Halo: I fantasmi di Onyx

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Halo: I fantasmi di Onyx
Titolo originale Halo: Ghosts of Onyx
Autore Eric Nylund
1ª ed. originale 2007
1ª ed. italiana 2009
Genere romanzo
Sottogenere fantascienza
Lingua originale inglese
Serie Halo
Preceduto da Halo: Evolutions
Seguito da Halo: Contatto su Harvest

Halo: I fantasmi di Onyx (Halo: Ghosts of Onyx) è un romanzo del 2007 scritto da Eric Nylund. È il quarto libro della serie ispirata al videogioco Halo ed è il terzo ad essere stato tradotto in italiano (il secondo[1] ad essere stato pubblicato da Multiplayer.it.).

Trama[modifica | modifica sorgente]

La storia narra della nascita degli Spartan III, seguita dalla scoperta di rovine dei Precursori che danno accesso all'interno di Onyx, il pianeta-scudo su cui è ambientato il libro.

Prologo: La Vittoria della Compagnia Beta a Pegasi Delta[modifica | modifica sorgente]

Il prologo inizia con lo schieramento dei 300 SPARTAN-III della Compagnia Beta sul pianeta Covenant Pegasi Delta nel 2545. Dei 300, 291 colpiscono il suolo e procedono verso il loro bersaglio, una raffineria Covenant. Gli Spartan intendono distruggere il complesso ma, a causa della pesante ed inaspettata resistenza Covenant, nella forma di sette enormi incrociatori Covenant, erratamente identificati dal Satellite Orbitale STARS come parte del complesso, soltanto due Spartan, Tom-B292 e Lucy-B091, sopravvivono. Tom e Lucy rivelano di avere soltanto dodici anni, Lucy è gravemente traumatizzata e resa muta, gli viene diagnosticata una disarticolazione vocale post traumatica dopo la morte degli altri Spartan e di parecchi dei suoi compagni dalla Squadra Foxtrot, Adam-B004 e Min-B174.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Halo: I Fantasmi di Onyx in Multiplayer.com.