HHhH

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
HHhH
Titolo originale HHhH
Autore Laurent Binet
1ª ed. originale 2010
1ª ed. italiana 2011
Genere romanzo
Sottogenere romanzo storico
Lingua originale francese
« È mezzogiorno, alle ottocento SS ci sono volute quasi otto ore per avere ragione di sette uomini. »

HHhH (acronimo di Himmlers Hirn heißt Heydrich in tedesco, letteralmente «il cervello di Himmler si chiama Heydrich») è un'opera dello scrittore francese Laurent Binet, pubblicata in lingua originale nel 2010 e tradotta in italiano nel 2011.

Il libro si è aggiudicato il Prix Goncourt nella categoria «Premier Roman» nel 2010[1].

La storia[modifica | modifica wikitesto]

Il libro racconta l'ideazione, lo sviluppo, e l'esecuzione, dell'Operazione Antropoide, con cui i paracadutisti cecoslovacchi Jozef Gabčík e Jan Kubiš, il 27 maggio 1942, assassinarono a Praga Reinhard Heydrich, uno dei più alti gerarchi del Terzo Reich nonché, all'epoca, Protettore di Boemia e Moravia. Di tutti i personaggi sono narrati, con dovizia di particolari, la biografia e i ruoli assunti nella vicenda. Parallelamente, l'autore racconta di come abbia iniziato ad appassionarsi al fatto, e delle ricerche effettuate anche grazie ad alcune casualità che lo portarono a vivere per lunghi periodi in Cecoslovacchia.

Lo stile[modifica | modifica wikitesto]

L'autore, oltre a cercare di riportare fedelmente, per quanto possibile, i fatti avvenuti, per buona parte del libro si interroga su quale sia in effetti lo stile migliore da adottare per la scrittura di quest'opera: la semplice e cruda cronaca o l'inserimento anche di elementi di fiction non confermati da documenti storici, ma che la sensibilità dello scrittore gli fa ritenere utili per rendere più accattivante la narrazione. Lungo questa strada, arriva a confrontarsi, e a volte a polemizzare, con grandi autori del calibro di Alexandre Dumas, Victor Hugo, Milan Kundera e altri, domandandosi, senza riuscire a ottenere una risposta precisa, quale debba essere la giusta forma del romanzo.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2010 : Prix Goncourt nella categoria «Premier Roman»
  • 2010 : Miglior libro dell'anno nella categoria «Découverte France»

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Le prix Goncourt du premier roman attribué à Laurent Binet pour HHhH., Le Monde, 2 marzo 2010. URL consultato il 18 giugno 2011..

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]