HMS Philomel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
HMS Philomel
L'unità nel 1890
L'unità nel 1890
Descrizione generale
Naval Ensign of the United Kingdom.svg Naval Ensign of New Zealand.svg
Tipo Incrociatore protetto
Classe Classe Pearl
Proprietario/a Naval Ensign of the United Kingdom.svg Royal Navy
Naval Ensign of New Zealand.svg Royal New Zealand Navy
Cantiere HM Naval Dockyard, Plymouth
Impostata 1890
Varata 28 agosto 1890
Entrata in servizio 1890
Radiata 1947
Destino finale Venduta per la demolizione nel 1947, scafo autoaffondato nel 1949
Caratteristiche generali
Dislocamento 2.616 t
Lunghezza 84,7 m
Larghezza 12,5 m
Pescaggio 5,33 m
Velocità 20 nodi
Equipaggio 544 uomini
Armamento
Armamento
  • 8 Cannoni QF di 4,7 pollici (120 mm)
  • 8 cannoni da 3 libbre
  • 4 mitragliatrici
  • 2 tubi lanciasiluri da 14 pollici (360 millimetri)

dati tratti da [1]

voci di incrociatori presenti su Wikipedia

La HMS Philomel, poi HMNZS Philomel, è stato un incrociatore della classe Pearl della Royal Navy britannica e successivamente della Royal New Zealand Navy. La nave fu la quinta della Royal Navy a ricevere questo nome.

Dopo la sua entrata in servizio nel 1890, operò all'interno della Cape of Good Hope Station e più tardi per la Mediterranean Fleet. Nel 1914 venne ceduta alla Nuova Zelanda ed entrò in servizio nella Royal New Zealand Navy. Durante le prime fasi della prima guerra mondiale ricevette il compito di scortare i convogli. In seguitò effettuò operazioni nel Mediterraneo contro i Turchi. Più tardi guidò pattuglie nel Mar Rosso e nel Golfo Persico. Nel 1917 rientrò in Nuova Zelanda, dove servì come nave deposito per dragamine nel porto di Wellington. Nel 1921 fu trasferita nella Base Navale di Devonport, Auckland, dove fu adibita a nave da addestramento. Nel 1947 la nave fu dismessa e venduta.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Gardiner 1979, op. cit., p. 66.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Captain P. Hall-Thompson, The Work of the Philomel in Lieut. H. T. B. Drew (a cura di), The War Effort of New Zealand, Auckland, New Zealand, Whitcombe and Tombs Limited, 1923, OCLC 2778918.
  • Jack S. Harker, The Birth and Growth of the Royal New Zealand Navy, Durham, United Kingdom, Pentland Press, 2001, ISBN 1-85821-804-7.
  • R. J. McDougall, New Zealand Naval Vessels, Wellington, New Zealand, Government Printing Office, 1989, ISBN 978-0-477-01399-4.
  • Ian McGibbon (a cura di), The Oxford Companion to New Zealand Military History, Auckland, New Zealand, Oxford University Press, 2000, ISBN 0-19-558376-0.
  • A. N. Other, Naval Historical Review, Naval Historical Society of Australia, 1983, ISSN 0158-5738, http://www.navyhistory.org.au/hmnzs-philomel/ . URL consultato il 6 giugno 2013.
  • S. D. Waters, The Royal New Zealand Navy, Official History of New Zealand in the Second World War 1939–45, Wellington, New Zealand, War History Branch, 1956, OCLC 800613100.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina