HMS Royal George (1756)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
HMS Royal George
Model Royal George.jpg
Descrizione generale
British-White-Ensign-1707.svg
Tipo Vascello di prima classe
Classe Prima classe
Proprietario/a Royal Navy
Ordinata 29 agosto 1746
Cantiere Woolwich Dockyard
Varata 18 febbraio 1756
Destino finale Affondata il 28 agosto 1782
Caratteristiche generali
Dislocamento 2.080
Lunghezza Ponte cannoni: 54,3 m
Larghezza 15,5 m
Pescaggio 6,6 m
Propulsione Vela
Armamento
Armamento 100 cannoni:
  • Ponte di batteria: 28 cannoni da 42 libbre
  • Ponte di mezzo: 28 cannoni da 24 libbre
  • Ponte superiore: 28 cannoni da 12 libbre
  • Castello di poppa: 12 cannoni da 6 libbre
  • Castello di prua: 4 cannoni da 6 libbre

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

La HMS Royal George è stata un vascello di prima classe da 100 cannoni della Royal Navy, costruito nei cantieri di Woolwich secondo i disegni specifici del 1745, ed è stato varato il 18 febbraio 1756. È affondato a Spithead il 29 agosto 1782[1] con la perdita di più di 800 vite.

Servizio[modifica | modifica wikitesto]

Ordinato il 29 agosto 1746 come Royal Anne, e ribattezzato Royal George durante la sua costruzione, al momento del varo nel 1756 era la nave più grande del mondo. Ha servito nella Guerra dei Sette Anni, unendosi alla Channel Fleet (la flotta nel canale della manica) agli ordini dell'ammiraglio Sir Edward Hawke, trascorse la maggior parte del 1759 al largo di Brest bloccando la flotta francese. Ai primi di novembre dello stesso anno, quando l'HMS Ramillies, l'ammiraglia di Hawke andò in darsena per riparazioni, Hawke spostò la sua bandiera sul Royal George, che divenne la sua nuova nave ammiraglia, giusto in tempo per prender parte alla battaglia della Baia di Quiberon, il 20 novembre 1759, dove affondò la francese  Superbe.

Il suo disarmo era previsto per il 1763-1778, quando venne rimesso a servire nella guerra di indipendenza americana. Nel gennaio del 1780 ha preso parte alla battaglia di Capo San Vincenzo mentre prestava servizio nella Channel Fleet.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Colledge, op. cit., p. 347

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Colledge JJ, Ships of the Royal Navy. The complete record of all fighting ships of the Royal Navy from 15th century to the present, a cura di Ben Warlow, Philadelphia & Newbury, Casemate, 2010, ISBN 978-1-935149-07-1.