Hôtel de Lauzun

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hôtel de Lauzun
Paris, Hôtel de Lauzun 01.JPG
Facciata
Ubicazione
Stato Francia Francia
Regione France moderne.svgÎle-de-France
Località Parigi
Indirizzo Quai d'Anjou
Informazioni
Condizioni In uso
Costruzione 1642-56
Stile Barocco
Realizzazione
Architetto Louis Le Vau
Proprietario storico Antoine Nompar de Caumont, Conte di Lauzun
 

L'Hôtel de Lauzun, situato sul quai d'Anjou sull'Île Saint-Louis a Parigi, è il rivale dell'Hôtel Lambert fra i pochi hôtel particulier che conservano le ricche sculture, i dipinti, gli interni adornati da specchi del tempo di Luigi XIV.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Esso non venne fatto costruire dal duca di Lauzun, di cui porta il nome, ma dal ricco uomo di finanza Charles Gruyn des Bordes,[1] figlio del gestore di una locanda divenuto ricco fra i ricchi secondo lo scrittore di un pamphlet,[2] a seguito di speculazioni realizzate abusando della sua carica di commissario generale di cavalleria durante i disordini civili della Fronda.

Gruyn des Bordes aveva acquistato il lotto di terreno nel 1641, ma quando egli era pronto a costruire, si ritrovò dei nuovi vicini da emulare nell'Ile Saint-Louis. Erano i proprietari dell'Hôtel Lambert di Thorigny. La sua nuova moglie si affrettò al completamento della casa, avvenuto nel 1657 su progetto di Louis Le Vau; l'iniziale G di Gruyn si intreccia con la M di Geneviève de Mony sul frontone e in tutto l'arredamento. Gruyn, tuttavia, era un seguace di Nicolas Fouquet e condivise la rovinosa caduta di quest'ultimo, con una inchiesta nei suoi rapporti finanziari, che lo portò ad essere accusato colpevole di frode. Venne imprigionato e morì poi in carcere. La sua vedova, che riuscì a mantenere i suoi affari finanziari separati da quelli del marito, sopravvisse alla rovina, e lasciò la casa al figlio che lo vendette a Lauzun che aveva perso il favore di Luigi XIV ed aveva trascorso un decennio in prigione, prima che la sua amante, la Grande Mademoiselle, che lo aveva sposato con un matrimonio clandestino, lo avesse riscattato dal re. Lauzun arricchì molti degli interni prima che l'Hôtel de Lauzun passasse al pronipote del cardinale Mazzarino, che fuggì a Londra, dal convento di Chaillot con la marchesa de Richelieu, dove la sposò. Nel 1709 vendette la casa a M. Pierre-François Ogier, che arricchì ulteriormente i suoi interni.

Nel XVIII secolo, a seguito della costruzione dei nuovi quartieri aristocratici ad ovest di Parigi, l'Ile Saint-Louis, nel cuore della Parigi medievale, divenne una zona declassata. L'Hôtel de Lauzun, che continuò ad avere proprietari aristocratici, il marchese de Pimodan, fino alla Rivoluzione francese, subì la sorte delle altre grandi case nobiliari e venne suddiviso in tanti piccoli appartamenti affittati ad artigiani di successo. Nel XIX secolo, quando la casa apparteneva al bibliofilo e collezionista barone Jérôme Pichon, il piano superiore venne affittato, nel 1840, a Charles Baudelaire e Théophile Gautier, che formarono il loro Club de Hashishins dove si fumava l'hashish. Baudelaire scrisse qui le sue prime poesie de Les Fleurs du Mal.

L'Hôtel de Lauzun, è oggi di proprietà della Città di Parigi, e dopo essere stato ristrutturato, è aperto al pubblico e visitabile.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il suo nome, des Bordes, derivava da una proprietà della quale disponeva a Noizières, vicino Lagny (Fournier 1864).
  2. ^ "I Gruyn, fratelli e figlio del direttore del [[cabaret (spettacolo)|]] Pomme de Pin, a forza di saccheggi che hanno fatto nella sussistenza, hanno acquisito grande ricchezza e posseggono un patrimonio molto considerevole." Fournier.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]