Halobates

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Halobates
Halobates sp. (Heteroptera Gerridae), 20 August 2011, Castle Beach, Kailua (Oahu)02, Hawaii.jpg
Halobates sp.
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Phylum Arthropoda
Subphylum Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Exopterygota
Subcoorte Neoptera
Superordine Paraneoptera
Sezione Rhynchotoidea
Ordine Rhynchota
Sottordine Heteroptera
Infraordine Gerromorpha
Superfamiglia Gerroidea
Famiglia Gerridae
Sottofamiglia Halobatinae
Bianchi, 1896
Genere Halobates
Eschscholtz, 1822
Nomi comuni

Insetti pattinatori marini
Sciatori d'acqua marina

Specie

vedi testo

Halobates Eschscholtz, 1822 è un genere di insetti della famiglia Gerridae, noti come insetti pattinatori marini.[1][2]
È l'unico genere di insetti presente, con 5 specie, in mare aperto: queste specie conducono l'intera esistenza nelle acque degli oceani a distanza di centinaia di miglia dalla terra ferma; un'altra quarantina di specie è stata descritta in acque costiere riparate. Tutte le specie vivono esclusivamente sull'interfaccia aria-mare, come parte della comunità del neuston.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Halobates sp.

Sono insetti di piccole dimensioni, di colore grigio-argenteo, lunghi appena 3,5-6 mm.
Come gli altri membri della famiglia Gerridae, possiedono antenne a 4 articoli, e occhi composti globulari.
L'addome è corto e compresso in rapporto al torace.
A differenza di altri gerridi, sono privi di ali in tutte le fasi del loro ciclo vitale.
Le zampe anteriori sono piuttosto tozze ed utilizzate principalmente per afferrare le prede; le gambe centrali sono le più lunghe, sino a 1,5 cm o più, e portano una frangia di lunghi peli sulla tibia e sul primo tarso; esse garantiscono la maggiore forza propulsiva nella locomozione, mentre la zampe posteriori, anch'esse molto lunghe, hanno prevalentemente funzione direzionale.[1]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

La maggior parte delle specie note si trova nella fascia tropicale dell'oceano Pacifico, dell'oceano Atlantico e dell'oceano Indiano, in aree costiere associate con mangrovie o altre piante marine[3]; sono note anche specie (H. acherontis) che vivono in acque fluviali, lontano dagli estuari[4]; molte sono endemismi ristretti ad una sola isola o a un gruppo di isole. Le 5 specie pelagiche (H. micans, H. germanus, H. sericeus, H. splendens e H. sobrinus) sono tutte esclusive dell'oceano Pacifico, con l'eccezione di H. micans, che è presente sia nell'oceano Indiano che nell'Atlantico.[1] Sebbene esistano specie di Halobates sia nell'Atlantico che nel mar Rosso, il genere non è attualmente presente nel mar Mediterraneo. Una specie fossile, Halobates ruffoi, ritrovata nel deposito di Pesciara di Bolca, in provincia di Verona, testimonia che in passato il genere fosse presente anche in quest'area.[5][6]

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Sono voraci predatori; le prede principali delle specie costiere sono rappresentate da insetti terrestri caduti in acqua, mentre le specie oceaniche si nutrono prevalentemente di plancton.[7][8]

Le specie costiere depongono le loro uova su rocce immerse vicino alla costa, mentre le specie oceaniche utilizzano qualsiasi oggetto galleggiante come piume di uccelli, pezzi di legno, ed anche grumi di catrame e pezzi di plastica. Una recente ricerca ha dimostrato che essi hanno imparato a sfruttare l'enorme massa di rifiuti plastici presente nel Pacific Trash Vortex come nuove superfici per depositare le uova, col risultato di una maggiore concentrazione di uova nelle acque del vortice subtropicale del Nord Pacifico, una corrente oceanica a forma di vortice circolare localizzato tra l'equatore e il 50° di latitudine Nord.[9]

Tra i principali predatori di questi insetti vi sono alcune specie di uccelli della famiglia Hydrobatidae[10] e la tartaruga Caretta caretta[11].

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Il genere fu descritto per la prima volta da Johann Friedrich von Eschscholtz, un medico estone che prese parte, tra il 1815 e il 1818, a una spedizione russa a bordo dell'incrociatore Rurik, raccogliendo tre specie (H. micans, H. sericeus e H. flaviventris) su cui si basò la descrizione formale del genere nel 1822.[7][12]
Nel 1883 Francis Buchanan White pubblicò una ampia monografia sul genere elencando 11 specie, tra cui 6 nuove specie raccolte durante la spedizione oceanografica dell'H.M.S. Challenger (1873–1876).[13]

Il numero delle specie note crebbe negli anni successivi, e attualmente (2013) il genere comprende le seguenti specie viventi:[14]

Tavola entomologica tratta da
H.M.S. Challenger Expedition Report - Pelagic Hemiptera, autore F. Buchanan White

Una specie fossile, H. ruffoi, risalente all'Eocene (circa 45 milioni di anni fa) è stata rinvenuta nel deposito fossile di Pesciara di Bolca, in provincia di Verona.[5]

Tra i generi filogeneticamente più prossimi ad Halobates vi sono Austrobates e Asclepios.[7]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Cheng L, Insecta Hemiptera: Heteroptera, Gerridae, Genus Halobates in Fich. Ident. Zooplancton 1975; 147.
  2. ^ Tremblay 1981, op. cit., p. 60
  3. ^ (EN) Cheng L (2013), Halobates in WoRMS 2014 (World Register of Marine Species).
  4. ^ Polhemus JT, Marine Hemiptera Of The Northern Territory, Including The First Fresh-Water Species Of Halobates Eschscholtz (Gerridae, Veliidae, Hermatobatidae And Corixidae) in Australian Journal of Entomology, vol. 21, nº 1, 1982, pp. 5–11.
  5. ^ a b Andersen NM, Farma A, Minelli A, Piccoli G, A fossil Halobates from the Mediterranean and the origin of sea skaters (Hemiptera, Gerridae) in Zoological Journal of the Linnean Society 1994; 112(4): 479–489.
  6. ^ Cheng L, Damgaard J, Garrouste R, The sea-skater Halobates (Heteroptera: Gerridae) – probable cause for extinction in the Mediterranean and potential for re-colonisation following climate change in Aquatic Insects 2012; 34(Suppl.1): 45-55.
  7. ^ a b c Andersen NM & L Cheng, The marine insect Halobates (Heteroptera: Gerridae): Biology, adaptations, distribution, and phylogeny in Oceanography and Marine Biology: An Annual Review 2004; 42: 119–180.
  8. ^ Cheng L, Notes on the Ecology of the Oceanic Insect Halobates in Marine Fisheries Review 1974; 36(2): 1-7.
  9. ^ Glodstein MC, Rosenberg M and Cheng L, Increased oceanic microplastic enhances oviposition in an endemic pelagic insect in Biology Letters, published online 9 May 2012.
  10. ^ Cheng L, Spear LB & Ainley DG, Importance of marine insects (Heteroptera: Gerridae, Halobates spp.) as prey of eastern tropical Pacific seabirds in Marine Ornithology 2010; 38: 91–95.
  11. ^ Frick MG et al., Foraging ecology of oceanic-stage loggerhead turtles Caretta caretta in Endang Species Res 2009; 9: 91–97.
  12. ^ Herring, Jon L, The genus Halobates (Hemiptera: Gerridae) in Pacific Insects 1961; 3(2-3): 223–305.
  13. ^ White FB, Report on the pelagic Hemiptera procured during the Voyage of H.M.S. Challenger in the years 1873–1876 in Report on the Scientific Results of the Voyage of the H.M.S. Challenger During the Years 1873–1876. Vol. 7, 1883, pp. 1-82.
  14. ^ (EN) Cheng L., Halobates in WoRMS 2014 (World Register of Marine Species).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi