Haida Gwaii

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Haida Gwaii
Queen Charlotte Islands Map.png
Geografia fisica
Localizzazione Oceano Pacifico
Coordinate 53°00′N 132°00′W / 53°N 132°W53; -132Coordinate: 53°00′N 132°00′W / 53°N 132°W53; -132
Arcipelago Haida Gwaii
Superficie 10.180 km²
Altitudine massima 1.164 m s.l.m.
Geografia politica
Stato Canada Canada
Centro principale Queen Charlotte
Demografia
Abitanti 4.761
Densità 0,467 ab./km²
Cartografia
Mappa di localizzazione: Canada
Haida Gwaii

[senza fonte]

voci di isole del Canada presenti su Wikipedia

Le isole che si chiamano Haida Gwaii nella lingua della loro popolazione originale dei Haida, che significa le “isole degli uomini”, e che sono anche chiamati Isole Regina Carlotta (in inglese Queen Charlotte Islands), sono un arcipelago canadese al largo della provincia della Columbia Britannica nell’Oceano Pacifico. È formato da due isole principali separate da uno stretto canale: Isola di Graham al Nord e Isola di Moresby al Sud, più 150 tra isolotti minori e scogli per una superficie totale di 10.180 km².
A Est lo Stretto di Hecate separa le Isole Regina Carlotta dalle coste della Columbia Britannica; a Nord lo Stretto di Dixon le separa dall’isola Principe di Galles dell’Arcipelago Alessandro in territorio statunitense, mentre a Sud lo Stretto Regina Carlotta le divide dall’Isola di Vancouver. Le comunità indigene che si trovano su queste isole sono gli Haida, i Tlingit e i Tsimshian.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fra i primi navigatori europei a giungere nell’arcipelago si ricordano lo spagnolo Juan Pérez per l’isola Langara nel 1774, il capitano James Cook nel 1778 e il capitano George Dixon nel 1787. Fu proprio quest’ultimo a ribattezzarle con il nome di Regina Carlotta, in onore della moglie del re inglese Giorgio III.
Il contatto con gli europei, per le popolazioni native, fu tragico. Dai 10-12.000 nativi che si stimava popolassero le isole (su una dozzina di villaggi), oltre il 90% morirono nel corso del XIX secolo in causa principalmente a malattie quali il vaiolo, ma anche tifo e sifilide. All’inizio del XX secolo erano rimaste meno di 700 persone. Oggi ne vivono circa 3.500, ma gli indigeni Haida si sono dispersi, mantenendo due piccole comunità di 1000 abitanti a Skidegate e Old Masset.

Economia[modifica | modifica sorgente]

L’economia è fortemente legata allo sfruttamento forestale e alla pesca che fornisce prodotti esportati sul continente. I servizi impiegano un terzo della forza lavoro, mentre il turismo inizia solo ora a rivestire una certa importanza.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]