HMS Exeter (D89)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
HMS Exeter (D89)
La Exeter sul fiume Tamigi
La Exeter sul fiume Tamigi
Descrizione generale
Naval Ensign of the United Kingdom.svg
Tipo Cacciatorpediniere
Classe Type 42
Proprietario/a Naval Ensign of the United Kingdom.svg Royal Navy
Identificazione D89
Costruttori Swan Hunter
Impostata 22 luglio 1976
Varata 25 aprile 1978
Entrata in servizio 19 settembre 1980
Radiata 27 maggio 2009
Destino finale Demolita in Turchia dalla Leyal Ship Recycling
Caratteristiche generali
Dislocamento 4.166
Lunghezza 125 m
Larghezza 14,3 m
Pescaggio 5,8 m
Propulsione Quattro turbine COGOG
Due eliche
Velocità 28,7 nodi  (56 km/h)
Equipaggio 287
Armamento
Armamento
Note
Motto Semper Fidelis

[senza fonte]

voci di cacciatorpediniere presenti su Wikipedia

HMS Exeter (D89) è un cacciatorpediniere Type 42 ed è stata la quinta nave da guerra della Royal Navy britannica ad essere intitolata in onore della città di Exeter, nel Devon. Venne costruita nei cantieri Swan Hunter, impostata il 22 luglio 1976, varata il 25 aprile 1978[1] ed entrò in servizio il 19 settembre 1980.

Servizio[modifica | modifica sorgente]

La Exeter Prestò servizio durante la Guerra delle Falklands dove abbatté quattro aerei argentini[2], ha inoltre partecipato all'Operazione Granby durante la guerra del golfo nel 1991, sotto il comando del capitano Nigel Essenhigh. Nel 2005 ha preso parte alla Rivista navale internazionale in occasione del duecentesimo anniversario della battaglia di Trafalgar. La Exeter è stata radiata il 27 maggio 2009 e venduta per la demolizione alla Leyal Ship Recycling, con base in Turchia, venendo rimorchiata da Portsmouth il 23 settembre 2011.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Jackson, op. cit., p. 140
  2. ^ 30 May: two A-4C, 7 June: one Learjet and 13 June: one Canberra; all with Sea Dart missiles

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Robert Jackson, Destroyers, frigates and corvettes, Rochester, Grange Books, 2000, ISBN 1-84013-317-1.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina