HD 69830

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
HD 69830
HD 69830 vista da Celestia. Il punto luminoso a destra è il pianeta HD 69830 b.HD 69830 vista da Celestia. Il punto luminoso a destra è il pianeta HD 69830 b.
Classificazione Nana arancione
Classe spettrale K0 V
Distanza dal Sole 41 a.l. (12,6 pc)
Costellazione Poppa
Coordinate
(all'epoca J2000.0[1])
Ascensione retta 08h 18m 23,9473s
Declinazione -12° 37′ 55,824″
Dati fisici
Diametro medio 1 237 100 km
Raggio medio 0,89 R
Massa
0,86 ± 0,03 M
Periodo di rotazione 21,5 giorni
Temperatura
superficiale
(5 385 ± 20) K (media)
Luminosità
0,60 ± 0,03 L
Indice di colore (B-V) 0,753
Metallicità 89 ± 4 %
Età stimata 7 ± 3 × 109  anni
Dati osservativi
Magnitudine app. +5,95
Magnitudine ass. 5,45
Parallasse 79,48 ± 0,86 mas
Moto proprio AR: 279,29 mas/anno
Dec: −988,99 mas/anno
Velocità radiale +30,4 km/s
Nomenclature alternative
HR 3259, Gl 302, HIP 40693, SAO 154093, LHS 245, BD −12°2449

HD 69830 è una stella nana arancione situata a 41 anni luce dalla Terra nella costellazione della Poppa. Poiché ha massa, raggio e luminosità minori di quelli del Sole, un pianeta, per avere condizioni adatte ad ospitare la vita, dovrebbe orbitare a 0,75 UA dalla stella. La stella più vicina ad HD 69830 è la nana rossa L 675-81, distante circa 8,5 anni luce.

Nel 2005 è stata scoperta dal Telescopio spaziale Spitzer la presenza attorno all'astro di una fascia degli asteroidi.[1] L'anno seguente la stella fece nuovamente parlare di sé con la scoperta di tre pianeti di massa paragonabile a Nettuno.[2]

Sistema planetario[modifica | modifica wikitesto]

Rappresentazione artistica che mostra la cintura asteroidale e il pianeta d.
Paragone tra il cielo notturno visto dalla Terra e quello di un ipotetico pianeta terrestre in orbita attorno a HD 69830. Da notare la forte luce zodiacale del sistema extrasolare.

HD 69830 è il primo sistema planetario extrasolare attorno ad una stella simile al Sole in cui non sono stati rintracciati pianeti di massa paragonabile a Giove o a Saturno; non è da escludere però la presenza di qualche pianeta gioviano a distanze maggiori dalla stella.

Il pianeta più esterno scoperto sembra trovarsi all'interno della zona abitabile del sistema, in cui è possibile la presenza stabile di acqua liquida (delle analisi più accurate sulla luminosità permetteranno di individuare con maggiore precisione la posizione della zona abitabile). I pianeti hanno masse rispettivamente 10, 12 e 18 volte quella terrestre e periodi orbitali rispettivamente di 9, 32 e 197 giorni.

I pianeti sono stati scoperti tramite lo spettrografo HARPS montato sul telescopio da 3,6 m dell'osservatorio ESO di La Silla, situato nel deserto di Atacama in Cile.

Presenza di una cintura asteroidale[modifica | modifica wikitesto]

Il Telescopio spaziale Spitzer ha individuato delle polveri nel sistema di HD 69830, il che faceva presupporre la presenza di una cintura asteroidale circa 20 volte più massiccia di quella del Sistema solare.

Secondo le prime analisi, la cintura si troverebbe ad una distanza dalla stella pari a quella che separa il Sole da Venere nel nostro Sistema solare, il che la collocherebbe tra le orbite del secondo e del terzo pianeta. La cintura avrebbe una massa così grande che il cielo notturno, osservato da un pianeta vicino, sarebbe illuminato da una luce zodiacale mille volte più forte di quella vista sulla Terra che offuscherebbe facilmente quella della Via Lattea.

Le analisi spettroscopiche dello spettro della cintura hanno rivelato che è costituita da materia altamente raffinata. Gli astronomi hanno ipotizzato che possa essere il risultato della distruzione di un asteroide di tipo P o D di almeno 30 km di raggio contenente grandi quantità di granuli di ghiaccio che, trovandosi a brevi distanze dalla stella, sublimano.

Gli ultimi studi mostrano che la cintura si trova oltre l'orbita del pianeta più lontano, all'incirca ad una unità astronomica dalla stella. Questa regione ha una risonanza orbitale di 2:1 e 5:2 con HD 69830 d.[3]

Prospetto del sistema[modifica | modifica wikitesto]

Il sistema di HD 69830 come è simulato in Celestia

Segue un prospetto sui principali componenti del sistema planetario.

Pianeta Massa Periodo orb. Sem. maggiore Eccentricità Scoperta
HD 69830 b ≥10,48 M 8,667 ± 0,003 giorni 0,0785 UA 0,1 ± 0,04 2006
HD 69830 c ≥12,07 M 31,56 ± 0,04 giorni 3,3 UA 0,13 ± 0,06 2006
HD 69830 d ≥18,43 M 197 ± 3 giorni 0,63 UA 0,07 ± 0,07 2006
Cintura asteroidale 0,93 - 1,16 UA 2005

HD 69830 nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Nel "bestiario" incluso nell'edizione speciale del videogioco Halo 3, HD 69830 è considerato la patria dei Jackal, che dicono di provenire dalla luna del terzo pianeta, al limite della fascia degli asteroidi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Beichman, C.A. et al., An Excess Due to Small Grains around the Nearby K0 V Star HD 69830: Asteroid or Cometary Debris? in The Astrophysical Journal, vol. 626, nº 2, 2005, pp. 1061 – 1069.
  2. ^ Lovis, C. et al., An extrasolar planetary system with three Neptune-mass planets in Nature, vol. 441, nº 7091, 2006, pp. 305 – 309.
  3. ^ Lisse, C.M. et al., On the Nature of the Dust in the Debris Disk Around HD 69830 in The Astrophysical Journal, vol. 658, nº 1, 2007, pp. 584 – 592.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni