Gwyneth Jones (scrittrice)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gwyneth Jones (Manchester, 14 febbraio 1952) è una scrittrice inglese di fantascienza e, sotto il nome di Ann Halam, di libri per ragazzi.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Jones è nata a Manchester, Inghilterra. Formatasi in una scuola gestita da suore, ha poi conseguito una laurea breve in storia delle idee all'Università del Sussex. Scrive dal 1980 anche sotto lo pseudonimo di Ann Halam e come tale ha pubblicato ad oggi oltre venti romanzi. Nel 1984 è uscito, col suo vero nome, Divine Endurance, un romanzo di fantascienza per adulti. Continua a pubblicare sotto i due nomi per i rispettivi pubblici.

Le sue opere sono principalmente di fantascienza e di high fantasy, dai forti toni femministi e di genere.

Ha vinto numerosi premi, tra cui due World Fantasy Awards, il BSFA award per la categoria racconti, Il Children of the Night Award della Dracula Society, il Premio Arthur C. Clarke, il Premio Philip K. Dick ed, ex--aequo, il James Tiptree, Jr. Award.

Dalla critica viene guardata con favore e, a causa del suo orientamento femminista, spesso accostata a Ursula K. Le Guin, sebbene se ne distingua molto sia per stile che per contenuti.

Vive a Brighton con il marito e il figlio.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Romanzi[modifica | modifica sorgente]

Titolo Pubblicato ISBN Notes
Water in the Air Londra: Macmillan, 1977 ISBN 0-333-22757-3 come Gwyneth A Jones
The Influence of Ironwood Londra: Macmillan, 1978 ISBN 0-333-23838-9 come Gwyneth A Jones
The Exchange Londra: Macmillan, 1979 ISBN 0-333-26896-2 come Gwyneth A Jones
Dear Hill Londra: Macmillan, 1980 ISBN 0-333-30106-4 come Gwyneth A Jones
Divine Endurance Londra: George Allen & Unwin, 1984 ISBN 0-04-823246-7
Escape Plans Londra: Allen & Unwin, 1986 ISBN 0-04-823263-7 candidato al Premio Arthur C. Clarke, 1987[1]
Kairos Londra: Unwin Hyman, 1988 ISBN 0-04-440163-9 candidato al Premio Arthur C. Clarke, 1989[2]
The Hidden Ones Londra: The Women's Press, 1988 (paper) ISBN 0-7043-4910-8
Flower Dust London: Headline, 1993 ISBN 0-7472-0846-8
White Queen Londra: Gollancz, 1991 ISBN 0-575-04629-5 Libro 1 della Trilogia Aleutiana ;
candidato al Premio Arthur C. Clarke, 1992[3]
North Wind Londra: Gollancz, 1994 ISBN 0-575-05449-2 Libro 2 della Trilogia Aleutiana ;
candidato al Premio BSFA , 1994[4];
candidato al Premio Arthur C. Clarke, 1995[5]
Phoenix Cafe Londra: Gollancz, 1997 ISBN 0-575-06068-9 Libro 3 della Trilogia Aleutiana
Bold As Love Londra: Gollancz, 2001 ISBN 0-575-07030-7 Libro 1 del ciclo Bold As Love;
Premio Arthur C. Clarke, 2002[6];
candidato al Premio BSFA, 2001[7];
candidato al Premio British Fantasy Award, 2002[6]
Castles Made of Sand Londra: Gollancz, 2002 ISBN 0-575-07032-3 Libro 2 del ciclo Bold As Love;
candidato al Premio BSFA, 2002[6]
Midnight Lamp Londra: Gollancz, 2003 ISBN 0-575-07470-1 Libro 3 del ciclo Bold As Love;
candidato al Premio BSFA, 2003[8];
candidato al Premio Arthur C. Clarke, 2004[9]
Band of Gypsys Londra: Gollancz, 2005 ISBN 0-575-07043-9 Libro 4 del ciclo Bold as Love;
Premio Philip K. Dick, 2004[9]
Rainbow Bridge Londra: Gollancz, 2006 ISBN 0-575-07715-8 Libro 5 del ciclo Bold As Love
Life Seattle, WA: Aqueduct Press, 2004 ISBN 0-9746559-2-9
Spirit: or The Princess of Bois Dormant[10] Londra: Gollancz, 2008 ISBN 978-0-575-07473-6

Antologie di narrativa[modifica | modifica sorgente]

  • Identifying the Object. Austin, TX: Swan Press, 1993. No ISBN
  • Seven Tales and a Fable. Cambridge, MA: Edgewood Press, 1995. ISBN 0-9629066-5-4
  • Grazing the Long Acre. Hornsea: PS Publishing, 2009. ISBN 978-1906301569
  • The Buonarotti Quartet. Seattle, WA: Aqueduct Press, 2009.

Saggi[modifica | modifica sorgente]

  • Deconstructing the Starships: Science, Fiction and Reality. Liverpool: Liverpool University Press, 1999. ISBN 0-85323-783-2
  • Imagination / Space. Seattle, WA: Aqueduct Press, 2009.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ 1987 Award Winners & Nominees in Worlds Without End. URL consultato il 29 giugno 2009.
  2. ^ 1989 Award Winners & Nominees in Worlds Without End. URL consultato il 29 giugno 2009.
  3. ^ 1992 Award Winners & Nominees in Worlds Without End. URL consultato il 29 giugno 2009.
  4. ^ 1994 Award Winners & Nominees in Worlds Without End. URL consultato il 29 giugno 2009.
  5. ^ 1995 Award Winners & Nominees in Worlds Without End. URL consultato il 29 giugno 2009.
  6. ^ a b c 2002 Award Winners & Nominees in Worlds Without End. URL consultato il 29 giugno 2009.
  7. ^ 2001 Award Winners & Nominees in Worlds Without End. URL consultato il 29 giugno 2009.
  8. ^ 2003 Award Winners & Nominees in Worlds Without End. URL consultato il 29 giugno 2009.
  9. ^ a b 2004 Award Winners & Nominees in Worlds Without End. URL consultato il 29 giugno 2009.
  10. ^ Jones ha pubblicato una webpage che illustra il background della storia e 'comprende collegamenti a diversi altri racconti: Spirit

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 121005633 LCCN: n78002956