da una finestra di Palazzo Vecchio. Clarice scopre che Hannibal si trova a Firenze, ma quest'ultimo ormai ha deciso di rientrare in patria per regolare i conti.

Hannibal Lecter riesce, pur rimanendo nell'ombra, a vedere Clarice a sua insaputa. Quando si reca nel parcheggio del centro commerciale in cui ella si trova per portarle un regalo di compleanno, però, viene catturato dagli uomini di Verger, che lo portano nella tenuta del loro padrone. Solo un tempestivo intervento di Clarice riesce a salvargli la vita, uccidendo i sicari compreso Verger, pur rimanendo ferita. In conclusione, viene curata da Lecter che intanto banchetta con il cervello di Paul Krendler. Anche se inizialmente stordita dalle droghe, Starling alla fine accetta il corteggiamento di Lecter e decide di cambiare vita e di girare il mondo con il protagonista.

Trasposizione cinematografica[modifica | modifica sorgente]

Nel 2001 è stato realizzato un film diretto da Ridley Scott che riprende la trama del romanzo, modificandone però alcuni punti salienti.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]