Haematopus ostralegus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Beccaccia di mare
Oystercatcher, drawing by naumann 1905.jpg
Haematopus ostralegus
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Tetrapoda
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Ordine Charadriiformes
Famiglia Haematopodidae
Genere Haematopus
Specie H. ostralegus
Nomenclatura binomiale
Haematopus ostralegus
Linnaeus, 1758

La beccaccia di mare (Haematopus ostralegus Linnaeus, 1758), detta anche ostrichiere, è un uccello della famiglia Haematopodidae.[2]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Una beccaccia di mare in volo.

Lo si può trovare in Europa, Asia, ed Africa, in Italia ne esistono due nutrite colonie che nidificano nei dintorni del delta del Po e presso l'oasi WWF delle Cesine, nel Salento, che rappresenta anche il suo habitat preferito, quindi nei pressi del mare.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Vive in numerose colonie, nidifica nei banchi di sabbia, dentro piccole conche e bordate di conchiglie o fili d'erba.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

la sua dieta si compone di vermi e molluschi che cattura abilmente e apre col becco, forte e robusto.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Uovo di Haematopus ostralegus

Nidifica in primavera, depone in media 3-4 uova la durata dell'incubazione dura dai 24 ai 27 giorni.

Sistematica[modifica | modifica sorgente]

Sono note 4 sottospecie:[2]

  • Haematopus ostralegus ostralegus Linnaeus, 1758
  • Haematopus ostralegus longipes Buturlin, 1910
  • Haematopus ostralegus osculans Swinhoe, 1871
  • Haematopus ostralegus buturlini Dementiev, 1941

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) BirdLife International 2012, Haematopus ostralegus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.
  2. ^ a b (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Haematopodidae in IOC World Bird Names (ver 4.1), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 18 febbraio 2013.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli