Hannah Van Buren

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hannah Van Buren
Hannah van buren 2.jpg

First lady degli Stati Uniti
Durata mandato 4 marzo 1837 - 4 marzo 1841
Predecessore Rachel Jackson
Successore Angelica Van Buren

Hannah Van Buren (Kinderhook, 8 marzo 1783Albany, 5 febbraio 1819) fu la moglie di Martin Van Buren, l'ottavo presidente degli Stati Uniti.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia di Johannes Dircksen Hoes (1753-1789) e Maria Quakenbush (1754-1852), di origini olandesi[1], Hannah Van Buren sposò Martin Van Buren, suo cugino di primo grado ed amico di infanzia, il 21 febbraio 1807 presso Catskill.[1] Chiamata "Jannetje", vezzeggiativo olandese, dal marito Martin, Hannah Van Buren non perse mai il suo distintivo accento olandese.

La coppia ebbe quattro figli: Abraham Van Buren (1807-1873), John Van Buren (1810-1866), Martin "Matt" Van Buren, Jr. (1812-1855) e Smith Thompson Van Buren (1817-1876).[1] Dopo dieci anni di matrimonio la signora Van Buren contrasse la tubercolosi e morì il 5 febbraio 1819 all'età di trentacinque anni, prima che il marito diventasse presidente.[1] Martin Van Buren fu uno dei pochi presidenti degli Stati Uniti a non essere sposato nel periodo in cui fu in carica. First lady non ufficiale durante l'amministrazione Van Buren fu Angelica Singleton Van Buren, nuora del presidente.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Hannah Van Buren Biography

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie