Gustavo Serena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gustavo Serena e Francesca Bertini in una foto di scena de La signora delle camelie da lui medesimo diretto (1915)

Gustavo Serena (Napoli, 5 ottobre 1882Roma, 16 aprile 1970) è stato un attore e regista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di estrazione aristocratica, iniziò a teatro nel 1899 quando esordì al Teatro Manzoni di Roma. Militò come «amoroso» in compagnie teatrali di una certa importanza, come quelle di Giovanni Emanuel e Ferruccio Garavaglia, fino al 1911 quando venne scritturato dalla casa cinematografica Film d'Arte Italiana.

Nel 1912 si cimentò completamente nel cinema (esperienza che iniziò nel 1909 ma come «comparsa»), ed interpretò il suo primo ruolo da protagonista in Romeo e Giulietta, mentre l'anno dopo fu la volta di Quo Vadis?. Fu anche alla Cines e nel 1914 passò alla Pasquali Film di Torino.

Nel 1915 fu ingaggiato dalla Caesar Film come «primo attore» e direttore artistico. Nella casa romana fu interprete e regista di molte pellicole, su tutte l'Assunta Spina interpretato accanto alla diva Francesca Bertini. Serena lavorò assieme anche ad altre importanti interpreti femminili del muto, come Olga Benetti, Leda Gys, Tilde Kassay e Anna Fougez.

Altre sue importanti interpretazioni furono quelle in La signora dalle camelie (1915), Fedora (1916), Il processo Clémenceau (1917), Tosca (1918) e Dora o le spie (1919).

Dopo gli anni venti, a causa della crisi produttiva del cinema italiano, l'attività cinematografica di Serena fu più limitata. Girò anche due film all'estero, in Germania dal titolo Sterbende Völker - 2. Brennendes Meer e Sterbende Völker - 1. Heimat in Not, entrambi del 1922 e diretti da Robert Reinert, ed un film di produzione americana dal titolo The White Sister del 1923 diretto da Henry King.

Tornò alla regia con il film Zappatore del 1929, ma il suo ultimo film da regista (ed unico nel periodo sonoro) fu Zaganella e il cavaliere del 1932, che ebbe però scarso rilievo. Negli anni seguenti sempre meno furono le sue apparizioni sul grande schermo, e trovò occasionalmente qualche lavoro come direttore di produzione.

Ritiratosi a vita privata dopo il 1939, nei primi anni quaranta aprì un'attività commerciale, gestendo una latteria. Tornò al cinema nel 1949 e da allora prese parte a diversi film ma in ruoli marginali, come «comparsa» o «caratterista», come ne I soliti ignoti (1958) e Don Camillo monsignore ma non troppo (1961), dove però risulta non accreditato.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Direttore di produzione[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • G. Canova - Le garzantine: Cinema - Milano, Garzanti, 2008, ISBN 881150516X.
  • R. Poppi - I registi: dal 1930 ai giorni nostri - Roma, Gremese, 2002, ISBN 8884401712.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 268676659 SBN: IT\ICCU\RAVV\089345