Hanna Batatu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Hanna (John)[1] Batatu (in arabo: حنّا بطاطو, Ḥannā Baṭāṭū); Gerusalemme, 1926Winsted, 24 giugno 2000) è stato uno storico palestinese naturalizzato statunitense, di orientamento storiografico marxista,[2][3] specialista di storia dell'Iraq e del moderno Mashriq.

Il suo lavoro sull'Iraq è diffusamente considerato uno dei migliori contributi alla conoscenze e alla comprensione della storia dell'Iraq contemporaneo.[4]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Gerusalemme nel 1926, Hanna Batatu emigrò negli Stati Uniti nel 1948, l'anno della Nakba (Catastrofe), vale a dire l'anno della sconfitta arabo-palestinese con gli ebrei locali e recentemente emigrati dall'Occidente che avevano autonomamente proclamato la nascita dello Stato d'Israele al termine del Mandato britannico della Palestina nel 1948 (la cosiddetta guerra arabo-israeliana del 1948). Dal 1951 al 1953 studiò nella cattolica[5] Georgetown University (Edmund A. Walsh School of Foreign Service) e successivamente conseguì un dottorato in Scienze Politiche nella Harvard University nel 1960, con una dissertazione intitolata The Shaykh and the Peasant in Iraq, 1917-1958. Dal 1962 al 1982 insegnò nella Università Americana di Beirut e, dal 1982 al suo pensionamento nel 1994, nella Georgetown University di Washington D.C..

Batatu cominciò a studiare storia irachena dagli anni cinquanta, interessandosi particolarmente ai movimenti rivoluzionari che allora erano marcatamente presenti in quel Paese, e specialmente al Partito comunista iracheno. Dalla fine degli anni Cinquanta fu diverse volte in Iraq e si dice che fosse ai buoni rapporti con l'allora Presidente della Repubblica irachena, il generale Abd al-Karim Qasim, che poté agevolmente intervistare i prigionieri comunisti e consultare la documentazione riservata riguardante l'età precedente alla rivoluzione repubblicana del 1958.
Gli sarebbe stato consentito l'accesso agli archivi dei servizi segreti che riguardavano diversi periodi della storia irachena post-ottomana, fino a dopo gli anni settanta: cosa che sfruttò per il suo magistrale studio, pubblicato a Princeton nel 1978, intitolato The Old Social Classes and New Revolutionary Movements of Iraq.

Batatu ha anche dato alle stampe un ottimo lavoro sulla Siria: Syria's Peasantry, the Descendants of Its Lesser Rural Notables, and Their Politics (pubblicato nel 1999).

Batatu morì a Winsted, CT, nel 2000.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Hanna Batatu 1926-2000". CafeArabica. July 2006. Consultato il 9 marzo 2009. http://www.cafearabica.com/people/people17/peobatatu.html. "John" è la versione anglosassone dell'arabo Ḥannā.
  2. ^ Ali A. Allawi, The Occupation of Iraq: Winning the War, Losing the Peace, New Haven, CT, Yale University Press, 2007. ISBN 0300110154, ISBN 9780300110159. 463 p.
  3. ^ Richard Becker, "The Revolt of 1920 and Iraqi Resistance Today", Workers World. 22 aprile 2004, Workers World Party, consultato il 9 marzo 2009 Workers World April 22, 2004: The revolt of 1920 and Iraqi resistance today
  4. ^ Bart Barnes, "Scholar Hanna Batatu, 74, Dies; Authority on Modern Iraq, Syria" The Washington Post. 28 giugno 2000.
  5. ^ Batatu era di fede cristiana, come mostrato dal suo nome Hannā (Giovanni), che si distingue dal musulmano Yaḥyā. Tanto il Cristianesimo quanto l'islam considerano Giovanni Battista un profeta ed è per questo che, con diverse grafie, il nome è presente nell'onomastica araba.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • The Old Social Classes and the Revolutionary Movements of Iraq: A Study of Iraq's Old Landed and Commercial Classes and of its Communists, Ba'thists, and Free Officers, Princeton, P.U. Press, 1978 (edito nuovamente a Londra dalla al-Saqi Books nel 2000). ISBN 0-86356-520-4
  • Syria's Peasantry, the Descendants of Its Lesser Rural Notables, and Their Politics, Princeton University Press, 1999. ISBN 0-691-00254-1

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 97654905