Guiraut de Tholoza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Guiraut d'Espanha o d'Espagna o de Tholoza (... – ...) è stato un trovatore di ultima generazione (fl. 1245–1265), attivo in Provenza alla corte di Carlo d'Angiò e della contessa Beatrice[1], alla quale molti dei suoi componimenti poetici sono indirizzati[1]. In base ai diversi manoscritti, Guiraut risulta essere originario della Spagna o di Tolosa. Della sua opera ci restano dieci dansas, una pastorela e una baladeta.[1] Una delle sue dansas, Ben volgra s'esser poges, sopravvive con la melodia.[1] Essa inizia con i seguenti versi:

(OC)
« Ben volgra, s'esser poges

c'amors si gardes d'aytan
que non feses fin ayman
chausir en luec que'l plages. »

(IT)
« Ben vorrei, s'esser puote,

c'Amor cur si prendesse
di non farmi fine amante
sceglier ciò che gli aggrada. »

(Guiraut de Tholoza, Ben volgra s'esser poges, vv. 1-4[2][3])

E termina:

(OC)
« Dansa, car ieu ay apres

que'l reys Karles fay gent chan,
per aquo as el ti man
car de fin pres es apres. »

(IT)
« Danza, poiché io ho appreso

che re Carlo gentil canti fece.
Io a lui ti mando
per il suo vero merito. »

(Guiraut de Tholoza, Ben volgra s'esser poges, vv. 43-46[4][3])

Scrisse inoltre Per amor soi gai.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d Aubrey, 24.
  2. ^ Aubrey, 124.
  3. ^ a b Testo completo. URL consultato il 5 aprile 2011.
  4. ^ Aubrey, 125.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Aubrey, Elizabeth. The Music of the Troubadours. Indiana University Press, 1996. ISBN 0-253-21389-4.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]