Hamid Barole Abdu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Hamid Barole Abdu (Asmara, 10 ottobre 1953) è un poeta e scrittore eritreo.

Dopo aver studiato letteratura in Eritrea, emigra in Italia nel 1974 e si stabilisce a Modena, dove lavora come operatore psichiatrico ed esperto interculturale. Ha realizzato diversi progetti di ricerca e studi sul fenomeno immigratorio, pubblicando numerosi articoli sull'argomento.

Il suo primo libro di poesie Akhria - io sradicato poeta per fame, pubblicato nel 1996, ha ottenuto molti consensi dalla critica. I testi in esso contenuti sono stati utilizzati per la realizzazione di due spettacoli teatrali.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Hamid Barole Abdu. Eritrea: una cultura da salvare. Ufficio Stampa del Comune di Reggio Emilia, 1986.
  • Hamid Barole Abdu. Akhria - io sradicato poeta per fame. Reggio Emilia, Libreria del Teatro, 1996.
  • Hamid Barole Abdu. Sogni ed incubi di un clandestino. Udine, AIET, 2001. ISBN 9788888090726.
  • Hamid Barole Abdu. Seppellite la mia pelle in Africa. Modena, Artestampa, 2006. ISBN 88-89123-24-9
  • Hamid Barole Abdu. Il volo di Mohammed - poesie scelte. Lucca, LibertàEdizioni, 2010.
  • Hamid Barole Abdu. Rinnoversi in segni ... erranti. Faenza (RA). Grafic Line, 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]