HD 209458

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
HD 209458
La stella vista con un telescopio amatorialeLa stella vista con un telescopio amatoriale
Classificazione Nana gialla
Classe spettrale G0V[1]
Tipo di variabile Variabile a transito planetario[2]
Distanza dal Sole 154 anni luce
Costellazione Pegaso
Coordinate
(all'epoca J2000.0)
Ascensione retta 22h 03m 10,8s [1]
Declinazione +18° 53′ 04″[1]
Lat. galattica -28,5269[1]
Long. galattica 76,7535[1]
Sistema planetario sì (HD 209458 b)
Dati fisici
Raggio medio 1,14 ± 0,055[3] R
Massa
1,13 ± 0,025[3] M
Periodo di rotazione 14,4 giorni
Temperatura
superficiale
6000 ± 50 K[4] (media)
Luminosità
1,61
Indice di colore (B-V) +0,574 ±0,014[4]
Metallicità 0,00 ± 0,02[4]
Età stimata 4 ± 2 × 109 anni[4]
Dati osservativi
Magnitudine app. 7,65[1]
Magnitudine ass. 4,28 ±0,10[4]
Parallasse 21,24 ± 1,00 mas
Moto proprio AR: 28,90[1] mas/anno
Dec: -18,37[1] mas/anno
Velocità radiale -14,8 km/s[1]
Nomenclature alternative
V376 Pegasi, BD +18°4917, SAO 107623, HIP 108859

HD 209458 è una stella situata nella costellazione di Pegaso. Si tratta di un astro molto simile al Sole, lievemente più massiccio, che dista circa 150 anni luce dal sistema solare. Data la distanza, la stella appare di ottava magnitudine e pertanto risulta invisibile ad occhio nudo, anche se può essere individuata con l'ausilio di un buon binocolo o anche con un piccolo telescopio.

Attorno alla stella orbita un pianeta extrasolare, HD 209458 b, che fa parte della categoria degli Hot Jupiters.

La stella[modifica | modifica wikitesto]

La posizione della stella nella costellazione di Pegaso.

HD 209458 è una nana gialla di classe spettrale G0 V, con una massa di 1,13 ± 0,025 masse solari,[3] un raggio 1,14 ± 0,055 volte quello solare[3] ed una luminosità 1,61 volte la luminosità solare. Si tratta di una stella relativamente ricca in metalli: infatti, il valore della sua metallicità, basata sull'abbondanza di ferro ed altri elementi pesanti, è quasi identico a quello del Sole.

A breve distanza dalla stella orbita un pianeta extrasolare, HD 209458 b, che periodicamente (ogni 3,5 giorni) transita davanti ad essa oscurandone parzialmente la luminosità (circa del 2%); questo rende la stella variabile estrinseca. Per questo motivo una nomenclatura alternativa della stella è V376 Pegasi (V sta per variabile).[2] HD 209458 è il prototipo delle variabili V376 Pegasi, caratterizzate dal fatto di avere pianeti transitanti;[5] in particolare, la stella è classificata come EP, che sta per eclipsing planet, pianeta transitante.[5]

Il sistema planetario[modifica | modifica wikitesto]

Rappresentazione artistica della stella con il suo pianeta.

Il 5 novembre 1999 due team di astronomi, che lavoravano indipendentemente (il primo presso l' osservatorio di Ginevra, all'Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics ed al Wise Observatory, il secondo al California and Carnegie Planet Search team), scoprirono, tramite analisi spettroscopiche, la presenza di un pianeta extrasolare in orbita attorno alla stella col metodo della misura della velocità radiale del pianeta. Poco dopo la scoperta, due diversi gruppi di ricercatori capitanati da David Charbonneau e Gregory W. Henry furono in grado di individuare un transito del pianeta sulla superficie della stella; questo fu il primo transito di un pianeta extrasolare intorno ad una stella mai osservato dalla Terra. Il pianeta scoperto fu denominato HD 209458 b.[6]

Si tratta di un pianeta gigante gassoso, con una massa pari al 70% di quella di Giove. Data la sua grande vicinanza alla stella, è classificato come pianeta gioviano caldo; inoltre, gli studi e le osservazioni hanno mostrato che il pianeta sta perdendo gran parte della sua atmosfera a causa del vento della stella madre.[7]

Travis Barman del Lowell Observatory ha analizzato le emissioni spettrali dell'atmosfera del pianeta, rintracciandovi delle modeste quantità di vapore acqueo;[8] l'atmosfera del pianeta è comunque composta in prevalenza, stando alle precedenti ricerche,[9] da silicati.

Prospetto[modifica | modifica wikitesto]

Segue un prospetto con i principali dati del pianeta orbitante.

Pianeta Massa Raggio Densità Periodo orb. Sem. maggiore Eccentricità Incl. orbita Scoperta
b 0,69 ± 0,05 MJ 1,35 ± 0,05 RJ 370 kg m−3 3,52 giorni 0,045 UA 0,014 86,1 ± 0,1° 1999


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i V* V376 Peg -- Variable Star, SIMBAD. URL consultato il 17 maggio 2009.
  2. ^ a b GCVS query result: V376 Peg in General Catalog of Variable Stars, Sternberg Astronomical Institute, Mosca, Russia. URL consultato il 15 maggio 2009.
  3. ^ a b c d Takeda et al., Structure and Evolution of Nearby Stars with Planets. II. Physical Properties of 1000 Cool Stars from the SPOCS Catalog in The Astrophysical Journal Supplement Series, vol. 168, nº 2, 2007, pp. 297–318, DOI:10.1086/509763.
  4. ^ a b c d e Tsevi Mazeh et al., The Spectroscopic Orbit of the Planetary Companion Transiting HD 209458 in The Astrophysical Journal, vol. 532, 2000, pp. L55–L58, DOI:10.1086/312558.
  5. ^ a b GCVS Variability Types. URL consultato il 1º giugno 2009.
  6. ^ Charbonneau et al., Detection of Planetary Transits Across a Sun-like Star in The Astrophysical Journal Letters, vol. 529, nº 1, 2000, pp. L45–L48, DOI:10.1086/312457.
  7. ^ European astronomers observe first evaporating planet, telescopio spaziale Hubble, ESA/NASA, 12 marzo 2003. URL consultato il 28 giugno 2008.
  8. ^ Barman, Identification of Absorption Features in an Extrasolar Planet Atmosphere in The Astrophysical Journal Letters, vol. 661, nº 2, 2007, pp. L191–L194, DOI:10.1086/518736. (web Preprint)
  9. ^ L. J. Richardson et al., A spectrum of an extrasolar planet in Nature, vol. 445, 2007, pp. 892–895, DOI:10.1038/nature05636.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • HD 209458, Exoplanets. URL consultato il 17 maggio 2009.
stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni