Halo 3

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Halo 3
Halo 3 Logo.png
Sviluppo Bungie Studios
Pubblicazione Microsoft Game Studios
Serie Halo
Data di pubblicazione 26 settembre 2007
Genere Sparatutto in prima persona
Tema Fantascienza
Piattaforma Xbox 360
Motore grafico Halo 3 Engine
Preceduto da Halo 2
Seguito da Halo 3: ODST

Halo 3 è un videogioco del genere sparatutto in prima persona sviluppato dai Bungie Studios e distribuito dalla Microsoft Game Studios in esclusiva per la console Xbox 360. Il gioco è uscito il 26 settembre 2007[1] ed è il terzo capitolo della saga di Halo, l'ultimo della serie principale ad essere sviluppato da Bungie Studios.

Campagna pubblicitaria e successo commerciale[modifica | modifica sorgente]

Negozio con centinaia di copie del gioco prima della vendita.

Halo 3 è stato soggetto a una forte campagna pubblicitaria negli Stati Uniti di America, nel primo giorno di commercializzazione il videogioco ha incassato 170 milioni di dollari superando il precedente record detenuto da Halo 2 che aveva incassato 125 milioni di dollari la prima giornata di vendita.[2]

La "Legendary Edition" del gioco.

Su Internet c'è stata una vera e propria campagna pubblicitaria virale per promuovere il gioco, simile a quella usata per Halo 2 (I love bees). In principio, i forum dei siti Bungie.net e Halo Bungie.org sono stati contattati da un utente chiamato Adjutant Reflex: costui parlava in maniera piuttosto misteriosa e affermava di essere un'intelligenza artificiale dei precursori in grave pericolo. Adjutant fu in seguito rimpiazzato da un'altra "entità" che affermava di averlo terminato, ma non prima di aver inviato agli utenti del forum Bungie una strana e-mail contenente un poema con vari riferimenti all'universo di Halo. Successivamente fu aperto un nuovo sito contenente un fumetto chiamato "The Cradle of Life", che mostra come 100.000 anni fa le popolazioni africane furono testimoni delle misteriose opere di costruzione dei Precursori sulla Terra. Il fumetto contiene alcuni numeri nascosti, che portano a un sito che segna le coordinate di una zona sudafricana. Inoltre, un sito detto "Society of Anticients" è emerso dichiarando che gli alieni giunsero sulla terra millenni fa: come prova adducono la foto di un rudere con sopra un simbolo identico a quello già visto in "The Cradle of Life".

Infine, il sito halo3.com è stato aggiornato dando la possibilità di accedere a 5 "server" dei Precursori: essi contengono confuse immagini di Halo, della Terra e dell'Africa, nonché disperati ed enigmatici messaggi che sembrano dimostrare il terrore provato dai Precursori nei confronti dei Flood.

Nella prima settimana di commercializzazione ha incassato complessivamente 300 milioni di dollari.[3] Nel gennaio 2008 Microsoft ha annunciato che il videogioco ha venduto più di otto milioni di copie.[4] A marzo 2009 negli Stati Uniti erano state vendute 3 milioni di copie del gioco.

Motore grafico[modifica | modifica sorgente]

Halo 3 utilizza un motore grafico sviluppato internamente e chiamato genericamente "Halo 3 Engine".[5] Il motore deriva dal precedente motore grafico utilizzato in Halo 2 (che a sua volta deriva da quello utilizzato nel primo Halo) opportunamente adattato e potenziato per utilizzare le funzionalità della console.

Secondo il sito web della società il motore gestisce tecnologie d'illuminazione HDRI, che permettono una gamma più ampia di effetti di luce, effetti di profondità di campo[6], ombre e riflessi in tempo reale. Halo 3 utilizza anche tecnologie come il normal e bump mapping in modo da incrementare i dettagli degli oggetti senza accrescere in modo eccessivo il numero dei poligoni da elaborare.

Gli effetti legati all'acqua includono riflessi e rifrazioni al fine di incrementarne la qualità visiva. Il motore grafico è in grado di simulare cascate, spruzzi quando gli oggetti sono colpiti da flussi d'acqua e quando oggetti o personaggi percorrono ambienti con flussi d'acqua.

Dopo la presentazione del videogioco si iniziò a speculare sul fatto che il gioco non avesse una risoluzione nativa puramente HDTV 1280x720 pixel.[7] In seguito Bungie Studios confermò il fatto specificando che la risoluzione nativa fosse stata scalata a 1152x640 pixel, soggetta poi ad upscaling automatico dall'hardware della console. La scelta di questa particolare risoluzione video è dovuta alla decisione di utilizzare i suddetti effetti di illuminazione HDRI, che richiedono l'uso di due frame buffer per la generazione delle immagini al posto del singolo frame buffer.[8]

A causa anche della risoluzione in sub-HD, sono state portate avanti alcune critiche contro la totale assenza di antialiasing.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il gioco comincia pochi giorni dopo la fine degli eventi raccontati nel precedente capitolo della saga, Halo 2, e dopo quelli del fumetto Halo: Uprising: l'Arbiter, Johnson e Miranda sono tornati sulla Terra, e fra gli Elite e l'UNSC è nata un'alleanza volta a fermare i Covenant, che stanno attaccando il nostro pianeta per portare alla luce un antico artefatto dei Precursori, mentre Master Chief, non riuscendo a prendere il controllo della nave Dreadnought su cui si trovava il Profeta della Verità, ritorna sul nostro pianeta lanciandosi dalla nave stessa. Il gioco è diviso in 10 capitoli.

Arrivo (solo filmati)[modifica | modifica sorgente]

All'inizio del filmato introduttivo, sullo sfondo di una foresta africana durante la notte, Cortana pronuncia alcune frasi dette tempo prima dalla sua creatrice, la dottoressa Halsey, a John-117: infatti questo viene definito come "lo Spartan che preferivo" dall'IA, che possiede lo stesso acuto intelletto della Halsey, e viene citata la sua dote fondamentale che lo ha sempre accompagnato sin dalle sue prime battaglie: la fortuna. Nel cielo si possono distinguere anche due scie infuocate, che emettono una debole luce, ma ad un tratto una delle due si fa sempre più luminosa finché non si schianta tra la vegetazione: è il Master Chief. La scena cambia: c'è il sole, e un gruppo di Marines capitanati dal sergente Johnson ritrova lo Spartan a terra, immobile e privo di sensi. Constatando ciò, i soldati credono che non ce l'abbia fatta, e dunque Johnson ordina loro di occuparsi del cadavere dopo aver tolto la scheda di alloggiamento dati dal casco dello Spartan. Improvvisamente, però, John si risveglia e si rialza, aiutato dal sergente. Tuttavia nota quella che sembra la presenza ostile di un Elite invisibile, e cerca di neutralizzarlo assalendolo con una pistola: Johnson però lo ferma in tempo, annunciandogli che l'Arbiter era ormai dalla loro parte. I due guerrieri quindi avrebbero dovuto collaborare per sconfiggere più efficacemente le forze Covenant. Quando Johnson chiede di Cortana, però, Chief comunica al sergente di averla lasciata indietro, cioè nei sistemi di Alta Opera.

Sierra 117[modifica | modifica sorgente]

Master Chief, l'Arbiter e i Marines attraversano la giungla per raggiungere il punto d'estrazione. Ad un certo punto Johnson decide di dividere la sua squadra in due gruppi: uno lo avrebbe seguito, l'altro avrebbe aiutato lo Spartan e l'Elite. Tuttavia, arrivati nei pressi del punto di raccolta, i due Pelican che avrebbero dovuto imbarcare i Marines vengono distrutti da un attacco di Banshee, e Johnson e la sua squadra catturati dai Brute. Sta dunque a Chief e all'Arbiter il compito di liberare i soldati, tenuti prigionieri in una centrale idroelettrica situata su un fiume che scorre nella giungla. Dopo aver battuto le forze Covenant lì presenti (tra cui cecchini Jackal, Grunt suicidi e capitani Brute), i soldati vengono recuperati da un Pelican che li trasporterà in una vecchia base del XXI secolo denominata "Il nido del corvo". In questa missione Chief incomincerà a ricevere strani messaggi di Cortana sul visore del casco, messaggi molto spesso riconducibili a frasi della dottoressa Halsey e che testimoniano lo stato di pazzia in cui versa l'IA entrata in contatto con la Mente Suprema.

Il Nido del Corvo[modifica | modifica sorgente]

Il gruppo giunge a una base UNSC sotto il controllo di Miranda Keyes (la figlia del valoroso capitano Jacob Keyes della Pillar of Autumn poi in seguito ucciso dai flood su Halo). Miranda spiega che sono riusciti a fermare l'attivazione dell'anello che Tartarus aveva cercato di attivare, ma così facendo tutti gli anelli erano andati in fase di standby e che i Covenant hanno concentrato l'attacco in Africa, scavando dove un tempo sorgevano le rovine di New Mombasa per riportare alla luce una gigantesca struttura dei Precursori, forse addirittura l'Arca (struttura in grado di attivare tutti gli Halo nella galassia contemporaneamente). Proprio mentre discutono con Lord Hood un modo per attaccare la nave del Profeta Verità atterrata nel deserto, il Profeta stesso s'infiltra nella comunicazione mentre la base viene improvvisamente attaccata dai Covenant. Miranda ordina a Master Chief e all'Arbiter di portare in salvo i Marines della base. Nonostante gli sforzi, è impossibile respingere gli aggressori e a Master Chief viene ordinato di attivare una potente bomba al centro di comando della base e fuggire attraverso i sotterranei della struttura.

L'Autostrada di Tsavo[modifica | modifica sorgente]

Master Chief e i Marines si salvano dall'esplosione della base e scappano con dei Warthog, assieme ad altri Marines, in una savana pullulante di Covenant e avanzano seguendo il tracciato dell'ormai devastata autostrada di Tsavo. Gli invasori hanno smesso di scavare e nel cratere da loro aperto si è posata la nave di Verità sopra cui si sta formando una violenta tempesta. Johnson e Miranda ordinano a Master Chief di raggiungere la città industriale di Voi, situata proprio sull'orlo del cratere, e di distruggere le difese antiaeree Covenant piazzate là, per permettere un contrattacco delle forze UNSC.

La Tempesta[modifica | modifica sorgente]

La tempesta che sovrasta la struttura circolare dei Precursori riportata alla luce dai Covenant s'intensifica sempre di più diventando una specie di uragano. Voi è in mano alle forze nemiche; dopo aver distrutto diversi carri Wraith antiaerei e un gigantesco Scarab, Master Chief si riunisce all'Arbiter e insieme distruggono il cannone antiaereo che minacciava le navi UNSC. A quel punto le navi fanno fuoco sul vascello di Verità, ma proprio in quel momento la struttura sottostante si attiva, liberando un'immensa onda d'urto e aprendo nel cielo un gigantesco portale luminoso a forma di sfera, in cui s'infila la flotta Covenant e la nave dei precursori con all'interno Verità. Master Chief e Arbiter capiscono che la struttura non era l'Arca bensì un portale spaziale. L'UNSC però si trova improvvisamente per le mani un altro problema: attraverso un varco iperspaziale compare improvvisamente un misterioso incrociatore Covenant pesantemente danneggiato, che si schianta nel cuore di Voi.

Bloccare l'Invasione[modifica | modifica sorgente]

La nave, proveniente da Alta Opera, è scappata dalla quarantena eretta dagli Elite ed è la testa di ponte di una massiccia invasione Flood; i parassiti cominciano a sciamare nella città, infettando chiunque gli capiti e assumendo forme sempre nuove e sempre più mostruose. Rilevata la presenza di Cortana nel nucleo della nave, Master Chief e l'Arbiter si fanno strada fino ad essa cercando di combattere il parassita per quanto possibile; la flotta Elite, comandata da Rtas ‘Vadum, raggiunge la città e invia alcuni guerrieri Elite in supporto ai due eroi. Master Chief estrae Cortana dal computer della nave con l'aiuto di 343 Guilty Spark che, ormai senza la sua installazione da proteggere, ha deciso di aiutare l'Attivatore (cioè Master Chief) e si è unito alla flotta Elite e all'UNSC. Il gruppo viene recuperato e portato a bordo della nave di Rtas, mentre la flotta Elite brucia Voi e le zone circostanti annientando la diffusione dei Flood. Quando Spark decodifica ciò che Master Chief ha estratto dalla nave, si scopre che non è Cortana, ma un messaggio incompleto da lei indirizzato allo Spartan: secondo l'IA, solo attraversando il portale aperto dai Covenant Master Chief troverà il modo di annientare i Flood senza attivare gli altri Halo. Lord Hood teme che Cortana sia stata soggiogata dalla Mente Suprema, l'intelligenza collettiva Flood che Master Chief e l'Arbiter avevano incontrato su Delta Halo, ma lo Spartan decide di fidarsi, con l'appoggio degli Elite. Mentre a capo della resistenza terrestre rimane Lord Hood, una piccola flotta mista UNSC/Elite guidata da Rtas ‘Vadumee e Miranda Keyes attraversa il portale, e con loro vanno Master Chief, l'Arbiter e 343 Guilty Spark.

L'Arca[modifica | modifica sorgente]

La flotta viene trasportata dal portale nei pressi di un gigantesco mondo artificiale di struttura radiale, su cui sono già atterrati i Covenant; la flotta di Verità intercetta quella umana e inizia una violenta battaglia. Nonostante la flotta Brute sia 3 volte più numerosa, Master Chief, l’Arbiter e i marines riescono ad atterrare con un Pellican in una zona deserta e iniziano a combattere gli avamposti Covenant. Dopo aver superato un muro ed aver combattuto contro un altro Scarab, il gruppo, grazie a Spark, raggiunge una sala cartografica del mondo artificiale, simile nel funzionamento al Silent Cartographer del primo Halo. Là il guardiano accede alle informazioni e spiega che quella su cui si trovano è l’installazione 00, cioè l’Arca (situata fuori dalla Via Lattea in modo da essere al di fuori del raggio d’azione degli Halo), e che il Profeta della Verità si è insediato vicino al suo nucleo per attivarla. Le informazioni di Spark sono incomplete (i Precursori non volevano che sapesse troppo, altrimenti se fosse caduto in mano ai Flood i parassiti avrebbero avuto accesso a una preoccupante quantità d’informazioni) perciò non riesce a spiegare come mai le Sentinelle dell’Arca (non ostili verso i "recuperatori" cioè gli umani) sembrano impegnate quasi totalmente in qualche funzione sconosciuta. Ad ogni modo, Miranda ordina di attaccare il Profeta della Verità per evitare che attivi gli Halo.

I Covenant[modifica | modifica sorgente]

Verità si è insediato in una cittadella dei Precursori (la sala controllo dell'Arca) e ha attivato intorno ad essa una barriera energetica impenetrabile. Per abbassarne una piccola sezione bisogna accedere a 3 torri-generatori e disattivarle. La squadra di Master Chief supera la resistenza Covenant sulla spiaggia, penetra nei canyon boscosi dell'entroterra formicolanti di nemici e disattiva la prima torre. L'Arbiter e la sua squadra di Elite fanno lo stesso con la seconda, ma Johnson, che doveva disattivare la terza, viene catturato dai Brute. L'Arbiter e Master Chief si riuniscono e completano la missione di Johnson, disattivando parte della barriera. Proprio mentre la nave di Rtas si appresta a bombardare la zona arriva Alta Opera (giunta sulla Terra e poi passata attraverso il portale), ormai in mano ai Flood, che si schianta nelle vicinanze danneggiando gravemente la nave Elite e spargendo parassiti in tutta la zona. Master Chief e l'Arbiter si fanno strada fino alla cittadella, che sorge in una gola innevata, affrontando una pesantissima resistenza Covenant e combattendo addirittura contro due Scarab ma riuscendo infine a entrare. Verità, intanto, si appresta a costringere Johnson (che disprezza, ma di cui ha bisogno in quanto solo gli umani possono attivare gli Halo) a dare inizio alla sequenza di fuoco degli anelli. Miranda irrompe con un Pellican tentando di salvare il sergente, ma il Profeta la uccide e Johnson è costretto ad attivare l'Arca. Intanto Master Chief e l'Arbiter vengono avvicinati dalla Mente Suprema (sotto forma di un gruppo di Flood): apparentemente i parassiti si alleano con gli eroi e li aiutano a farsi strada fino a Verità, in modo che fermino l'attivazione dell'Arca. Il Profeta viene raggiunto e infettato, ma continua a parlare del Grande Viaggio e dell'infedeltà degli Elite; l'Arbiter lo uccide, ottenendo la sua vendetta, mentre Master Chief blocca la sequenza d'attivazione prima che sia troppo tardi. A quel punto, scongiurato il pericolo Halo, la Mente Suprema lancia i suoi Flood contro di loro, e i due eroi sono costretti a fuggire dalla cittadella. Master Chief riceve un'allucinazione di Cortana che lo porta in una sala nascosta. Una volta entrato preme un tasto in una pulsantiera al centro della stanza: dal terreno intorno all'Arca sorge un colossale muro circolare; quando però si alza nell'aria, i nostri scoprono che non si tratta di un muro, ma di un altro Halo, costruito all'interno dell'Arca per rimpiazzare l'Installazione 04 distrutta mesi prima da Master Chief. Lo Spartan (con grande gioia di 343 Guilty Spark) decide di attivarlo fintanto che si trova fuori dalla galassia, in modo da sterminare definitivamente i Flood. Per farlo, però, gli serve l'Indice dell'Installazione 04, che si trova nelle mani di Cortana da quando l'aveva rubato a Spark durante la missione sul primo Halo.

Cortana[modifica | modifica sorgente]

Master Chief s'infiltra nel relitto di Alta Opera ormai completamente infettata dal parassita: la Mente Suprema, cresciuta a dismisura, ha formato un tutt'uno con la città, che ora brulica di parassiti di qualsiasi forma. Mentre Master Chief si fa strada, Cortana tenta disperatamente di liberarsi dall'influenza della Mente Suprema che la sta consumando: mentre lo Spartan avanza verso l'interno della nave, ascolta il dialogo tra Cortana e la Mente Suprema. Alla fine Chief riesce a recuperarla e a danneggiare i nuclei centrali di Alta Opera, che comincia a destabilizzarsi. Nonostante la mente Suprema cerchi di fermarli, i due, con l'aiuto dell'Arbiter giunto in seguito, fuggono su un Pelican abbandonato dirigendosi verso Halo, mentre la città esplode.

Halo[modifica | modifica sorgente]

La flotta UNSC ed Elite riattraversa il portale verso la Terra per non essere coinvolta nell'esplosione; l'Arbiter e Master Chief (sempre accompagnato e aiutato da Cortana) atterrano in un canyon innevato vicino alla Sala Controllo del nuovo Halo dove Johnson li raggiunge dopo aver ormeggiato nelle vicinanze la fregata Aurora Nascente, pronta per la fuga. Nonostante il suo corpo centrale sia stato distrutto, la Mente Suprema è sopravvissuta all'interno di ciascuno delle centinaia di Flood ancora vivi, e sta tentando di ricostruirsi proprio sul nuovo Halo e di fermare gli eroi. I due però, riescono a giungere lo stesso alla Sala Controllo. Là 343 Guilty Spark li informa che l'anello è ancora incompleto e attivarlo subito significherebbe distruggerlo insieme con l'Arca. Quando Johnson dice che non gli importa nulla, Spark lo ferisce mortalmente col suo laser per difendere la sua installazione a ogni costo, anche se gli umani discendono dai Precursori, i suoi antichi padroni. Master Chief deve combatterlo e distruggerlo, per poi finalmente attivare l'anello. Halo comincia a destabilizzarsi: l'Arbiter e Master Chief fuggono sul Warthog di Johnson, mentre le Sentinelle e i Flood combattono intorno a loro. Dopo una lunga corsa su una parte di anello ancora in costruzione che esplode durante il loro passaggio, raggiungono la nave e Master Chief inserisce Cortana nel sistema. L'Arbiter si dirige verso la cabina di pilotaggio, mentre l'IA dirige la fregata verso il portale, che però collassa a causa dell'immensa esplosione di Halo e dell'Arca proprio mentre gli eroi lo stanno attraversando, tagliando la nave in due: solo la metà con l'Arbiter giunge sulla Terra. Tempo dopo, l'Elite assiste a una cerimonia in onore dei caduti (compreso Master Chief), per poi tornare al suo pianeta natale con il resto del suo popolo. All'insaputa di tutti, però, Master Chief è sopravvissuto, bloccato nello spazio all'esterno della galassia, dove una volta sorgeva l'Arca. Mentre Cortana invia sulla Terra un radiofaro, Master Chief si iberna in una cella criogenica all'interno della parte posteriore dell'Aurora, consapevole che potrebbero passare anni prima che lo ritrovino. La sua missione però è compiuta: i Flood sono stati annientati, gli Halo dei precursori sono stati disattivati, la guerra Covenant è finalmente terminata.

Finendo il livello in modalità leggendario, si può vedere una scena in cui la parte di Aurora contenente Master Chief e Cortana si avvicina a un pianeta misterioso, dalle luci che si intravedono sembra abitato, secondo alcuni l'insieme di luci sembra il simbolo dei precursori, lasciando il finale aperto a possibili seguiti.

Personaggi e nemici[modifica | modifica sorgente]

Master Chief fa il suo ritorno nelle vesti di personaggio principale. Torna anche la sua fedele compagna, l'IA Cortana, prigioniera e quasi del tutto influenzata dalla Mente Suprema, la terrificante intelligenza Flood i cui piani sono quelli di conquista dell'universo. L'Arbiter non è più un personaggio giocabile (tranne nel multi-giocatore), ma combatte al fianco di Master Chief. Tornano anche il Sergente Johnson, 343 Guilty Spark e Miranda Keyes. I Brute, che in Halo 2 hanno preso il posto degli Elite nella gerarchia Covenant, hanno un'importanza maggiore in Halo 3: i loro capi militari hanno la stessa protezione di Tartarus e alcuni possono librarsi in aria con i Jetpack. I Grunt saranno alleati coi Brute, così come i Jackal, i Droni e i Cacciatori. Ci saranno anche gli Elite, che però saranno alleati degli umani. Sono presenti anche i Flood con nuove tipologie, quali i Flood-Brute ed i Mutaforma, cioè Flood in grado di trasformarsi per adattarsi a diverse situazioni di combattimento.

Armi[modifica | modifica sorgente]

Le armi presenti nel gioco sono:

Armi umane[modifica | modifica sorgente]

  • Pistola M6G
  • Mitragliatore M7/CASELESS
  • Fucile d'assalto MA5C ICWS (precedentemente presente solo in Halo 1 con alcune modifiche nella versione MA5B)
  • Fucile da battaglia BR55HB SR
  • Doppietta M90A CAWS
  • Fucile di precisione SRS 99G AM
  • Lanciarazzi M41 SSR MAV/AW
  • Laser spartan WAV M6 GGNR.
  • Bombe: Granate a frammentazione.

Armi Covenant[modifica | modifica sorgente]

  • Pistola al plasma
  • Fucile al plasma: Elite o Brute
  • Fucile a spuntoni (Brute)
  • Mazzuolatore o Mauler (Brute)
  • Pistola ad aghi
  • Cannone a combustibile
  • Carabina
  • Fucile particellare
  • Lama energetica
  • Martello gravitazionale
  • Bombe: Granata al plasma, granata a spuntoni (Brute), granate incendiarie (Brute)

Armi da piedistallo[modifica | modifica sorgente]

In Halo 3 è presente la particolarità delle armi inusuali, cioè armi che si possono staccare dal loro appoggio e portare via, e che hanno 200 munizioni, e sono:

  • Cannone al plasma automatico Type-52 (arma covenant)
  • Mitragliatrice AIE-486H HMG (umana).

Ci sono anche le armi di supporto, che staccandole dall'appoggio hanno però munizioni più limitate, come:

  • Lanciamissili LAU-65D/SGM-151
  • Lanciafiamme, raro da trovare, anzi, impossibile su un appoggio (armi umane).
  • Fucile delle Sentinelle (le guardie delle installazioni dei precursori) un'arma a lungo raggio, che si ottiene con la distruzione di una sentinella.

L'arma secondaria (non in uso) del giocatore è visibile appesa sulla schiena o sul fianco del giocatore stesso.

Equipaggiamenti[modifica | modifica sorgente]

Un'altra novità è la presenza degli equipaggiamenti:

  • Scudo a bolla: si crea una bolla particellare intorno al personaggio, che poi si esaurisce. La barriera può essere oltrepassata soltanto dalla fanteria e dai veicoli, è totalmente immune a proiettili e granate di qualsiasi tipo, ma dall'interno è facilmente vulnerabile (solo lanciando una semplice granata a frammentazione si distrugge).
  • Mina a innesco: mina antitutto, dalla gigantesca area d'effetto, con innesto a pressione.
  • Sollevatore gravitazionale: fa sollevare uomini, armi, veicoli e alcuni tipi di elementi dello scenario (casse, cisterne ecc.).
  • Copertura portatile: Crea uno scudo blu simile a quelli fissi di Halo 2 distruttibile con una carica energetica o con un'esplosione, soltanto se si colpisce la base composta da un dispositivo (disponibile soltanto nella campagna).
  • Mimetizzatore: Rende invisibili per un lasso di tempo. L'invisibilità non permane però se si viene colpiti o se si attacca.
  • Rigeneratore: Crea una bolla verde all'interno della quale gli scudi si ricaricano molto velocemente.
  • Disturbatore radar: Genera un campo disturbatore grazie al quale il radar di qualsiasi giocatore viene disturbato da una miriade di simboli simili a quelli di un normale avversario.
  • Invincibilità: Rilasciata da alcuni Eroi Brute nei livelli di difficoltà più elevata, rendono il giocatore invincibile per un breve lasso di tempo (disponibile solo nella Campagna).
  • Invisibilità: Rende il giocatore invisibile in qualunque momento voglia per un breve lasso di tempo (disponibile solo in partite personalizzate).
  • Razzo: Il razzo è usato come diversivo per la fuga o lancio di una granata decisiva all'esito di uno scontro. Emette un forte flash che dura circa 10 secondi.
  • Prosciugatore d'energia: Sfera che, appena lanciata, genera un campo blu attorno ad essa che toglie l'energia a chiunque passi troppo vicino (vale anche se è lo stesso giocatore a lanciarla). Blocca anche i veicoli impedendo loro di muoversi.
  • Sovrascudo:Equipaggiamento disponibile solo in multiplayer o fucina. Esso è simile all'invincibilità, però se si spara al giocatore i sovrascudi potrebbero cedere.

Veicoli[modifica | modifica sorgente]

Replica del Mongoose alla presentazione di Halo 3

Veicoli umani[modifica | modifica sorgente]

  • Warthog: con 3 varianti: con mitragliatrice a tre canne M41 LAAG, con cannone Gauss e con trasporto passeggeri (un posto guida e 4 passeggeri sul retro).
  • Scorpion: un carro armato che dispone di un cannone 90 mm alta velocità e una mitragliatrice 7,62 mm perforante tracciante.
  • Mongoose (un quad, una moto a 4 ruote) che può caricare un pilota e un passeggero fino a 500 kg.
  • Hornet (mezzo di combattimento aereo umano) equipaggiato con due lanciere per missili a ricerca anti-veicolo e mitragliatrice leggera Gatling che può trasportare fino a due passeggeri.
  • Pelican: la classica astronave da trasporto. Armata di mitragliatrice fissa sul portello posteriore, e lanciarazzi e mitragliatrici anteriori. Usabile solo con Mod
  • Elephant: presente nella mappa Multiplayer nella sabbia. è un veicolo molto lento, ma indistruttibile, dotato di 2 torrette, una fissa e una mobile.è presente anche in Halo Wars (unità speciale del Capitano Cutter) e in Halo 3: ODST.

Veicoli Covenant[modifica | modifica sorgente]

  • Ghost: mezzo d'assalto Covenant, è dotato di due mitragliatrici al plasma.
  • Banshee: aereo Covenant, più agile ma meno armato della controparte umana.
  • Wraith: carro armato dei Covenant. Nettamente inferiore alla controparte umana sia in agilità che in armamento, ha però la particolarità di sparare colpi d'artiglieria con traiettorie a mortaio, costituendo un reale pericolo quando ce lo si troverà contro nella Campagna.
  • Chopper Brute: mezzo Brute simile ad una grossa moto con una sola ruota grande davanti.
  • Prowler: mezzo Brute da trasporto per 4 con torretta.
  • Shade: torretta fissa Covenant.
  • Scarab: mezzo insettiforme controllato dagli stessi vermetti che compongono i Cacciatori. Il mezzo è dotato da un devastante cannone al plasma, una torre antiaerea di notevoli dimensioni situata su l'addome e ai due lati vi sono due piccole torrette fisse al plasma. Nonostante la mastodonticità del mezzo, esso è distruttibile, come anche il Phantom (solitamente con carri armati Scorpion oppure con torrette lanciamissili). Il modello di Halo 3 è più un modello da battaglia, mentre quello di Halo 2 è da trasporto.
  • Phantom: pericoloso in quanto oltre ad essere dotato di tre cannoni al plasma può trasportare fino a 24 passeggeri nella stiva.

Teschi[modifica | modifica sorgente]

Durante la campagna è possibile trovare dei teschi come quelli presenti nelle partite "teschio" situati in luoghi impensabili. Trovando e raccogliendone uno si potrà sbloccare una modalità speciale che aggiungerà o detrarrà difficoltà alla campagna. Una volta trovati tutti i teschi, non solo si potrà personalizzare il proprio personaggio con una nuova armatura (hayabusa) ma si potranno aggiungere degli elementi campagna al gioco. Ad esempio il teschio "Preso" fa sì che durante il gioco i nemici lancino tantissime granate.

Modalità cooperativa[modifica | modifica sorgente]

La modalità cooperativa introdotta in Halo 2 torna in questo capitolo della saga, con alcuni ampliamenti: è possibile giocarla non solo su schermo condiviso (massimo 2 giocatori) ma anche su system link e Xbox Live (massimo 4 giocatori). Invece di "sdoppiare" Master Chief come nei capitoli precedenti, ogni giocatore gestisce un diverso personaggio: il giocatore 1 Master Chief, il giocatore 2 l'Arbiter, mentre i giocatori 3 e 4 due nuovi Elite creati appositamente, N'tho 'Sraom e Usze 'Taham. I due nuovi personaggi non sono presenti nella campagna in giocatore singolo. Nonostante l'aspetto diverso, i 4 personaggi hanno le stesse abilità.

Nel Multiplayer è presente una funzione che permette di registrare video delle partite, mostrare i replay delle uccisioni più spettacolari e bloccare un'immagine per vederla da diverse angolazioni e fare delle foto (fino a 50).

La Fucina[modifica | modifica sorgente]

Un'altra novità di Halo 3 è l'editor delle mappe noto come Fucina. Con esso si può prendere una mappa preesistente e personalizzarla, aggiungendo o eliminando armi, veicoli, punti di rigenerazione, teletrasporti, ascensori gravitazionali, casse, nuclei esplosivi e quant'altro (l'Elephant, però, può essere usato solo in "Nella sabbia" per via delle dimensioni). Una volta terminata la mappa, la si può giocare su Xbox Live, system link o schermo condiviso; inoltre si possono far accedere altri giocatori anche durante la personalizzazione della mappa. In questo caso, il giocatore che sta personalizzando la mappa assume la forma di un Guardiano (robot fluttuante dello stesso tipo di 343 Guilty Spark) e per generare gli oggetti desiderati gli basta mirare il punto prescelto e far fuoco. Se poi il giocatore vuole unirsi al gioco con gli altri, con un semplice comando può tornare a utilizzare il suo normale personaggio Spartan o Elite.

Trailer[modifica | modifica sorgente]

  • Nel trailer del gioco, quando Cortana parla per la prima volta, è possibile udire per pochi attimi la voce della Mente Suprema che ripete le stesse parole. Questo suggerisce l'idea che Cortana sia ormai sotto l'influenza della Mente Suprema, che potrebbe usarla per trovare la Terra o controllare Master Chief.
  • Nel trailer dell'E3 2007 per pochi istanti si vede Miranda Keyes che impugna con una mano la pistola M6G, e con l'altra il fucile M90 in una struttura che a prima vista sembrerebbe una sala controllo nel livello I Covenant (infatti a 01:08 sullo sfondo si nota l'ologramma di un Halo).

Estensioni[modifica | modifica sorgente]

Le estensioni sono scaricabili tramite il servizio Xbox Live e la spesa di punti Microsoft. Esse sono:

  • Heroic Map Pack[9], con tre nuove mappe multiplayer "Standoff", "Rat’s Nest" e "Foundry". Standoff è una mappa semi-simmetrica con due basi, si tratta di una stazione di monitoraggio radar del XXI secolo; la seconda è una mappa semi circolare di grandi dimensioni con ambientazioni simili al livello di Halo 3 "Nido del corvo" e, infine, Fondry un grande magazzino industriale completamente personalizzabile in forge. Inoltre contiene il potenziamento delle funzionalità della forge (fucina), pubblicata l'11 dicembre 2007, è gratuita.
  • Legendary Map Pack[10], con tre nuove mappe multiplayer "Ghost Town", "Avalanche" e "Blackout". La prima è una mappa irregolare e multipiano ambientata nel primo livello di Halo 3; Avalanche e il remake della mappa di halo C.E. Sidewinder; e Blackout altro remake di una mappa di Halo 2. Contiene anche il potenziamento delle funzionalità della forge, pubblicata il 15 aprile 2008, costa 600 MS.
  • Cold Storage Map[11], pubblicata il 14 luglio 2008, è una mappa gratuita remake della mappa di halo 1 Chill Out.
  • Mythic Map Pack 1[12] comprensivo delle mappe "Orbital", "Assembly" e "Sandbox". La prima mappa è ambientata in una stazione spaziale, con cunicoli stretti e armi leggere. Assembly è invece una frabica di Scarab Covenant, anch'essa tortuosa e ricca di vicoli stretti. Invece Sandbox assomiglia vagamente a Sandtrap, ma al contrario di essa presenta due basi ed presenta varie funzionalità in fucina. Il Mythic Map Pack 1 è stato rilasciato il 26 febbraio 2009 con l'uscita di Halo Wars e nel Marketplace il 9 aprile 2009, al costo di 800 MS.
  • Mythic Map Pack 2, rilasciato dalla Bungie con l'uscita di Halo 3 ODST, è disponibile sia nel disco multiplayer di ODST sia nel marketplace al costo di 750 MS. Contiene le mappe "Heretic", il remake di al Centro della Nave di Halo 2, "Cittadella", una mappa uguale all'ambientazione della Cittadella dell'Arca nella campagna di Halo 3, e "Porto Industriale", un enorme porto situato sulle rive del Kenya (New Mombasa) di dimensioni abbastanza generose.

Halo 3:ODST[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Halo 3:ODST.

Halo 3: ODST è un'espansione Stand-Alone presentata all'E3 '09 e commercializzata a partire dal 22 settembre 2009 che racconta le vicende di un gruppo di Marines TALO dispersi nella città di New Mombasa. La storia narrata nel gioco accade parallelamente a quella di Halo 2, esattamente dopo il salto iperspaziale del profeta del Rimorso nella megalopoli africana. Il protagonista è Rookie (la recluta), facente parte di questa squadra. Purtroppo svegliandosi 6 ore dopo il salto del profeta, questi è impegnato nella ricerca dei membri della sua squadra. Nel gioco, essendo Free-Roaming, si potrà esplorare liberamente New Mombasa e trovando oggetti lasciati dai membri della squadra si potrà assistere a dei flash-back giocabili in cui si impersonerà questo membro.

Xbox Live[modifica | modifica sorgente]

Nella sala d'attesa "Matchmaking" del menu di Halo 3 sono presenti diverse tipologie di battaglia. Esse si dividono in:

  • Partite classificate (si accumula ESP ed è influenzato il livello d'abilità):
    • Lone Wolves, Massacro, Teschio, Re della Collina, tutti contro tutti, nessun CSC richiesti.
    • Team Slayer, a squadre, 3/4 giocatori per squadra, CSC Heroic, Legendary, Mythic richiesto.
    • Team Throwback, a squadre Assalto, Bandiera e Teschio, Disco Halo 3 Mythic richiesto.
    • Team SWAT, a squadre in Massacro, Bandiera e Teschio, senza scudi, senza radar e con BR arma iniziale, tutti i CSC richiesti.
    • Team Snipers, a squadre solo Massacro, armi di precisione e fucile a pompa occasionalmente, CSC Heroic e Legendary richiesti.
    • Team Doubles, 2 squadre da 2 giocatori Massacro, Bandiera e Assalto, tutti i CSC richiesti.
    • Squad Battle, 6 giocatori contro 6 in Massacro, Assalto e Bandiera, CSC Heroic richiesto.
    • MLG, a squadre da 3/4 giocatori in Massacro, Bandiera, Teschio con regole MLG www.mlgpro.com/playlist, tutti i CSC richiesti.
    • MLG FFA, tutti contro tutti, Massacro con regole MLG, tutti CSC richiesti.
  • Partite di Gruppo (si accumula ESP ma non è influenzato il livello abilità):
    • Rumble Pit, tutti contro tutti con vari tipi di partita (incluso Juggernaut e Infezione), tutti i CSC richiesti.
    • Social Slayer, 4/5 giocatori per squadra, nessun CSC richiesto.
    • Social Skirmish, squadre da 4/5 giocatori in partite Assalto e Bandiera, nessun CSC richiesto.
    • Multi Team, 4 squadre da 2 giocatori in Massacro, Assalto, VIP, Bandiera e Rocket Race, CSC Heroic, Legendary, Mythic richiesto.
    • Social Big Team, 2 squadre da 8 giocatori in Massacro, Assalto, Bandiera, Territori, CSC Heroic, Legendary, Mythic richiesto.
    • Action Sack, 2 squadre da 4 giocatori in Assalto, Territori e Bandiera, tutti i CSC richiesti.
    • Team Mythic, 2 squadre da 4 giocatori in Massacro, Assalto e Bandiera, Disco Halo 3 Mythic richiesto.
  • Double EXP Weekend

Modalità variabile, creata appositamente dalla Bungie tutti i fine settimana e presente, appunto, solo dal venerdì pomeriggio fino alla domenica sera.

  • 7 on 7

Modalità variabile creata appositamente dalla Bungie ogni settimo giorno del mese per permettere l'acquisizione dell'obiettivo Vidmaster - 7 con 7.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Data di uscita di Halo 3
  2. ^ Halo 3, Microsoft fa il pieno con 170 milioni di Dollari nelle prime 24 ore. In una settimana,invece ha incassato 300 milioni di dollari., Hardware Upgrade, 27 settembre 2007. URL consultato il 30 luglio 2007.
  3. ^ Halo 3: 300 milioni di dollari in una settimana, Hardware Upgrade, 5 ottobre 2007. URL consultato il 5 ottobre 2007.
  4. ^ 17,7 milioni di Xbox 360, Halo 3 supera quota 8 milioni in tutto il mondo
  5. ^ E3 2k6: Halo 3 Trailer Impressions, 9 maggio 2007. URL consultato il 25 giugno 2007.
  6. ^ Bungie. URL consultato il 29 giugno 2007.
  7. ^ Dobson, Jacob, Halo 3 not HD: Runs at 640p, Pixel Counters Claim in joystiq.com, 28 settembre 2007. URL consultato il 30 settembre 2007.
  8. ^ Bungie: ecco perché Halo 3 gira a 640p, Hardware Upgrade, 1º ottobre 2007. URL consultato il 2 ottobre 2007.
  9. ^ Heroic Map Pack Announced for Halo 3
  10. ^ Legendary Map Pack
  11. ^ Cold Storage Map
  12. ^ Mythic Map Pack Announced for Halo 3

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]