Guns N' Roses

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guns N' Roses
Fotografia di Guns N' Roses
Paese d'origine Stati Uniti Stati Uniti
Genere Hard rock[1][2]
Heavy metal[1][3][4][5][6]
Hair metal[7][8][9]
Pop metal[9][10]
Sleaze metal[11][12]
Hard & heavy[13][14]
Album-oriented rock[1]
Periodo di attività 1985 – in attività
Etichetta Geffen Records
UZI Suicide
Album pubblicati 11
Studio 6
Live 2
Raccolte 3
Gruppi e artisti correlati Hollywood Rose
L.A. Guns
Velvet Revolver
Slash's Snakepit
Adler's Appetite
Neurotic Outsiders
Sito web
Guns roses logo.png

I Guns N' Roses sono un gruppo hard & heavy[13][14] statunitense, formatosi a Los Angeles nel 1985. Lo stile sonoro, l'immagine trasgressiva e le costanti performance dal vivo li aiutarono ad occupare un posto di prestigio nella scena musicale tra la fine degli anni ottanta e l'inizio dei novanta.

A partire dal 1993, il gruppo ha conosciuto problemi e silenzi, a causa di contrasti tra il cantante Axl Rose (ritenuto il leader carismatico della band) e i vari membri originari. Rose, che scrive anche la maggior parte dei testi, è l'unico membro rimasto della formazione originale.

In totale, i Guns N' Roses hanno venduto oltre 100 milioni di dischi in tutto il mondo[15], e sono stati inseriti al 92º posto nella lista dei 100 migliori artisti secondo Rolling Stone.

Il 14 aprile 2012 il gruppo originale è stato inserito nella Rock and Roll Hall of Fame dai Green Day.[16]

Storia del gruppo[modifica | modifica sorgente]

Gli inizi (1985-1986)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi L.A. Guns e Hollywood Rose.

Il gruppo è stato fondato nel marzo del 1985 da Axl Rose, Tracii Guns, Izzy Stradlin, Ole Beich e Rob Gardner. I cinque componenti originari provenivano da due gruppi, gli L.A. Guns (che si riformarono successivamente) e gli Hollywood Rose. Successivamente i membri decisero di unire i nomi dei precedenti gruppi e chiamare la band "Guns 'N' Roses". Dagli Hollywood Rose provenivano Axl Rose (Voce) ed Izzy Stradlin (Chitarra ritmica), mentre dagli L.A. Guns provenivano Tracii Guns (Chitarra solista), Ole Beich (Basso) e Rob Gardner (Batteria)[17]. Il gruppo si esibì per la prima volta il 26 marzo 1985[18].

Ole Beich, originariamente negli L.A. Guns, lasciò subito il gruppo per poi essere sostituito da Duff McKagan, che esordì insieme agli altri membri della band l'11 aprile di quello stesso anno, al locale "Radio City" ad Anaheim in California. Poco dopo anche il chitarrista Tracii Guns abbandonò il gruppo, a causa di divergenze con Axl Rose, e riformò gli L.A. Guns. Al suo posto entrò Saul Hudson, in arte Slash, che aveva avuto precedenti esperienze in alcune band tra cui i London[19] e Black Sheep[20], oltre ad aver già suonato negli stessi Hollywood Rose insieme a Rose e Stradlin[21].

Qualche mese dopo, annunciò la dipartita anche Rob Gardner. Come racconta Slash nella sua biografia, i 4 restanti chiamarono l'unico batterista che sarebbe partito in tour con loro anche la sera stessa; Steven Adler[22], che proveniva come McKagan e Slash dai Road Crew[23]. La band raggiunse così l'assetto che l'avrebbe portata al successo.

Dopo un difficile tour lungo la strada per Seattle (Washington) ed altre due date nell'Oregon, i Guns tornarono a Los Angeles stabilendosi in un piccolo magazzino ribattezzato "Hellhouse", suonando, svolgendo lavori occasionali e continuando i concerti nella zona[24]. Come altri gruppi che suonavano nell'area di Hollywood, i Guns furono tra i primi a diffondere lo stile sleaze metal.

Tom Zutaut della Geffen Records, dopo essere rimasto stupito da un'esibizione del gruppo, diffuse in giro la falsa notizia che "facessero schifo" per avere più tempo e mezzi per scritturarli[25]. La band ricevette così un anticipo di 75 000 dollari dal manager, il quale però scoprì che Axl aveva già promesso di firmare un contratto con un'etichetta concorrente, a patto che l'agente che l'aveva contattato "avesse camminato nuda per Sunset Boulevard". Zutaut dovette rimanere alla finestra del suo ufficio sul Sunset, a guardare nervosamente la strada, per ben tre giorni prima di riuscire a chiudere l'accordo con il gruppo[26]. Il loro primo manager divenne Alan Niven, che poi li avrebbe aiutati ad incidere alcuni brani musicali.

Grazie a questo contratto, i Guns auto-produssero, nel 1986, l'EP Live ?!*@ Like a Suicide, sotto l'etichetta UZI Suicide, creata ad hoc dalla Geffen ma non ufficialmente riconosciuta. Circolato in sole 10.000 copie[27], Live ?!*@ Like a Suicide aveva l'aspetto e le sonorità di un album live, ma in realtà era stato registrato in studio. Lo scopo dell'EP era quello di attirare attenzione sulla band, che era alla ricerca di un produttore[28].

Appetite for Destruction e il successo (1987-1988)[modifica | modifica sorgente]

Il primo album in studio del gruppo fu Appetite for Destruction, registrato insieme al produttore Mike Clink e uscito nel 1987 e considerato uno dei più importanti lavori nella storia del rock[29]. Nel corso degli anni, infatti, il disco ha venduto oltre 28 milioni di copie in tutto il mondo[30], ed è stato inserito al 61º posto nella lista dei 500 migliori album secondo Rolling Stone. Tre dei singoli estratti dall'album, Welcome to the Jungle, Paradise City e Sweet Child O' Mine, entrarono ai primi dieci posti in classifica negli Stati Uniti. Tutti e tre i brani compaiono inoltre nella lista delle 500 migliori canzoni secondo Rolling Stone, rispettivamente alle posizioni numero 467, numero 453 e numero 196.

Appetite for Destruction fu anche uno dei primi dischi a lanciare a livello mondiale lo sleaze metal[31], stile di hair metal spesso mescolato con elementi di derivazione punk rock e blues rock, che si differenziava leggermente dal genere proposto da altri gruppi in voga in quegli anni (quali ad esempio i Bon Jovi); in particolar modo, il gruppo decise di rinunciare a un'immagine cosiddetta "glam", per proporre uno stile più semplice e immediato. I testi dell'album erano incentrati perlopiù sugli eccessi dei componenti della band e sulla vita nei bassifondi di Los Angeles, anche se non mancavano pezzi sentimentali.

Presto si scatenarono polemiche attorno al gruppo per l'abuso di alcol e droghe, e per l'immagine violenta e scandalosa data da esso, anche a causa della prima copertina dell'album, un dipinto di Robert Williams, poi censurato e cambiato con un tatuaggio di Axl. Il quadro, che l'autore sostiene non sia mai stato pagato dai Guns, illustrava un mostro con i denti "a pugnale" che difendeva una ragazza da uno stupratore robotizzato[4].

I cinque facevano ampio uso di stupefacenti, tanto che durante un tour in Gran Bretagna ricevettero il soprannome di "Lines N' Noses" ("piste" e nasi)[32], e la stampa locale disse di loro: "Sono addirittura peggio dei Beastie Boys!"[33]. I Guns suonarono anche da spalla a gruppi del calibro di Aerosmith e Rolling Stones, per poi intraprendere un proprio tour. Inoltre, insieme a KISS e Iron Maiden presero parte al Monsters of Rock a Donington Park, nel 1988. Durante il tour, Steven Adler venne sostituito per alcune date da Fred Coury, batterista dei Cinderella, perché si era rotto una mano in una rissa in cui la band fu coinvolta all'Hyatt Regency Hotel di Chicago[34]. In quel periodo, i cinque girarono anche i loro primi videoclip, in supporto ai singoli che trainarono Appetite for Destruction e le sue vendite, che durano tuttora. In particolar modo, i video per Welcome to the Jungle e Sweet Child O' Mine permisero alla band di guadagnarsi i suoi primi MTV Video Music Awards.

G N' R Lies (1988-1990) e accuse di omofobia[modifica | modifica sorgente]

Verso la fine del 1988, uscì il disco G N' R Lies, che raccoglieva i pezzi di Live ?!*@ Like a Suicide e quattro canzoni acustiche (tra cui la versione originale di You're Crazy, già nel primo album). Ci furono nuove polemiche per i presunti contenuti razzisti ed omofobi della canzone One in a Million, anche se in realtà il testo voleva descrivere come Los Angeles era apparsa al primo impatto ad Axl, cresciuto nella campagna chiusa e bigotta dell'Indiana. Malgrado i chiarimenti della band, le polemiche crearono problemi notevoli, tanto che i Guns decisero di togliere la canzone dalla scaletta dei loro concerti per evitare ulteriori critiche. L'album fu promosso in diverse date assieme ai Body Count, il cui frontman Ice-T affermò "che lui ed Axl erano entrambi vittime della stampa".

In ogni caso, i Guns, con i loro continui eccessi, non sempre facevano parlare bene di sé, tanto che la Geffen ad esempio fu costretta a richiamare alla moderazione Slash e Duff McKagan, dopo che sotto l'effetto pesante di droghe avevano insultato in modo volgare il pubblico durante gli American Music Awards del 1990. Contemporaneamente cominciarono anche le pressioni di Axl, scontento per la tossicodipendenza dei compagni. Durante un concerto del 1989 al Los Angeles Coliseum, il cantante disse che quello sarebbe stato l'ultimo concerto dei Guns N' Roses, in quanto troppi membri della band "Ballavano con Mr. Brownstone"[35] (riferimento ironico al brano Mr. Brownstone contenuto in Appetite for Destruction). Steven, Slash ed Izzy decisero così di entrare in terapia.

Rivalità con i Mötley Crüe[modifica | modifica sorgente]

I Mötley Crüe nel 2008.

Una volta tornati a Los Angeles dopo i concerti in Russia, Vince Neil, cantante dei Mötley Crüe, si prese 10 giorni di pausa dedicandosi al rafting agli Snake River in Idaho. Da lì chiamò la propria moglie dell'epoca, Sharise Ruddell, che gli raccontò che Izzy Stradlin, chitarrista dei Guns N' Roses, aveva tentato di corteggiarla una sera al Cathouse club (locale di Los Angeles gestito da Taime Downe dei Faster Pussycat).

Stradlin, vedendo che la Ruddell non acconsentì all'approccio, la spinse per terra davanti alla gente che si trovava nel locale. Sharise gli tirò uno schiaffo in faccia, ma di risposta il chitarrista le tirò un pugno nello stomaco. Circa un mese dopo, il 5 settembre del 1989, i Mötley parteciparono all'edizione annuale degli MTV Video Music Awards, a Los Angeles. Mentre il resto della band attendeva all'interno della limousine, Vince aspettò nel backstage mentre i Guns N’ Roses suonavano con Tom Petty.

Vince, terminata l'esibizione, assalì il chitarrista Izzy Stradlin con un pugno in faccia, come ringraziamento per aver picchiato sua moglie. La security dei Mötley trascinò via Neil. Mentre questo stava lasciando gli Award, Axl Rose, gli disse che l'avrebbe ucciso. Quando Vince lo incoraggiò a farlo, Axl se ne andò, segnando l'inizio di una lunga battaglia tra le due band. Axl Rose iniziò ad insultare Neil in alcune interviste, dicendo che aveva diffamato i Guns N’ Roses per anni. Vince in risposta affermò che aveva insegnato dei trucchi di canto ad Axl per aiutarlo.

Axl invitò Vince diverse volte ad incontrarsi per una lotta, almeno 6 volte, in posti come i Tower Records in Los Angeles, o sulla costa di Venice Beach, ma nessuno dei due cantanti si presentò mai. Nel frattempo, Izzy chiamò Vince e gli chiese scusa per il suo comportamento. Ancora arrabbiato per il gesto di Stradlin, e del trattamento di Axl, Vince invitò i membri dei Guns N' Roses, tramite MTV, a fissare luogo e data per l'incontro.

Egli propose una lotta lunedì notte al Great Western Forum di Los Angeles. Eddie Van Halen e Sammy Hagar dei Van Halen dissero che avrebbero pagato allo scopo di far svolgere la lotta al Madison Square Garden di New York. Nessun combattimento infine venne organizzato, ma la proposta di Vince è ancora aperta[36].

Use Your Illusion (1990-1993)[modifica | modifica sorgente]

« Non posso negare che cacciare Steven dai Guns N' Roses per abuso di droghe fosse un po' ridicolo ed eccessivamente severo. »
(Slash[37])
Matt Sorum, batterista del gruppo dal 1990 al 1997.

Nel 1990, Steven Adler, fu estromesso dal gruppo a causa dei suoi irrisolti problemi con la droga che, a detta della band, gli impedivano di suonare in modo soddisfacente. Come sostituto venne scelto temporaneamente l'ex batterista dei Sea Hags, Adam Maples, prima che Matt Sorum, già membro di Johnny Crash e The Cult, subentrasse nella band come batterista ufficiale[38]. Di contro, Adler, si attivò per portare in tribunale i suoi ex compagni, ottenendo quindi un risarcimento di 2 milioni di dollari, grazie ad un malinteso burocratico presente nel contratto che egli stesso aveva siglato. Al fine di ampliare la proposta sonora del gruppo, assieme a Sorum, i Guns ingaggiarono anche il tastierista Dizzy Reed: anch'egli fuoriuscito dai Johnny Crash ed amico d'infanzia di Axl, Dizzy è l'unico componente della formazione dei primi anni novanta che collabora ancora con Axl.

Nel maggio del 1991, il manager Alan Niven fu licenziato e sostituito da Doug Goldstein, subito prima che il gruppo partisse per un tour internazionale di tre anni, lo Use Your Illusion Tour, che risultò poi essere il più lungo della band e della storia della musica rock in generale, totalizzando 192 spettacoli in 27 Nazioni diverse[39]. Seguito da oltre sette milioni di persone, il tour era caratterizzato dall'accompagnamento di una sezione di coriste ed una di fiati, tranne che per alcune date nei paesi del Pacifico. Tra le prime performance, si segnalarono un assolo di Slash sulle basi della colonna sonora de Il padrino (1972), una cover al pianoforte di It's Alright dei Black Sabbath, ed una versione estesa di Move to the City (già presente nel primo EP del gruppo).

Molti spettacoli dello Use Your Illusion Tour furono contraddistinti da risse, ritardi e lamentele di Axl Rose. La dipendenza della band da alcol e droga, anche se ancora presente, era in quel momento sotto controllo, ma Axl dovette far fronte ad altri problemi tra cui la sicurezza, gli accorgimenti tecnici e le registrazioni indebite dei concerti da parte di alcuni loro fans. Il 2 luglio 1991[40], durante un concerto al Riverport Amphitheater di Maryland Heights (Missouri), non lontano da St. Louis, dopo un'ora e mezza di concerto (durante l'esecuzione di Rocket Queen, dopo due assoli di Slash), Axl Rose saltò in mezzo al pubblico per sottrarre la videocamera a uno spettatore che li riprendeva illegalmente. Richiamato sul palco dalla sicurezza del gruppo, Rose mise fine all'esibizione e, dopo aver tacciato d'incapacità la sicurezza locale che non era stata capace di impedire le riprese illegali, se ne andò sbattendo violentemente il microfono sul palco. La folla rispose con una rivolta violenta, che si concluse con circa 60 persone inviate all'ospedale per accertamenti e 15 arresti. Il cantante fu accusato di aver incitato la rissa e la polizia lo arrestò l'anno successivo, quando la band stava per cominciare altri concerti fuori dagli USA. Il procedimento non lo considerò però direttamente responsabile della vicenda. Rose sostenne che le guardie del corpo dei Guns N' Roses avevano fatto quattro richieste consecutive alla sicurezza di Riverport di allontanare la videocamera senza ottenere tuttavia risposta, mentre gli altri Guns sostennero di essere stati presi dal pubblico a colpi di bottiglia e denunciarono l'atteggiamento conciliante della sicurezza locale, la quale aveva perfino concesso al pubblico di ubriacarsi e girare armato. A causa di questi fatti, in quel periodo Axl cominciò spesso a girare con una maglietta su cui scritto "Vai all'Inferno, St. Louis!".

Nel settembre dello stesso anno, furono messi contemporaneamente sul mercato Use Your Illusion I[41] e Use Your Illusion II[42], registrati insieme al produttore Mike Clink, riconfermato dopo gli ottimi lavori precedenti. Inizialmente i due dischi sarebbero dovuti essere compresi in un unico doppio album, solo che la Geffen alla fine reputò più saggio pubblicarli come due lavori distinti e separati. I due Use Your Illusion riscossero un enorme successo di vendite e rimasero nella classifica di Billboard per ben 108 settimane, facendo conoscere la band anche al dì fuori del mondo rock e metal a cui Appetite for Destruction faceva principale riferimento[43][44][45]; le sonorità dei due nuovi dischi, infatti, rappresentarono una sorpresa per i fans del gruppo[46], visti i diversi pezzi articolati ed eterogenei presenti in questi. Da segnalare la canzone The Garden di Use Your Illusion I, in cui partecipa il noto cantante Alice Cooper, e il brano scartato Crash Diet, ripreso anni dopo dai Wildside e inclusa nella loro raccolta The Wasted Years del 2004[47].

Axl Rose live in Israele nel 1993.

Subito dopo l'uscita dei due dischi, Izzy Stradlin abbandonò il gruppo e fu rimpiazzato da Gilby Clarke (già nei Kill for Thrills) che proseguì il tour dei Guns, salvo alcune date del 1993 in cui, infortunato, fu sostituito di nuovo da Izzy. Stradlin sostenne di aver abbandonato il gruppo a causa dei contrasti con Axl e Slash, e per alcune scelte legate al marketing. La formazione dei nuovi Guns era ormai costituita solo da 3 dei suoi membri originari.

Il 20 aprile 1992, i Guns parteciparono al Freddie Mercury Tribute Concert, uno degli eventi musicali più importanti degli ultimi 20 anni, insieme a Robert Plant dei Led Zeppelin, Elton John, David Bowie, Roger Daltrey degli Who, Zucchero, Liza Minnelli, Tony Iommi dei Black Sabbath e i Metallica. La mattina suonarono prima Paradise City e poi la reinterpretazione di Knockin' on Heaven's Door di Bob Dylan, mentre il pomeriggio si esibirono Slash (che eseguì un assolo in Tie Your Mother Down suonata con i Queen) ed Axl, che cantò la parte finale di Bohemian Rhapsody (in duetto con Elton John) e We Will Rock You. Axl ricomparve infine abbracciato agli altri artisti, sul coro finale di We Are the Champions.

Da Parigi, nel 1992, fu trasmesso un concerto in pay-tv in cui comparvero come ospiti Lenny Kravitz, che suonò una canzone composta da lui e Slash, e gli Aerosmith, che suonarono Mama Kin e Train Kept A-Rollin'. Il concerto più famoso del gruppo fu però quello tenuto a Tokyo nello stesso anno, dove nei decenni precedenti molti altri gruppi si erano già esibiti, primi fra tutti i Deep Purple. In seguito sarebbero stati pubblicati due DVD di questa esibizione, rispettivamente Use Your Illusion I live e Use Your Illusion II live. Degno di nota, in quel periodo, fu anche il videoclip realizzato per November Rain (dall'album Use Your Illusion I), uno dei più costosi della storia della musica, in quanto costato quasi un milione e mezzo di dollari. Oltre che per November Rain, furono girati clip ad alto budget per Estranged (Use Your Illusion II) e Don't Cry (Use Your Illusion I). Inoltre, per You Could Be Mine, inclusa anche nella colonna sonora del film Terminator 2 - Il giorno del giudizio di James Cameron, fu girato un video utilizzando spezzoni del film e un live della band, con la partecipazione dell'attore Arnold Schwarzenegger.

The Spaghetti Incident? e il declino (1993-1996)[modifica | modifica sorgente]

Dopo la conclusione del maestoso Use Your Illusion Tour, nel 1993, la band pubblicò The Spaghetti Incident?, disco contenente cover di gruppi perlopiù punk rock[48]. Tra varie polemiche e contro la volontà degli altri componenti del gruppo, Axl Rose inserì nel CD la traccia nascosta Look At Your Game, Girl, cover di una canzone di Charles Manson, il mandante degli omicidi di Sharon Tate e Leno LaBianca. Nello stesso anno, i Guns furono premiati come "miglior gruppo hard rock" ai World Music Awards.

Axl, sebbene fosse alle prese con i problemi creatigli dalle sue ex mogli che lo accusavano di maltrattamenti fisici e psicologici, riuscì ad ottenere dagli altri membri della band i diritti sul nome Guns N' Roses, e a prendere il ruolo di loro guida non solo nominalmente ma anche legalmente. Tale richiesta fu molto contestata da Slash che però, davanti alla minaccia di Axl di lasciare il gruppo, alla fine cedette.

Nel 1994, Axl licenziò Gilby Clarke, e lo sostituì col suo vecchio amico Paul Tobias. I Guns incisero la reinterpretazione di Sympathy for the Devil dei Rolling Stones, per la colonna sonora del film Intervista col Vampiro. Quell'anno, dopo vari tentennamenti, Slash decise di lasciare il gruppo a causa del completo deterioramento del suo rapporto con Axl, viste alcune mancanze di rispetto di quest'ultimo nei confronti di Slash, e si separò ufficialmente nel 1996 per dedicarsi completamente al suo progetto contemporaneo, gli Slash's Snakepit[49]. Un anno dopo, Axl licenziò anche Matt Sorum, che a suo giudizio trascurava i Guns N' Roses a favore dei Neurotic Outsiders, e poco tempo dopo anche Duff McKagan lasciò la band. Finiva così la storia del gruppo che aveva portato il nome e la musica dei Guns N' Roses al successo mondiale.

Cambiamenti nella formazione (1998-2005)[modifica | modifica sorgente]

Buckethead, membro della nuova formazione fino al 2004.

Dopo la dipartita degli altri membri del gruppo, con il solo Axl rimasto, ben presto cominciarono a girare voci sulla probabile uscita di un nuovo album, ancora con Mike Clink alla produzione. Nel 1998, Axl tornò sulle scene con i due nuovi chitarristi Robin Finck (Nine Inch Nails) e Paul Tobias, il bassista Tommy Stinson (The Replacements), il batterista Josh Freese (The Vandals), Dizzy Reed (già presente nel gruppo dalle registrazioni di Use Your Illusion) e l'addetto ai campionamenti Chris Pittman.

L'anno seguente, i "nuovi" Guns registrarono il brano Oh My God, per la colonna sonora di Giorni contati, con la collaborazione di Dave Navarro e di Gary Sunshine, maestro di chitarra di Axl. Subito dopo, la Geffen ne approfittò per pubblicare Live Era 87-93, raccolta di varie esibizioni live che copre tutta la carriera della band. Intanto, Robin Finck tornò in tour con i Nine Inch Nails, lasciando la band. Nel 2000, fu rimpiazzato da Buckethead, mentre al posto del batterista Josh Freese entrò Bryan Mantia (Primus). Finck tornò nella band alla fine del 2000, come secondo chitarrista, e la nuova formazione suonò nel gennaio del 2001 a due concerti, uno a Las Vegas e uno a Rio de Janeiro, in Brasile, al festival Rock in Rio. Nelle due esibizioni, i nuovi Guns suonarono sia vecchi brani che nuovi pezzi.

Intanto proseguirono le sessioni di registrazioni del nuovo album[50], la cui pubblicazione è stata da allora rimandata numerose volte. Nel 2002, Paul Tobias fu rimpiazzato da Richard Fortus (The Psychedelic Furs, Love Spit Love), e ad agosto sostennero alcuni concerti in Asia ed Europa. Axl Rose fu anche tra i presentatori agli MTV Video Music Awards di quell'anno, e nello stesso anno partì in tour con il suo gruppo.

Nel marzo del 2004, Buckethead lasciò la band, che fu perciò costretta a non partecipare al Rock in Rio, e nello stesso periodo uscì il primo Greatest Hits del gruppo. In contemporanea, uscì sul mercato anche l'album The Roots of Guns N' Roses, pubblicato dalla Cleopatra Records e contenente le prime registrazioni degli Hollywood Rose, tra cui anche qualche brano ripreso poi dai Guns. Axl, Slash e Duff McKagan fecero poi causa all'etichetta per impedire il rilascio dell'album, soprattutto perché nel titolo "Hollywood Rose: The Roots of Guns N' Roses" appariva il nome del gruppo. Nel mese di aprile 2005, la corte sentenziò a favore della Cleopatra e contro Rose, Slash e McKagan. Per concludere, in maggio, il giudice Gary Allen Feess, del distretto della California, ricevette da parte della Cleopatra Records la richiesta di un risarcimento di 24.176,38 dollari.

La preparazione del nuovo disco (2006-2007)[modifica | modifica sorgente]

Guns N' Roses in concerto a Stoccolma alla Globe Arena nel 2006.

Nel febbraio del 2006, iniziarono a trapelare illegalmente su Internet, mediante un fan club del gruppo, alcuni demo inediti: Better, Catcher In The Rye, I.R.S. e There Was a Time. Nonostante i rappresentanti d'etichetta dei Guns avessero richiesto la cancellazione di testi ed mp3 di quei brani, molte stazioni radio trasmisero deliberatamente I.R.S., e a fine febbraio la canzone arrivò 49ª su Radio & Records, primo leak in rete ad entrare in una classifica. Ciò ha rinforzato in alcuni fans l'idea dell'imminente pubblicazione del tanto atteso e rimandato nuovo album.

Quell'anno, i Guns N' Roses hanno partecipato ad alcuni importanti festival europei e sostennero vari concerti nel vecchio continente, durante l'estate. Il tour, che partì da Madrid il 25 maggio e terminò a Londra il 31 luglio, offrì spettacolo ad oltre 700.000 persone in 32 date che hanno toccato 18 paesi, facendone uno degli eventi più importanti dell'anno e del continente. Nello stesso anno il gruppo ha suonato dal vivo anche negli USA (New York, Chicago, Las Vegas, San Francisco), ed Axl ha di nuovo presentato alcuni premi agli MTV Video Music Awards. A New York ha debuttato il nuovo chitarrista Bumblefoot, mentre a San Francisco si è seduto alla batteria Frank Ferrer, sostituto di Bryan Mantia, che attualmente è in pausa e si dedica alla moglie e alla neonata figlia[51].

Durante gli ultimi MTV Video Music Awards del 2006, Axl ha sostenuto che l'album sarebbe dovuto uscire proprio in quell'anno e la data più concreta era considerata il 21 novembre, dopo la premiazione della finale NASCAR. A seguire ci sarebbe dovuto essere anche un nuovo spot della Harley-Davidson con la canzone "Better", che doveva anticipare la pubblicazione del singolo, ma la versione dello spot con la nuova hit non è stata pubblicata se non in via informale. Nella versione ufficiale, Better è sostituita da Paradise City.

Il 3 febbraio 2007 è uscito il DVD Live in Chicago. L'8 febbraio i Guns si sono esibiti alla Rodeo Drive's Walk of Style a Beverly Hills, cerimonia in onore dei celebri stilisti Gianni e Donatella Versace, suonando Knockin' on Heaven's Door e Sweet Child O' Mine con Chris Pittman al basso. Due giorni dopo hanno annunciato la riapertura per il 2007 del Chinese Democracy Tour.

Il 23 febbraio Del James, nuovo manager dei Guns N' Roses dopo il licenziamento di Merck Mercuriadis, ha riferito che la registrazione di Chinese Democracy è stata completata e che ora il gruppo sta passando le canzoni al mixaggio, smentendo così le voci secondo cui la data di uscita dell'album era il 6 marzo[52]. Il 2 aprile il chitarrista Bumblefoot ha annunciato di aver completato il mixaggio dell'album, ma non ha saputo quante saranno le tracce né quale sarà la lista delle stesse. In seguito sono stati sostenuti altri concerti del Chinese Democracy Tour in Giappone, Thailandia, Sudafrica, Sud America, Messico, Australia e Nuova Zelanda, senza il batterista Bryan Mantia, che non suona più nei Guns.

Il 4 maggio sono stati diffusi altri tre leak illegali da Chinese Democracy, la title track, The Blues (Street of Dreams) ed una nuova versione di I.R.S., tutte canzoni che i Guns hanno suonato già dal vivo. Un membro del fan site chinesedemocracy.com, che si fa chiamare con il nick "Mister Saint Laurent", ha ammesso di essere stato lui a diffondere i tre recenti leak[53].

Nel settembre del 2007 Sebastian Bach, ex cantante degli Skid Row, ha dichiarato che Axl ha duettato con lui su due brani del suo nuovo album solista, Angel Down. Si tratta di quello che sarà il primo singolo, (Love Is) A Bitchslap, e su una reinterpretazione degli Aerosmith, Back In The Saddle. Successivamente, lo stesso Bach ha affermato che i brani in cui è presente Axl potrebbero essere tre, come poi confermato dallo stesso sul sito ufficiale della band. Il terzo brano è Stuck Inside.

Chinese Democracy (2008)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Chinese Democracy e Chinese Democracy Tour.

Il 7 gennaio 2008, un anonimo cantante di Chicago ha suonato con il tastierista Dizzy Reed al Double Doo di Chicago. Alla fine della session ha chiesto informazioni su Chinese Democracy e Dizzy ha confermato che l'album è finito ed è stato consegnato alla Geffen per la pubblicazione. La stessa notizia era sta anticipata anche dal famoso DJ americano Eddie Trunk nonché amico di Axl Rose, pubblicando sul suo sito la medesima informazione.

Dopo l'estate si fanno sempre più insistenti le voci di un accordo del management dei Guns N' Roses con la catena di negozi Best Buy per la distribuzione in esclusiva sul territorio americano di Chinese Democracy. Verso metà ottobre sul sito della Best Buy viene pubblicata la pagina di pre-ordine del disco, che si legge sarà disponibile in due copertine diverse, in formato CD e vinile. Appaiono anche la tracklist e la "versione A" della copertina. In seguito, le informazioni relative alla seconda copertina spariscono ma, notizia ben più importante, il 22 ottobre l'uscita di Chinese Democracy è confermata ufficialmente per il 23 novembre dai responsabili della Best Buy e del management del gruppo. Lo stesso giorno il primo singolo, che risulta essere la title track, entra in rotazione nelle radio. I singoli estratti finora sono tre: Chinese Democracy, Better e a febbraio 2009 Street of Dreams.

Inoltre, l'Italia è stata uno dei primi paesi del mondo ad ascoltare la nuova versione di Chinese Democracy, essendo stata ufficializzata la data d'uscita dell'album al 21 novembre, 2 giorni prima degli Stati Uniti.

Nelle settimane successive all'uscita di Chinese Democracy Axl è misteriosamente sparito dalla circolazione, senza promuovere l'album. Subito sono partite le speculazioni da parte dei fan riguardo a una possibile riunione, dato anche dal probabile destino dei Velvet Revolver. Interpellati, gli ex Guns, non hanno negato la possibilità di una riunione dei Guns N' Roses che partorirono Appetite for Destruction. Nonostante la notizia sia circolata parecchio online, Irving Azoof, co-manager dei Guns n' Roses, ha smentito le voci che vorrebbero Axl Rose in procinto di riunire la formazione originale della band per un tour mondiale. Ecco cosa ha riferito Azooff ai microfoni di una radio americana: "Non ci sono progetti di reunion, né i vecchi membri della band hanno discusso sulla possibilità di ritornare insieme sul palco. Spero che i media cerchino di informarsi meglio in futuro, in modo da non permettere la circolazione di storie false per trarne chissà quale profitto."[54]

Aggiornamenti fino ad oggi[modifica | modifica sorgente]

Axl ha poi risposto direttamente ai fans in alcuni forum su internet. Rose ha dichiarato che ha sempre pensato a Chinese Democracy come un album doppio, e ha persino elencato i titoli di alcune canzoni che potrebbero essere presenti in un eventuale Chinese Democracy II. Tra i brani sarebbero inclusi Silkworms, brano che i Guns N' Roses hanno suonato dal vivo nel 2001, e altre canzoni come Atlas Shrugged e The General. Probabilmente Izzy Stradlin collaborerà nel brano Down by the Ocean. Nonostante ciò Axl Rose ha ribadito in un'intervista a Billboard che una riunione con la vecchia formazione dei Guns sarebbe irrealizzabile, in particolare i rapporti con Slash sono alquanto deteriorati. Pare invece, che i rapporti con Duff McKagan e il sopra citato Izzy siano stati recuperati, tanto che con quest'ultimo sarebbero state registrate alcune parti del fantomatico nuovo album[senza fonte]. Tuttavia non ci sono conferme che Stradlin farà parte della formazione futura dei Guns N' Roses, ne tantomeno di possibili riunione future. Difatti, il 21 marzo 2009, Axl Rose ha proclamato attraverso un comunicato che Robin Finck lascia momentaneamente la band, per seguire i suoi Nine Inch Nails. Prende il suo posto DJ Ashba, chitarrista che ha collaborato con Mötley Crüe, e che fa parte dei Sixx:A.M. di Nikki Sixx.

Dopo l'estate, si intensificano le voci di partenza del tour. Vengono ufficializzate in novembre 4 date asiatiche e 13 date canadesi. Le date asiatiche sono caratterizzate da scalette lunghe e dal concerto più lungo della band, a Tokyo, il 19 dicembre. I Guns N' Roses annunciano delle date sudamericane, ed il tour continua molto bene, tranne che per alcune date annullate per problemi meteorologici e di organizzazione. Il gruppo californiano arriva anche in Europa, per alcune date tra fine maggio e inizio giugno in Norvegia, Svezia, Danimarca e Russia. La seconda parte dell'European Tour ricomincia a fine agosto in Inghilterra. Vengono inoltre annunciate due date italiane, il 4 settembre 2010 al PalaLottomatica di Roma e il 5 settembre 2010 al Mediolanum Forum di Assago[55]. L'inizio della seconda parte dell'European Tour viene però condizionato da alcuni ritardi della band ai concerti di Reading e Leeds. L'incidente più grave accade però a Dublino, quando la band viene quasi "cacciata" a bottigliate dal palco. Interrotto al secondo avvertimento di Axl Rose, il concerto ricomincia dinanzi a poche migliaia di spettatori, dopo che molte persone avevano abbandonato la struttura. Le date italiane invece registrano, nonostante tutto, il soldout e i concerti vedono una band in grande forma. Tra i tanti classici suonati nelle date italiane ci sono canzoni come "Welcome to the Jungle", "It's So Easy", "Rocket Queen", "November Rain", "Sweet Child O' Mine" e "Paradise City". Il 14 ottobre all'O2 di Londra, torna sul palco con il gruppo, per la prima volta da quando nel 1997 ha lasciato la band, il bassista Duff McKagan. Durante lo show McKagan suona come ospite in classici tra cui "You Could Be Mine", "Knockin' on Heaven's Door", "Patience" e "Nice Boys". L'European Tour 2010 termina il 23 ottobre a Barcellona.

Dopo un periodo di silenzio, alcune interviste rilasciate rispettivamente dai chitarristi DJ Ashba e Ron Thal hanno prima aperto e poi chiuso l'ipotesi di un nuovo album (si è parlato di Chinese Democracy II), ma nel mese di marzo 2011 è arrivata la conferma della partecipazione del gruppo al Rock in Rio 2011, domenica 2 ottobre(biglietti terminati in poche ore). Il chitarristaDJ Ashba, in un'intervista, parla della situazione compositiva della band, affermando "Axl Rose possiede abbastanza materiale da riempire 3 album di inediti". Nella stessa intervista il chitarrista ipotizza un tour della band. Ipotesi divenuta realtà tra i mesi di luglio e settembre 2011, quando vengono annunciate nuove date, che insieme alla partecipazione al Rock In Rio completano il "Latino America Tour 2011". Al Rock in Rio la band si esibisce con forte ritardo, tuttavia non dipendente dai "capricci" del frontman, ma dalle cattive condizioni meteorologiche e dallo sforamento dei System of a Down. In una prestazione poco brillante, dopo 18 anni torna dal vivo la canzone Estranged, accolta dal boato del pubblico brasiliano. In un crescendo continuo, Rose e la band raggiungono una forma ottimale, quando il 28 ottobre inizia lo U.S. Tour, il primo dopo cinque anni lontani dagli U.S.A. Il tour parte a Orlando e termina il 31 dicembre in un "New Eve Concert" a Las Vegas, portando la band a suonare in trentadue date lungo tutti gli Stati Uniti. Il 4 dicembre a Nashville, dopo oltre 18 anni, viene suonata per la prima volta Civil War, rientrata con Estranged in pianta stabile nelle scalette del gruppo. In un paio di date ad aprire per la band ci sono i Loaded, gruppo di Duff McKagan, ex bassista della band, il quale sale sul palco anche con gli stessi GN'R per qualche canzone. L'intero U.S. Tour riscuote ottime critiche, venendo candidato da molti siti specializzati come "tour dell'anno".

Intanto si rincorrono le voci per la band, candidata ad entrare nella Rock and Roll Hall of Fame 2012, di una reunion con i membri originari di Appetite for Destruction. Lo stesso Rose, in un'intervista televisiva con Eddie Trunk rivela di avere un'ottima intesa con l'attuale band, nonché di essere immerso completamente nel progetto e di avere dei validi prospetti futuri, ma di essere consapevole al tempo stesso che una "rimpatriata" in occasione del loro ingresso nella RNRHOF potrebbe far molto piacere ai fan. Il 7 dicembre arriva l'ufficialità dell'ingresso del gruppo nell'olimpo dei grandi del rock. Steven Adler non nasconde la sua disponibilità a salire sul palco con gli altri quattro "teschi", mentre Slash ed Axl Rose non vanno oltre il ringraziamento ai fan per il traguardo raggiunto, non sbilanciandosi su un'eventuale ricongiungimento. Nel frattempo, una fan community italiana lancia una petizione affinché i 5 di Appetite For Destruction tornino assieme, anche solo per la premiazione. Rose, in occasione di un concerto a Los Angeles il 21 dicembre, rilascia un'intervista al L.A. Times: ribadisce ancora una volta che una reunion ai fan potrebbe far piacere, anche solo per una notte, ma allo stesso tempo di aver trovato una gran band con il quale è pronto a registrare un nuovo album.

Viene annunciato nel gennaio del 2012 l'"Up Close and Personal Tour", che porta il gruppo ad esibirsi nei principali club degli U.S.A. Durante questo tour, durato circa un mese, e svoltosi in ambienti più "intimi" il gruppo non pone particolari cambiamenti in scaletta, ma adegua il palco ai contesti, rimuovendo effetti pirotecnici e vari schermi.

Intanto nessuna notizia viene comunicata dai management degli artisti interessati circa la premiazione alla Rock and Roll Hall of Fame, e solo pochi giorni prima dell'evento il leggendario frontman del gruppo, Axl Rose, pubblica una lettera nella quale afferma di non voler partecipare alla cerimonia di premiazione, e in cui chiede che la sua persona non venga inserita nell'"Albo degli Immortali del Rock" e che tanto meno venga associata al gruppo Guns N' Roses introdotto nell'occasione. Si moltiplicano le critiche al frontman del gruppo nei giorni successivi, e molti fan della band, compresi quelli della fase cosiddetta "nuova", non appoggiano la scelta di Rose. Nei giorni successivi l'ex bassista della band Duff McKagan pubblica tramite i suoi contatti sui social network un comunicato dell'ex-chitarrista della band Izzy Stradlin, il quale comunica la sua assenza alla cerimonia, facendo però intuire che se la band al completo fosse stata presente, lui si sarebbe probabilmente presentato. Il 14 aprile, in quel di Cleveland, introdotti dai Green Day, i Guns N' Roses entrano nella Rock and Roll Hall of Fame. Alla cerimonia partecipano il chitarristaSlash, il bassista Duff McKagan e i batteristi Steven Adler e Matt Sorum. Sono invece assenti Izzy Stradlin, Dizzy Reed (presente nella band dal 1991) e Axl Rose. Quando Billie Joe Armstrong nei suoi elogi arriva a Rose (senza tuttavia citarlo, come da lui richiesto), i fischi della folla fanno capire chiaramente l'opinione in merito. Armstrong definisce Rose come "uno dei migliori che abbiano mai toccato un microfono". La band, con una decisione dell'ultimo momento (come rivelato da Slash nei giorni seguenti), decide di esibirsi con il chitarrista Gilby Clarke, già sostituto di Izzy Stradlin nell'U.Y.I. Tour e chitarrista ritmico nell'album The Spaghetti Incident, e dal cantante Myles Kennedy, che collabora con lo stesso Slash nel suo nuovo progetto solista. Il gruppo si esibisce nei classici Mr. Brownstone, Sweet Child O' Mine e Paradise City.

Viene annunciato un nuovo tour europeo tra i mesi di maggio e luglio, con la band di Axl Rose e C. che parte da Mosca l'11 maggio e termina a Maiorca il 22 luglio. Il tour registra grandi numeri e grandi performance ovunque, e nelle date del 31 maggio e del 1º giugno al The O2 di Londra e in quella conclusiva del tour a Maiorca il 22 luglio, la band viene raggiunta dall'ex-chitarrista Izzy Stradlin, il quale, oltre a suonare in grandi classici della band tra cui Patience e Paradise City, canta in 14 Years. Quest'ultima non era mai stata suonata dai Guns N' Roses dai tempi dell'U.Y.I. Tour. Il 22 giugno i Guns N'Roses approdano in Italia all'Arena Fiera di Rho, nell'ambito del festival Gods of Metal ed in qualità di headliner. La loro è l'esibizione più lunga del festival, sforando le 3 ore e un quarto di concerto, ed inoltre quella con più canzoni dell'intero European Tour della band. Con un Axl Rose di buon umore, la band si esibisce anche in My Michelle, prima ed unica volta durante il tour europeo, affiancata da Sebastian Bach, esibitosi nel pomeriggio.

Prima del concerto di Spalato, in un'intervista DJ Ashba e Tommy Stinson confermano che la priorità della band, a tour terminato, è la composizione del nuovo album. Nel mese di agosto 2012 viene annunciata una "Las Vegas Residency" intitolata "Appetite For Democracy" durante la quale la band, tra il 31 ottobre e il 24 novembre, si esibirà in 12 date al The Joint, sala concerti da 4000 unità all'Hard Rock di Las Vegas.

Stile ed influenze[modifica | modifica sorgente]

I Guns N' Roses dal vivo a Hamilton in Canada nel 2010.

La musica dei Guns N' Roses è inquadrata genericamente come hard rock/heavy metal (hard & heavy[14]). Più precisamente, la band è stata riconosciuta nella corrente Hair/Pop metal[9][56][57] ed in particolare, nelle sottocorrente Sleaze metal[11]. Sebbene annoverati nel Hair/Pop metal, in alcuni punti i Guns n' Roses si dimostrarono in controtendenza rispetto a molte band di questo filone, per via di tematiche più serie e arroganti come la dipendenza dall'eroina, l'alcool, il sadomasochismo, le prostitute e crimini[58], in un'epoca in cui questo tipo di genere esaltava nient'altro che il divertimento[59]. Per questo motivo, alcuni non riconobbero l'appartenenza della band al genere in questione, anche per il fatto di aver portato in auge uno stile più grezzo e sporco, che aveva punti in comune con l'hard rock e l'heavy metal degli anni settanta[1][60], al contrario delle sonorità contemporanee proposte dalla maggior parte dei gruppi Hair metal. Fu proprio per questo motivo che i Guns N' Roses vennero poi riconosciuti come gli iniziatori dello Sleaze metal, ovvero quel sottogenere dell'Hair/Pop metal[11] dalle caratteristiche più grezze, sporche e dirette, che prese piede proprio con il loro esordio, e che vedeva tra gli altri seguaci i cugini L.A. Guns, e i Faster Pussycat[12]. Ma al di là di queste divergenze, il gruppo si rivelò comunque vicino alla sensibilità pop, e come nella tradizione pop metal, incorrevano spesso in power ballad orecchiabili e a sfondo sentimentale, ed altre peculiarità tipiche delle "Hair band".

Successivamente, con la nuova formazione, i Guns N' Roses hanno iniziato ad ispirarsi a un Industrial metal simile a quello dei Nine Inch Nails, con il loro ex chitarrista Robin Finck. Negli anni novanta incorporarono suoni di tastiera (suonata sia da Axl Rose che da Dizzy Reed, e in alcuni tour da Teddy "Zig Zag" Andreadis), e per metà dello Use Your Illusion Tour si avvalsero anche di una sezione di strumenti a fiato. Nei concerti, Rose si mette al pianoforte solamente durante l'esecuzione di November Rain, da lui scritta, mentre Reed continua a suonare il sintetizzatore assieme all'altro tastierista della band Chris Pittman.

Sull'immagine e le sonorità dei Guns influirono molto anche gli Hanoi Rocks, come Slash stesso cita nella sua biografia. Inoltre Axl Rose ha sostenuto che il suo gruppo è stato ispirato da Rolling Stones, AC/DC, Led Zeppelin, Pink Floyd, Queen[61], Alice Cooper, Scorpions, Thin Lizzy e, in Appetite for Destruction, dai primi Aerosmith. Quasi tutte le canzoni dei Guns N' Roses sono state scritte da Axl Rose e da Izzy Stradlin'.

Nonostante la band rientri principalmente nell'hard & heavy, molti dei loro brani spaziano tra i vari generi, dal più duro hard rock (Welcome to the Jungle, Nightrain) a vere e proprie ballate melodiche e sentimentali (Don't Cry, November Rain).

Collaborazioni e progetti collaterali[modifica | modifica sorgente]

Gli ex componenti dei Guns si sono dedicati ad altri gruppi, collaborazioni con altri artisti e carriere soliste.

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Formazioni dei Guns N' Roses.

Attuale[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Discografia dei Guns N' Roses.

Tournée[modifica | modifica sorgente]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d (EN) Stephen Thomas Erlewine, Greg Prato, Guns N' Roses in Allmusic, All Media Network. URL consultato il 14 aprile 2010.
  2. ^ Guns N' Roses, Ondarock.it. URL consultato il 28 giugno 2010.
  3. ^ Martin Popoff, op. cit., p. 192.
  4. ^ a b (EN) Guns n' Roses, Nolifetilmetal.com. URL consultato il 24 giugno 2010.
  5. ^ (EN) Best heavy-metal albums of all times, Scaruffi.com. URL consultato il 24 giugno 2010.
  6. ^ (EN) The Best Heavy Metal Albums Of The 1980s, Heavymetal.about.com. URL consultato il 24 giugno 2010.
  7. ^ (EN) Kevin Barnes, Best and worst hair metal bands, Pitchformedia.com, 21 marzo 2010. URL consultato il 24 giugno 2010.
  8. ^ (EN) Vik Bansal, Guns N'Roses, Musicomh.com. URL consultato il 24 giugno 2010.
  9. ^ a b c (EN) Greatest hair/pop metal bands, Digitaldreamdoor.com. URL consultato il 25 giugno 2010.
  10. ^ Dave Eggers & Zadie Smith, op. cit., p. 150.
  11. ^ a b c (EN) Paul Rhodes, History, description and examples of glam metal, Classicrock.about.com. URL consultato il 6 ottobre 2010.
  12. ^ a b M. C. Strong, The great rock discography. "[New York Dolls] A pivotal reference point for not only punk, but the US sleaze/glam metal movement of the mid-80's (FASTER PUSSYCAT, LA GUNS, GUNS N' ROSES, et al)", Giunti, 1998, p. 574, ISBN 88-09-21522-2.
  13. ^ a b (EN) Jason Lindholm, Top Ten Songs by Guns N' Roses, Associatedcontent.com, 21 settembre 2006. URL consultato il 25 giugno 2010.
  14. ^ a b c Rizzi, 1996, op. cit., p. 5.
  15. ^ (EN) Greg Kot, Turn It Up: Guns N' Roses releases first 'Chinese Democracy' single: Was it worth the wait?, Chicago Tribune, 22 ottobre 2008. URL consultato il 6 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 13 gennaio 2012).
  16. ^ (EN) Guns N' Roses: inducted in 2012 - The Rock and Roll Hall of Fame and Museum, rockhall.com. URL consultato il 16 aprile 2012.
  17. ^ Essi Berelian, op. cit., p. 143.
  18. ^ (EN) Manifesto del 26/3/1985, GNRtour.com. URL consultato il 25 giugno 2010.
  19. ^ (EN) London bio, Musicmight.com. URL consultato il 26 giugno 2010.
  20. ^ (EN) Hollywood Rose bio, Musicmight.com. URL consultato il 26 giugno 2010.
  21. ^ Slash & Anthony Bozza, op. cit., pp. 103-105.
  22. ^ Slash & Anthony Bozza, op. cit., pp. 114.
  23. ^ Adler nei Road Crew, TheGunsOnline.com. URL consultato il 13 luglio 2010.
  24. ^ Slash & Anthony Bozza, op. cit., pp. 173-174.
  25. ^ Slash & Anthony Bozza, op. cit., pp. 144.
  26. ^ (EN) Here Today... Gone to Hell! Q&A, Heretodaygonetohell.com. URL consultato il 25 giugno 2010.
  27. ^ Barry Lazell. Rock Movers and Shakers: An A-Z of People Who Made Rock Happen 1986 May Guns N' Roses release 10000 copies of 4-track EP Live ?!*@ Like a Suicide. Billboard Publications, Inc., 1989. ISBN 0-8230-7608-3
  28. ^ (EN) Live ?!*@ Like a Suicide, GnRsource.com. URL consultato il 25 giugno 2010.
  29. ^ (EN) Stephen Thomas Erlewine, Appetite for Destruction, Allmusic.com. URL consultato il 25 giugno 2010.
  30. ^ (EN) Guns N' Roses New Album Looms, News.sky.com, 23 ottobre 2008. URL consultato il 25 giugno 2010.
  31. ^ Guns N' Roses in Treccani.it - Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 2 febbraio 2013.
  32. ^ Lines N' Noses, Liverock.it. URL consultato il 28 giugno 2010.
  33. ^ IlCannocchiale.it, http://scrocconibastardi.ilcannocchiale.it/. URL consultato il 13 luglio 2010.
  34. ^ Fred Coury sostituisce Steven Adler, Cinderellaitalia.altervista.org/. URL consultato il 28 giugno 2010.
  35. ^ Troppi di noi ballano con Mr Brownstone, Chitarradaspiaggia.com. URL consultato il 25 giugno 2010.
  36. ^ (EN) Mötley Crüe vs Guns N' Roses, Members.ozemail.com.au. URL consultato il 25 giugno 2010.
  37. ^ Slash & Anthony Bozza, op. cit., p. 313.
  38. ^ Steven Adler interview, Classic Rock Magazine, aprile 2005. URL consultato il 25 giugno 2010.
  39. ^ Slash & Anthony Bozza, op. cit., pp. 372.
  40. ^ (EN) There's A Riot Going On!, Heretodaygonetohell.com. URL consultato il 25 giugno 2010.
  41. ^ (EN) Stephen Thomas Erlewine, Use Your Illusion I, Allmusic.com. URL consultato il 25 giugno 2010.
  42. ^ (EN) Stephen Thomas Erlewine, Use Your Illusion II, Allmusic.com. URL consultato il 25 giugno 2010.
  43. ^ metal.it, I Guns si distaccano da Appetite 1. URL consultato il 9 luglio 2010.
  44. ^ (EN) sortmusic.com, I Guns si distaccano da Appetite 2. URL consultato il 9 luglio 2010.
  45. ^ Storiadellamusica.it, I Guns si distaccano da Appetite 3. URL consultato il 10 luglio 2010.
  46. ^ metalupyourfuckingass.blogspot.com, I Guns cambiano genere. URL consultato il 9 luglio 2010.
  47. ^ The Wasted Years, Allmusic.com. URL consultato il 25 giugno 2010.
  48. ^ (EN) Stephen Thomas Erlewine, The Spaghetti Incident?, Allmusic.com. URL consultato il 25 giugno 2010.
  49. ^ (EN) Intervista con Slash, Heretodaygonetohell.com, 16 ottobre 1996. URL consultato il 25 giugno 2010.
  50. ^ (EN) Jeff Leeds, The Most Expensive Album Never Made, Nytimes.com, 6 marzo 2005. URL consultato il 25 giugno 2010.
  51. ^ (EN) Congratulations to the Mantia family, Heretodaygonetohell.com, 6 luglio 2010. URL consultato il 25 giugno 2010.
  52. ^ (EN) Chinese Democracy Update, Gunsnroses.com, 22 febbraio 2007. URL consultato il 22 giugno 2010.
  53. ^ (EN) Guns N Roses Chinese Democracy Tour Dates, Chinesedemocracy.com. URL consultato il 25 giugno 2010.
  54. ^ Elmar Burchia, La casa discografica infuriata con Axl Rose «È sparito dopo l'uscita dell'album», Corriere.it, 2 dicembre 2008. URL consultato il 25 giugno 2010.
  55. ^ I Guns N' Roses tornano in Italia, Ticketone.it. URL consultato il 28 giugno 2010.
  56. ^ (EN) Updates!, Gnr-uk.com. URL consultato il 25 giugno 2010.
  57. ^ (EN) Guns N' Roses - Greatest Hits (Geffen), Musicomh.com. URL consultato il 25 giugno 2010.
  58. ^ Jan Goggans, Aaron DiFranco. The Pacific region. Greenwood Publishing Group, 2004. ISBN 0-313-33043-3. p. 363-364
  59. ^ allmusic.com - Appetite for Destruction
  60. ^ Bob Gulla. Guitar Gods: The 25 Players Who Made Rock History. ABC-CLIO, 2008. ISBN 0-313-35806-0. p. 191
  61. ^ (EN) Jeffrey Ressner, Queen singer is rock's first major AIDS casualty, Queenzone.com, 9 gennaio 1992. URL consultato il 25 giugno 2010.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Enciclopedie[modifica | modifica sorgente]

  • Essi Berelian, The Rough Guide to Heavy Metal, Rough Guides, 2005, p. 410, ISBN 978-18-435-3415-0.
  • (EN) Dave Eggers, Zadie Smith, The Best American Nonrequired Reading, Houghton Mifflin Harcourt, 2003, p. 330, ISBN 978-0-618-24696-0.
  • (EN) Peter Buckley, Jonathan Buckley, The Rough Guide to Rock, Rough Guides, 2003, p. 1225, ISBN 1-84353-105-4.
  • Riccardo Bertoncelli, Chris Woodstra, Stephen Thomas Erlewine, All music guide to rock: the definitive guide to rock, pop, and soul, Arcana, 2002, p. 1399, ISBN 978-0-87930-653-3.
  • Federico Guglielmi, Cesare Rizzi, Grande Enciclopedia Rock, Firenze, Giunti editore, 2002, ISBN 88-09-02852-X.
  • Luca Signorelli, Metallus. Il libro dell'Heavy Metal, Giunti Editore, 2001, p. 192, ISBN 88-09-02230-0.
  • Cesare Rizzi, Enciclopedia della musica rock. 3. 1980 - 1989, Volume 3, Giunti Editore, 2000, p. 634, ISBN 978-88-09-01796-2.
  • Martin Popoff, Heavy metal, Collector's Guide Publishing, 2000, p. 191, ISBN 978-1-896522-47-0.
  • Cesare Rizzi, Enciclopedia della Musica Rock. 1970-1979, Firenze, Giunti editore, 1996, ISBN 978-88-09-21523-8.
  • (EN) Robert Walser, Running with the Devil: power, gender, and madness in heavy metal music, Wesleyan University Press, 1993, p. 193, ISBN 978-0-8195-6260-9.

Testi monografici[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Steven Adler, Lawrence Spagnola, My Appetite for Destruction: Sex, and Drugs, and Guns N' Roses, It Books, 2010, p. 304, ISBN 978-0-06-191711-0.
  • (EN) Stephen Davis, Watch You Bleed: The Saga of Guns N' Roses, Gotham Books, 2009, p. 444, ISBN 978-1-59240-500-8.
  • Slash, Anthony Bozza, Slash, Edizioni BD, 2008, p. 470, ISBN 978-88-6123-215-0.
  • (EN) Marc Canter, Reckless Road: Guns N' Roses and The Making of Appetite for Destruction, Recklessroad, 2007, p. 348, ISBN 978-0-9793418-7-8.
  • (EN) Paul Stenning, The Band That Time Forgot: The Complete Unauthorised Biography of Guns N' Roses, Chrome Dreams, 2004, p. 300, ISBN 1-84240-246-3.
  • (EN) Robert John, Guns N' Roses: The Photographic History, Little, Brown & Company, 1993, p. 184, ISBN 0-316-46695-6.
  • (EN) Mick Wall, Guns N' Roses; The Most Dangerous Band in The World, Hyperion, 1992, p. 155, ISBN 1-56282-951-3.
  • (EN) Danny Sugerman, Daniel Sugerman, Appetite For Destruction: The Days of Guns N'Roses, St. Martin's Press, 1992, p. 266, ISBN 978-0-312-07634-4.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]