Halichoeres zulu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Halichoeres zulu
Immagine di Halichoeres zulu mancante
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Actinopterygii
Ordine Perciformes
Famiglia Labridae
Genere Halichoeres
Specie H. zulu
Nomenclatura binomiale
Halichoeres zulu
Randall & King, 2010

Halichoeres zulu Randall & King, 2010 è un pesce di acqua salata appartenente alla famiglia Labridae[1].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Proviene dalle barriere coralline dell'est dell'oceano Indiano, in particolare dal Sud Africa[2]. È una specie tipica delle zone costiere, che non si spinge mai in profondità; di solito rimane infatti nei primi 2 metri sotto la superficie. Predilige le zone con fondali rocciosi.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Presenta un corpo allungato, di altezza media, leggermente compresso ai lati e con la testa dal profilo appuntito. La lunghezza massima registrata è di 13.5 cm per i maschi e 7,9 cm per le femmine[2].

È molto somigliante a un'altra specie del suo genere, Halichoeres nebulosus, con la quale viene spesso confuso. A causa di questa somiglianza H. zulu veniva in passato classificato come H. nebulosus[2]. Somiglia abbastanza anche a Halichoeres margaritaceus[3].

La livrea varia abbastanza tra esemplari maschili e femminili: i primi sono verdi a macchie irregolari marroni-rossastre, talvolta rosate e più intense e regolari sulla testa; il ventre è giallo, soprattutto nei dintorni della pinna anale, bassa, lunga e degli stessi colori del corpo. Le femmine, invece, sono rosa a macchie bianche; le pinne sono striate di nero e sulla pinna dorsale è presente una macchia nera. La pinna caudale ha il margine arrotondato.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

È una specie particolarmente timida[2].

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

È oviparo e la fecondazione è esterna. Non ci sono cure nei confronti delle uova.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Halichoeres zulu in WoRMS 2014 (World Register of Marine Species).
  2. ^ a b c d (EN) H. zulu in FishBase. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  3. ^ Randall, John E.; King, Dennis R, Halichoeres zulu, a new labrid fish from South Africa. URL consultato il 12 febbraio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci