HMS Falmouth (1910)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
HMS Falmouth
HMS Falmouth (1910).jpg
Descrizione generale
Naval Ensign of the United Kingdom.svg
Tipo Incrociatore leggero
Classe Town, tipo Weymouth
Proprietario/a Naval Ensign of the United Kingdom.svg Royal Navy
Costruttori William Beardmore and Company
Impostata 21 febbraio 1910
Varata 20 settembre 1910
Entrata in servizio Settembre 1911
Destino finale Affondata il 19 agosto 1916 dal sommergibile U-63
Caratteristiche generali
Lunghezza 138 m
Larghezza 14,8 m
Pescaggio 4,6 m
Propulsione Dodici caldaie Yarrow
Turbine ad ingranaggi Parsons
Quattro assi
22.000 Hp
Velocità 25 nodi  (46 km/h)
Autonomia 5.600 mn a 10 nodi (10.400 km a 19 km/h)
Equipaggio 433
Armamento
Armamento alla costruzione:
  • 8 cannoni da 152,4 mm
  • 1 cannone da 76 mm antiaereo
  • 4 cannoni da 47 mm
  • 4 mitragliatrici
  • 2 tubi lanciasiluri da 457 mm
Corazzatura Ponte a mezzanave: 51 mm
Ponte alle estremità 18 - 25 mm

[senza fonte]

voci di incrociatori presenti su Wikipedia

La HMS Falmouth, settima nave da guerra britannica a portare questo nome, è stata un incrociatore leggero classe Town, tipo Weymouth, della Royal Navy. Venne impostata nei cantieri William Beardmore and Company il 21 febbraio 1910, varata il 20 settembre successivo ed entrò in servizio nel settembre 1911.

Servizio[modifica | modifica sorgente]

Durante la prima guerra mondiale partecipò a tutte le più importanti battaglie navali. All'inizio del conflitto venne assegnata al 5º Squadrone Incrociatori operativo nell'Atlantico. Nell'agosto 1914 la Falmouth affondò 4 mercantili tedeschi per poi venire riassegnata al 1º Squadrone Incrociatori leggeri della Grand Fleet. Il 28 agosto partecipò alla Battaglia di Heligoland Bight ed il 24 gennaio 1915 alla battaglia di Dogger Bank.

Era ancora assegnata allo stesso squadrone quando partecipò tra il 31 maggio ed il 1º giugno 1916 alla battaglia dello Jutland. Circa due mesi dopo, il 19 agosto, venne colpita da un siluro lanciato dal sommergibile tedesco U-66 e successivamente affondata dall'U-63[1]. Il relitto si trova in circa 15 metri di acqua in posizione 53°58.93′N 0°04.5′W / 53.982167°N 0.075°W53.982167; -0.075Coordinate: 53°58.93′N 0°04.5′W / 53.982167°N 0.075°W53.982167; -0.075.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Colledge, op. cit., p. 138

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Colledge JJ in Ben Warlow (a cura di), Ships of the Royal Navy. The complete record of all fighting ships of the Royal Navy from 15th century to the present, Philadelphia & Newbury, Casemate, 2010. ISBN 978-1-935149-07-1.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina