HMS Hermes (R12)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
HMS Hermes
La HMS Hermes nel 1962
La HMS Hermes nel 1962
Descrizione generale
Naval Ensign of the United Kingdom.svg Naval Ensign of India.svg
Tipo Portaerei
Classe Centaur
Proprietario/a Naval Ensign of the United Kingdom.svg Royal Navy
Naval Ensign of India.svg Bhāratīya Nāu Senā
Impostata 21 giugno 1945
Varata 16 febbraio 1953
Entrata in servizio Regno Unito 25 novembre 1959
India 12 aprile 1986
Radiata 1985
Destino finale Messa in riserva e venduta all'India nell'aprile 1986
Caratteristiche generali
Dislocamento 23.000
Lunghezza 236,14 m
Larghezza 45,10 m
Pescaggio 8,5 m
Ponte di volo lineare con trampolinom
Propulsione vapore:
Velocità 28 nodi  (52 km/h)
Autonomia 7.000 miglia a 18 nodi (13.000 km a 33 km/h)
Equipaggio 2100 tra marinai ed aviatori
Armamento
Armamento 10 × 40 mm Bofors
Mezzi aerei fino al 1970:

[senza fonte]

voci di portaerei presenti su Wikipedia

La HMS Hermes (R12) è una portaerei classe Centaur, l'ultima delle portaerei convenzionali della Royal Navy. Originariamente venne impostata come HMS Elephant (61)[1].

Costruzione e modifiche[modifica | modifica sorgente]

La Hermes è stata impostata a Barrow-in-Furness dalla Vickers-Armstrong nel corso della seconda guerra mondiale, con il nome originario di Elephant. Con la fine della guerra la costruzione venne sospesa, ma la costruzione venne ripresa nel 1952 per liberare lo scivolo, e lo scafo venne quindi varato il 16 febbraio 1953. Completata come Hermes nel 1959 dopo essere rimasta incompiuta fino al 1957, entrò in servizio con varie modifiche tra cui un grosso radar da ricerca tridimensionale modello Type 984.
La nave, completata con ponte angolato e catapulte a vapore è stata riconvertita in commando carrier nel 1973, poi in ASW carrier nel 1976 e poi in una V/STOL carrier nel 1981 (con ski-jump).

Vita operativa nella Royal Navy[modifica | modifica sorgente]

Nel 1966 la nave era ritenuta un surplus alle esigenze operative della Royal Navy ed era stata offerta alla Royal Australian Navy per sostituire la portaerei HMAS Merlbourne. Nel 1968 la Hermes prese parte ad esercitazioni combinate con la Royal Australian Navy in cui la portaerei venne visitata da ufficiali della Royal Australian Navy e da esponenti del governo australiano, mentre Skyhawk e Tracker dell'Aviazione navale Australiana effettuarono una serie di appontaggi e decolli a bordo della nave. L'offerta è stata declinata a causa degli alti costi operativi della nave.

Servizio nell'Oceano Indiano[modifica | modifica sorgente]

La HMS Hermes ha fatto parte del gruppo di quattro portaerei d'attacco nell'Oceano Indiano fino al 1970 ed era in predicato di far parte della costituenda forza internazionale che avrebbe dovuto riaprire con la forza gli stretti di Tiran, bloccati dagli egiziani nei confronti degli israeliani nel maggio 1967,[2] ma la cosa non ebbe seguito.

Forza aerea[modifica | modifica sorgente]

Configurazione finale del gruppo aereo CATOBAR nel periodo 1968-1970[3]

La nave venne sottoposta a lavori a Devonport nel 1980, durati fino a giugno 1981, con modifiche al ponte di volo che venne dotato di uno sky jump da 12° per il supporto per le operazioni di volo dei Sea Harrier.

Nuova configurazione del gruppo aereo:

Guerra delle Falkland[modifica | modifica sorgente]

La nave nel 1982 era in procinto di essere radiata ed erano state avviate trattative di venduta con l'India, ma il 2 aprile 1982 l'Argentina occupò le isole Falkland e la Hermes fu il fulcro della forza navale inglese impegnata nella riconquista delle isole Falkland. Come ammiraglia della squadra, ed essendo il bersaglio più grosso, fu tenuta lontana dagli attacchi aerei argentini. Nell'occasione era equipaggiata con 24 tra Sea Harrier FRS.1 e Harrier GR.3, e 10 elicotteri Sea King. Dopo la guerra ed un periodo di quattro mesi in cantiere per lavori, la nave rientrò in servizio nel novembre 1982 per essere utilizzata durante esercitazioni NATO nel Mediterraneo e in Atlantico Settentrionale come nave comando. Nel 1983 venne riconvertita al ruolo di portaerei d'attacco, imbarcando di nuovo una componente mista di Sea Harrier e Harrier GR.3, prendendo parte nell'autunno del 1983 alla sua ultima esercitazione, al termine della quale rientrò in cantiere per ordinaria manutenzione. Ritirata dal servizio attivo nel febbraio 1984 la Hermes andò in disarmo il 12 aprile 1984.

Nel 1983 la nave era stata offerta nuovamente all'Australia insieme ad una squadriglia di Harrier, in quanto il 5 febbraio 1982 la Marina Australiana dopo mesi di trattative aveva accettato la proposta della Gran Bretagna per la vendita della Invincible al costo di 175 milioni di sterline, per sostituire la HMAS Merlbourne, ma con lo scoppio del conflitto con l'Argentina la Royal Navy inviò nell'Atlantico meridionale la HMS Hermes e la HMS Invincible nella zona delle operazioni militari e terminato il conflitto, nel luglio 1982 il governo britannico decise di mantenere in servizio la Invincible, offrendo in cambio nel 1983 la portaerei HMS Hermes; il nuovo governo australiano presieduto dal laburista Bob Hawke, che era succeduto al governo del liberale Fraser però declinò l'offerta[4].

Servizio nella marina indiana[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi INS Viraat (R22).

La nave venne radiata dalla Royal Navy nel 1985 e vennero riavviate le trattative di vendita con l'India, cui venne venduta nell'aprile 1986. Nella Indian Navy venne ribattezzata INS Viraat ("gigante") e, più volte riammodernata, si presume che resti in servizio fino al 2019.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ World Aircraft Carriers List: RN Light Fleet Carriers, 1º dicembre 2010.
  2. ^ http://www.state.gov/r/pa/ho/frus/johnsonlb/xix/28055.htm The international naval task force proposal in May 1967
  3. ^ Royal Navy Aircraft Carriers Part 3. (archiviato dall'url originale il 30 giugno 2012).
  4. ^ http://www.harrier.org.uk/history/history_SHARdownunder.htm Articolo Sea Harrier Down Under visitato il 27/05/2008

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina