HMS Seahorse (98S)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
HMS Seahorse
L'HMS Seahorse nel 1933
L'HMS Seahorse nel 1933
Descrizione generale
Naval Ensign of the United Kingdom.svg
Tipo sommergibile
Classe S
Proprietario/a Royal Navy
Identificazione 98S
Costruttori Chatham Dockyard
Impostata 14 settembre 1931
Varata 15 novembre 1932
Entrata in servizio 2 ottobre 1933
Destino finale Affondato il 7 gennaio 1940
Caratteristiche generali
Lunghezza 61,7 m
Larghezza 7,3 m
Pescaggio 3,2 m
Propulsione diesel/elettrica
Due eliche 1.500 Hp in superficie
1.300 Hp in immersione
Velocità Superficie: 13,75 nodi
In immersione: 10 nodi
Equipaggio 36
Armamento
Armamento alla costruzione:
  • 1 cannone da 76 mm
  • 1 mitragliatrice antiaerea
  • 6 tubi lanciasiluri da 533 mm con 12 siluri

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

L'HMS Seahorse è stato un sommergibile classe S, primo gruppo, della Royal Navy. Venne impostato il 14 settembre 1931, varato il 15 novembre 1932 ed entrò in servizio il 2 ottobre 1933.

Servizio[modifica | modifica sorgente]

Allo scoppio della seconda guerra mondiale si trovava inquadrato nella Seconda Flottiglia sottomarini della Home Fleet. Il 17 settembre 1939 dopo aver individuato il sommergibile tedesco U-36 nel Mare del Nord lanciò quattro siluri, senza che nessuno di questi raggiungesse il bersaglio.

Il 26 dicembre seguente salpò da Rosyth per una missione di pattuglia al largo delle coste occidentali della Danimarca. Dopo quattro giorni era previsto che si spostasse alla foce dell'Elba per poi tornare alla base il 9 gennaio 1940.

Una prima ipotesi sull'affondamento del sommergibile è che sia stato affondato dalla Prima Flottiglia di posamine tedesca che fece rapporto riguardo ad un forte attacco con bombe di profondità effettuato il 7 gennaio su un sommergibile non identificato[1]. È anche possibile che il Seahorse sia stato affondato dal dragamine tedesco Sperrbrecher IV/Oakland a sud est di Helgoland il 29 dicembre precedente.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Colledge, op. cit., p. 364

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Colledge JJ, Ships of the Royal Navy. The complete record of all fighting ships of the Royal Navy from 15th century to the present, a cura di Ben Warlow, Philadelphia & Newbury, Casemate, 2010, ISBN 978-1-935149-07-1.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina