Gurvant

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gurvant
Re di Bretagna
In carica ca. 874 - 876
Predecessore Salomone
Successore Judicael
Altri titoli Conte di Rennes
Morte 877
Coniuge la figlia secondogenita di Erispoë, di cui non si conosce il nome
Figli Judicael e
una figlia di cui non si conosce il nome

Gurvant (... – 877) fu re di Bretagna, unitamente a Pascweten, conte di Vannes, dall'874 all'876 (o 877).

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Di Gurvant non si conoscono gli ascendenti si sa solo che era conte, non ereditario, di Rennes.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di Gurvant si hanno scarse notizie: secondo il cronista franco, Reginone, aveva sposato una figlia del re di Bretagna, Erispoë, che gli aveva dato un figlio maschio di nome, Judicael[1].

Dopo che il re di Bretagna, Salomone si era rappacificato con i Normanni (infatti secondo gli Annales Bertiniani, Salomone, nel corso dell'874, portò aiuto a Carlo il Calvo che era impegnato a combattere i Normanni, oltre il fiume Meduana[2]), sempre secondo Reginone, venne ucciso da suo genero, Pasquitano o Pascweten, conte di Vannes, e dal genero del suo predecessore, Erispoë, Vurfrando o Gurvant, conte di Rennes, che si divisero il regno tra di loro[3].

La spartizione del regno tra i due pretendenti, sempre secondo Reginone, non fu facile e Pasquitano o Pascweten, con l'aiuto dei Normani, riuscì ad ottenere la maggior parte del regno[3].

Gurvant non accettò questa divisione del territorio e, nonostante la defezione di alcuni suoi uomini[3], continuò a combattere Pasquitano[3].

Secondo Rosamond McKitterick, i due avversari nel corso dell'876, furono esautorati[4], ma secondo Reginone Pasquitano morì nel corso di quell'anno e gli succedette il fratello, Alano I il Grande[1], mentre a Gurvant succedette il proprio figlio, Judicael, dopo la sua morte[1], nell'877.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Dalla moglie, la figlia secondogenita di Erispoë, di cui non si conosce il nome[1], Gurvant ebbe 2 figli[5]:

  • Judicael (?-888), che succedette al padre sul trono di Bretagna[1]
  • una figlia di cui non si conosce il nome, che, secondo lo storico francese, Arthur de La Borderie, nel secondo volume del suo Histoire de Bretagne, aveva sposato il conte Berengario di Bayeux[6].


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) ES Monumenta Germanica Historica, tomus primus: Reginonis Chronicon, anno 874, pag 587
  2. ^ (LA) Annales Bertiniani anno 874, pag 235
  3. ^ a b c d (EN) Monumenta Germanica Historica: Reginonis Chronicon, anno 874, pag 586
  4. ^ (EN) BRITTANY, DUKES & NOBILITY - Gurvant
  5. ^ (EN) #ES Early Dukes of Brittany - Gurvant
  6. ^ (FR) Histoire de Bretagne, de l'année 754 a l'année 995 di Arthur Le Moyne de La Borderie, pag 412

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura storiografica[modifica | modifica wikitesto]

  • René Poupardin, I regni carolingi (840-918), cap. XIX, vol. II (L'espansione islamica e la nascita dell'Europa feudale) della Storia del Mondo Medievale, pp. 582-634.
  • Louis Halphen, Francia: gli ultimi carolingi e l'ascesa di Ugo Capeto (888-987), cap. XX, vol. II (L'espansione islamica e la nascita dell'Europa feudale) della Storia del Mondo Medievale, pp. 636-661.
  • (FR) Histoire de Bretagne, de l'année 754 a l'année 995 di Arthur Le Moyne de La Borderie.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Duca di Bretagna Successore COA fr BRE.svg
Salomone 874876
unitamente a Pascweten
Judicael