Hallgrímur Helgason

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hallgrímur Helgason

Hallgrímur Helgason (Reykjavík, 1959) è uno scrittore, drammaturgo, pittore e autore radiofonico televisivo e cinematografico islandese.

Ha frequentato la scuola d'arte statale in Islanda e poi si è specializzato a Monaco di Baviera, all'Akademie für die Bildenden Künste.

Ha cominciato ad esporre i suoi dipinti nel 1983[1]. Sue opere sono conservate in alcuni musei islandesi (Reykjavík Art Museum e Art Museum of Iceland a Reykjavik, Kópavogur Art Museum a Kopavogur), ma anche fuori dai confini patrii (FRAC Poitou-Charentes ad Angoulême, Francia).

Internazionalmente è più noto per la sua attività di scrittore. L'opera più famosa è 101 Reykjavík (1996), tradotta in 12 lingue[1], compreso l'italiano. Dal libro è stato poi tratto un film per la regia di Baltasar Kormákur nel 2000.

Il personaggio principale del romanzo, Hlinur, era nato però alcuni anni prima, come personaggio radiofonico[2]: Helgason è infatti anche autore televisivo e radiofonico.

Tratte da sue opere, oltre al film citato, sono state tratte anche alcune opere teatrali. Helgason ha anche scritto alcune opere originali per il teatro e ha tradotto in islandese alcuni drammi classici (ad esempio il Romeo e Giulietta di William Shakespeare).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b dal curriculum vitae del suo sito ufficiale
  2. ^ Hallgrimur Helgason

Controllo di autorità VIAF: 59223703 LCCN: no95003548