Henry C. Potter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da H.C. Potter)

Henry Codman Potter (New York, 1904New York, 1977) è stato un regista cinematografico e regista teatrale statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Terminata la Drama School, presso l'Università Yale, si acquistò una solida reputazione come regista teatrale. Esordì nella regia cinematografica con la commedia Nemico amato del 1936. La commedia e il musical costituirono i suoi generi preferiti.

A dispetto di soggetti elaborati in modo apparentemente stereotipato - così la questione femminile in La dama e il cowboy o il consumismo del secondo dopoguerra americano in La casa dei nostri sogni - e dell'utilizzo di espedienti narrativi convenzionali - lo scambio di persona, il confronto tra persone di cultura e ceto sociale diverso - il cinema di Henry C. Potter è tutt'altro che di maniera.

Con coerenza, il regista, che rivendicò sempre le sue origini teatrali, sviluppa un discorso di svelamento degli inganni e delle artificiosità della messa in scena filmica, attraverso l'uso di paradossi e discontinuità narrative. Si serve, a tale scopo, di una regia tecnicamente neutra, in cui lasciare ampio spazio all'improvvisazione dell'attore. Così è nei due musical con Fred Astaire (Follie di jazz e La vita di Vernon e Irene Castle), con Cary Grant, nel già citato La casa dei nostri sogni con Loretta Young - cui l'interpretazione in La moglie celebre valse l'Oscar.

Non è casuale, dunque, che il lavoro più celebre del regista fu Hellzapoppin' sgangherato e demenziale film comico del 1941, sceneggiato anche da Nat Perrin, che aveva collaborato con i Fratelli Marx.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN) Henry C. Potter in Internet Movie Database, IMDb.com Inc. Controllo di autorità VIAF: 59279860 LCCN: n85376545