Guy Evans

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guy Evans
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Genere Rock progressivo[1]
Art rock[1]
Periodo di attività 1968 – in attività
Strumento Batteria
Tastiera
Album pubblicati 6
Studio 5
Live 1

Guy Randolph Evans (Birmingham, 17 giugno 1947) è un percussionista britannico. Conosciuto principalmente per la sua partecipazione al gruppo di rock progressivo dei Van der Graaf Generator, Evans ha collaborato con altri musicisti e molto spesso proprio con gli altri membri dei VdGG, come sull'album The Long Hello.

Mentre frequentava l'Università di Warwick (1965-68), Evans suonava in un gruppo universitario chiamato The New Economic Model. Il gruppo suonava principalmente musica soul americana nelle feste da ballo universitarie, ma si esibì anche come gruppo spalla a band del calibro dei Pink Floyd e dei The Move (c'è una foto di Evans con i New Economic Model nel libro di Phil Smart e Jim Christopulos sulla storia dei VdGG[2]).

Dopo aver inciso nel 1969 due singoli con i Misunderstood, inizia la sua collaborazione con i VdGG, fino al secondo scioglimento nel 1978. Dopo varie collaborazioni, Evans ha suonato fin dal 2002 con i Subterraneas ed attualmente suona con gli Echo City, un gruppo che utilizza e costruisce "terreni di gioco sonori", costruzioni all'aperto che possono essere usate per fare musica, soprattutto per bambini disabili. Ha quindi preso parte alla terza riunione dei VdGG del 2005, con i quali ancora collabora.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Come membro di un gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Con i Misunderstood:

  • Tuff Enough / Little Red Rooster (1969 singolo)
  • Never Had A Girl (Like You Before) / Golden Glass (1969 singolo)

Con i Long Hello:

Con gli Echo City:

  • Gramophone (1987 album)
  • The Sound Of Music (1992 album)
  • Sonic Sport 1983-88 Part One (1995 album)
  • Loss Of The Church 1997 (1997 album)
  • Echo City (1999 CD singolo)
  • Single2000" (2000 CD singolo)

Con i Subterraneans:

  • Orly Flight (2003 compilation)
  • Soul Mass Transit (2006 album)
  • Live in Berlin (2008 album)

Da solista[modifica | modifica wikitesto]

Con Nic Potter:

  • Dolphins / Welcombe Mouth (1980 singolo)
  • The Long Hello Volume Two (1980 album)

Con David Jackson e Life of Riley:

  • The Long Hello Volume Four (1982 album)

Con Peter Hammill:

Con Big Buddha:

  • Buddhology - Revelations From Under The Encounter (1993 album)
  • The Dogford Chronicles (1993 album)

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Con Peter Hammill:

Con Charlie and The Wide Boys:

  • Gilly I Do (1974 EP)
  • Great Country Rockers (1976 album)

Con Footsbarn Present's:

  • The Circus Tosov (1980 album)

Con Didier Malherbe e Yan Emerich:

  • Melodic Destiny (cassette only album)

Con Mother Gong:

  • Robot Woman (1982 album)
  • Rober Woman 2 (1982 album)
  • Words Fail Me (1982 cassette only)
  • Live At Glastonbury 1981 (1982 cassette only)

Con gli Amon Düül II:

  • Meetings With Men Machines (1982 album)
  • Die Lösung (1989 album)

Con Nigel Mazlyn Jones:

  • Breaking Cover (1982 album)
  • Water From The Well (1987 cassette only album)
  • Angels Over Water (1993 album)
  • Behind the Stone (2002 album)

Con Peter Blegvad:

  • Knights Like This (1985 album)
  • U Ugly I (1985 single)
  • Special Delivery (1985 singolo)

Con Frank Tovey:

  • Snakes And Ladders (1986 album)

Con David Jackson e Hugh Banton:

  • Gentlemen Prefer Blues (1986 album)
  • Now And Then (1988 album)

Con Kazue Sawai:

  • Eye To Eye (1987 album)

Con Anthony Phillips e Harry Williamson:

  • Tarka (1988 album)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b [1]
  2. ^ Phil Smart, Jim Christopulos, Van der Graaf Generator - The Book, Phil and Jim publishers, 2005.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 268488289