Gyps indicus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Avvoltoio indiano
Indian vulture on cliff.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 CR it.svg
Critico
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Accipitriformes
Famiglia Accipitridae
Genere Gyps
Specie G. indicus
Nomenclatura binomiale
Gyps indicus
Scopoli, 1786

L'avvoltoio indiano (Gyps indicus), è un avvoltoio del Vecchio Mondo, strettamente imparentato col grifone europeo.

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Questo avvoltoio presenta tutte le caratteristiche tipiche dei congeneri: la testa ed il lungo collo calvi, ali larghe e robuste e coda corta. Rispetto al grifone europeo, è più piccolo e snello: inoltre ha piume meno lucenti e manca della barra più chiara sulle ali che invece è presente nel grifone europeo.

Abitudini[modifica | modifica wikitesto]

Come i suoi congeneri, è uno spazzino, che vola a grandi altezze in cerca di carcasse, che individua grazie alla vista sviluppatissima. Si vedono frequentemente questi animali muoversi in stormi, anche se non è un animale sociale.

Nella zona più orientale del suo areale vivono degli uccelli che prima venivano considerati una sottospecie di avvoltoio indiano, ma ultimamente è stato provato che si tratta di una specie distinta, denominata Avvoltoio dal becco sottile (Gyps tenuirostris); prima della classificazione di questa nuova specie, entrambe le sottospecie erano unite sotto la denominazione di Avvoltoio dal becco lungo.

Avvoltoio indiano in volo

Così come l'avvoltoio del Bengala (Gyps bengalensis), anche l'avvoltoio indiano ha sofferto un drastico calo della popolazione (97%) nelle zone del Pakistan e dell'Indostan a causa dell'avvelenamento da Diclofenac, un farmaco antinfiammatorio innocuo per il bestiame sul quale viene usato, ma letale per questi uccelli in quanto blocca i reni; sono attesi provvedimenti da parte del governo indiano per sostituire al Diclofenac il Meloxicam, che ha effetti simili sul bestiame ma è innocuo per gli avvoltoi.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Questi animali nidificano nei dirupi o sugli alberi nelle montagne di India e Pakistan, deponendo un unico uovo; a volte, possono formare colonie anche numerose, costituite perlopiù da animali della zona.

A causa della drastica diminuzione di numero di molte specie di avvoltoi indiani, sono stati lanciati dei programmi di allevamento e riproduzione in cattività per creare una popolazione stabile dalla quale ricavare esemplari da reintrodurre in natura. Tuttavia, gli avvoltoi hanno una vita lunga e cominciano a riprodursi tardi (dopo i 5 anni di vita); la riproduzione stessa è piuttosto lenta, e tali programmi richiederanno decine di anni per attuarsi completamente.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Gyps indicus in Avibase - il database degli uccelli nel mondo, Bird Studies Canada.
uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli